25 novembre, Ispra celebra la Giornata mondiale per l’eliminazione della violenza contro le donne

25-novembre-cug-ispra

Grande partecipazione ha visto l’evento promosso dal Comitato unico di garanzia (Cug) di Ispra in occasione della Giornata mondiale istituita dall’Assemblea generale dell’Onu. Alla sua terza edizione, l’appuntamento organizzato dall’Istituto è stato un momento di approfondimento sulle tematiche legate alla violenza di genere e sui fattori che contribuiscono al fenomeno nei molteplici ambienti di vita quotidiana.

L’idea di scegliere un titolo lungo e articolato per la giornata (“Oltre le emozioni del momento. Verso la conoscenza tecnico-scientifica del fenomeno per l’individuazione di meccanismi di prevenzione”) esprime il tentativo (riuscito) del Comitato di avviare un processo che riporti il dibattito su un piano analitico e di approfondimento, appunto “oltre le emozioni”, e non limitarlo ad aspetti emotivi temporanei e alla loro diffusione mediatica, seppur fondamentali per orientare una giusta conoscenza del fenomeno.

Si è voluto, invece, privilegiare un approccio tecnico-scientifico, più consono alla mission dell’Ispra, certi del fatto che l’approfondimento, l’analisi e l’individuazione dei fattori di criticità nei vari ambienti di vita possano contribuire alla limitazione, se non all’eliminazione, del sorgere di possibili eventi violenti.

L’attenzione all’ambiente di lavoro è stato uno dei fil rouge del convegno. La presenza di docenti esperti delle varie discipline connesse alla violenza di genere ha contribuito ad analizzare il fenomeno nelle sue complesse ricadute e ad individuare le migliori strategie per definire meccanismi di prevenzione. Gli interventi dei relatori hanno messo in luce quanto operare nell’ottica della prevenzione – dal punto di vista educativo, psico-sociale, sociologico, nonché di misurazione  del fenomeno – rappresenti il principale strumento per scongiurare rischi quali molestie, mobbing, violenze psicologiche, stalking, stress, ai quali si può incorre nei contesti lavorativi e particolarmente nell’ambito delle questioni di genere.

Due video dal significativo impatto hanno introdotto e chiuso l’evento “Parole d’amore”  e “Dalle uno schiaffo”

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *