Lo spiaggiamento di materiali sulla costa di buona parte della Toscana

Fra giovedì 15 e domenica 18 giugno la costa ligure e buona parte della costa Toscana, da Marina di Massa fino all’Isola d’Elba è stata interessata dallo spiaggiamento di materiale di consistenza plastica simile a cera, inodore, di colore giallo-arancio. Vari campioni sono stati prelevati, in collaborazione con le Capitanerie di Porto e analizzati nei laboratori di Arpa Liguria e Arpa Toscana. Leggi il resto >

Modello organizzativo di Arpa Toscana nella gestione delle emergenze ambientali

Le Agenzie forniscono supporto alle autorità competenti per la gestione e risoluzione di emergenze ambientali, tutte quelle situazioni critiche di origine antropica o naturale che possono comportare pericolo per l’ambiente e di conseguenza per l’uomo e che richiedono un intervento immediato; operano inoltre per l’individuazione di eventuali responsabilità.

Continua a leggere Modello organizzativo di Arpa Toscana nella gestione delle emergenze ambientali

La comunicazione delle agenzie ambientali nelle situazioni di emergenza: l’esperienza di Arpa Toscana

L’articolo descrive le modalità con cui Arpa Toscana si impegna a diffondere informazioni in modo il più possibile tempestivo e completo nelle situazioni di emergenza ambientale in cui interviene.

Continua a leggere La comunicazione delle agenzie ambientali nelle situazioni di emergenza: l’esperienza di Arpa Toscana

I fondali marini della Toscana

In una ricca galleria sul canale flickr di Arpat, è possibile apprezzare la bellezza e la ricchezza naturalistica dei fondali delle isole toscane di Pianosa e Montecristo.

Le foto subacquee sono scattate dall’Agenzia durante le proprie attività di monitoraggio delle acque marino costiero.

Giornata mondiale dell’ambiente

“Connecting people to nature”, quindi il legame dell’uomo con la natura, è stato il tema della giornata mondiale dell’ambiente di quest’anno, celebrata il 6 giugno scorso.

I progressi scientifici e i crescenti problemi ambientali degli ultimi decenni, come il riscaldamento globale, ci stanno aiutando a comprendere i molti modi in cui i sistemi naturali supportano la nostra prosperità e il nostro benessere.

Per esempio, gli oceani, le foreste e i suoli del mondo costituiscono vaste riserve per i gas a effetto serra come l’anidride carbonica e il metano; agricoltori e pescatori sfruttano la natura per fornirci cibo; gli scienziati sviluppano farmaci che utilizzano materiale genetico tratto dai milioni di specie che costituiscono la sorprendente diversità biologica della Terra.

Migliaia di contadini in tutto il mondo trascorrono ogni giorno lavorativo “legati alla natura” e apprezzano appieno la propria dipendenza dalle risorse idriche naturali e il modo in cui la natura fornisce loro il sostentamento sotto forma di terreno fertile. Sono quindi tra i primi a soffrire quando gli ecosistemi sono minacciati, sia dall’inquinamento, che dal cambiamento climatico, che dall’eccessivo sfruttamento.

I regali che la natura ci offre sono spesso difficili da valutare in termini monetari; tuttavia, gli economisti stanno sviluppando modi per misurare il valore di molti cosiddetti “servizi ecosistemici”.

Il tema scelto per la giornata mondiale di quest’anno è stato dunque un invito ad uscire all’aperto e nella natura, apprezzarne la bellezza e l’importanza e portare avanti la chiamata a proteggere la Terra che condividiamo.

Il paese ospitante dell’edizione 2017 è stato il Canada.

Sul sito ufficiale della Giornata mondiale dell’ambiente è possibile consultare gli eventi organizzati per celebrare l’evento in tutto il mondo. Anche l’Italia ha aderito con alcune iniziative.

L’obbligatorietà del GPP: questioni applicative e opportunità per le certificazioni ambientali

Nella pratica del GPP, le certificazioni ambientali sono il principale strumento di riferimento. L’obbligatorietà degli “appalti verdi”, recentemente confermata, è una grande opportunità per il loro sviluppo. Alcune questioni applicative dell’obbligatorietà meritano però attenzione, soprattutto in questa fase iniziale.

Continua a leggere L’obbligatorietà del GPP: questioni applicative e opportunità per le certificazioni ambientali

Il Piano della azioni positive di Arpa Toscana

Il 23 marzo scorso la Direzione Arpat ha approvato il nuovo Piano delle azioni positive dell’Agenzia per il triennio 2017-2019, revisionando la proposta presentata dal CUG (Comitato unico di garanzia). Il Piano, frutto della lunga esperienza maturata in Arpat sui temi delle pari opportunità, del benessere organizzativo e contro le discriminazioni, è scaturito dal confronto del CUG con la Direzione dell’Agenzia che ha recepito gran parte delle proposte.

Continua a leggere Il Piano della azioni positive di Arpa Toscana

La simulazione della dispersione in aria ambiente degli inquinanti

L’articolo descrive l’utilità e gli scopi, nell’ambito delle attività di Arpa Toscana, dell’utilizzo di modelli matematici per la simulazione della dispersione in aria ambiente degli inquinanti. Sono riportati inoltre in estrema sintesi due esempi di casi-studio in cui si è reso necessario effettuare questo tipo di simulazioni.

Continua a leggere La simulazione della dispersione in aria ambiente degli inquinanti

Attività di modellistica idrogeologica in Arpa Toscana

Arpa Toscana negli ultimi anni ha iniziato ad utilizzare la modellistica numerica applicata all’idrogeologia, in ambito di pianificazione e gestione del territorio, approfondendo le conoscenze sullo stato quali-quantitativo delle falde acquifere presenti nel sottosuolo e dei corpi idrici superficiali a esse connesse.

Continua a leggere Attività di modellistica idrogeologica in Arpa Toscana

Amianto: le informazioni messe a disposizione da Arpa Toscana

Un quadro sintetico riassuntivo delle informazioni che l’Agenzia metet a disposizione di tutti sul proprio sito sul tema dell’amianto e le attività attualmente in corso per dotare la Toscana di una aggiornata mappatura della sua presenza.

Continua a leggere Amianto: le informazioni messe a disposizione da Arpa Toscana