L’information design per la qualità dell’aria

 Le tendenze della comunicazione ambientale riconoscono grande efficacia al visuale: consente di “vedere il dato”, rappresenta la complessità in modo immediato, concentra molte informazioni in un colpo d’occhio; l’esperienza di Arpae Emilia-Romagna nell’articolo in Ecoscienza.

Continua a leggere L’information design per la qualità dell’aria

ECOSCIENZA – Aria e salute, online il nuovo numero della rivista

È online il nuovo numero di Ecoscienza; focus su qualità dell’aria, formazione degli inquinanti ed effetti sulla salute, pianificazione per il miglioramento della qualità dell’aria. Tra gli altri argomenti: cambiamento del clima, uso sostenibile delle risorse idriche e innovazione in agricoltura. Leggi il resto >

Aspettando Bonn, a Marrakech i primi passi operativi sul clima

Alla conferenza Onu sul clima dello scorso novembre, a Marrakech, è iniziato il percorso per l’applicazione dell’accordo di Parigi, entrato in vigore pochi giorni prima della conferenza. Numerosi gli impegni presi dai governi per limitare il riscaldamento globale e le iniziative di altri attori istituzionali, economici e sociali. L’articolo in Ecoscienza 6/2016.

Continua a leggere Aspettando Bonn, a Marrakech i primi passi operativi sul clima

L’Atlante climatico dell’Emilia-Romagna e il progetto Life+ Climate ChangE-R

 

Il cambiamento climatico è un dato di fatto anche in Emilia-Romagna, come emerge dall’atlante climatico curato da Arpae. Aumentate di 1,1 °C le temperature medie; le precipitazioni sono diminuite solo del 2%, ma con notevoli sbalzi stagionali. Il progetto europeo Climate ChangE-R.

Continua a leggere L’Atlante climatico dell’Emilia-Romagna e il progetto Life+ Climate ChangE-R

Le acque sotterranee, una risorsa strategica

Le acque sotterranee rappresentano una risorsa idrica strategica e molto preziosa per l’uomo e per l’ambiente. Gli estesi acquiferi che si formano per ricarica naturale costituiscono serbatoi sotterranei da tutelare per sostenere i diversi usi e per aumentare la resilienza dei territori agli eventi estremi. Le priorità di tutela e di gestione sono individuate dalla direttiva quadro Acque e dalla direttiva Acque sotterranee.

Continua a leggere Le acque sotterranee, una risorsa strategica

Qualità delle acque interne, il quadro normativo di riferimento

Poter disporre di acqua in quantità adeguata e di buona qualità in funzione dei diversi usi è di fondamentale importanza per lo sviluppo e la salute delle comunità. L’Unione europea ha regolato il tema delle acque interne superficiali fluviali, lacustri e delle acque sotterranee con la direttiva quadro sulle acque (2000/60/CE), recepita in Italia con il decreto legislativo 152/2006. Superata la logica dei confini amministrativi, il riferimento territoriale è il distretto idrografico.

Continua a leggere Qualità delle acque interne, il quadro normativo di riferimento

WSP, dal Piemonte un possibile modello nazionale

Il progetto Sperimentazione del modello dei Wsp per la valutazione e gestione del rischio nella filiera delle acque destinate al consumo umano, coordinato da Arpa Piemonte, ha coinvolto anche il Veneto e l’Emilia-Romagna. Dal progetto le prime linee guida per l’applicazione del modello Water safety plan in Italia.

Continua a leggere WSP, dal Piemonte un possibile modello nazionale

Contaminanti emergenti, gli studi in Europa

Down-the-drain, giù per lo scolo, è il modo con cui ci si riferisce alle centinaia di prodotti chimici che dalle nostre case vanno ad aggiungersi alle sostanze derivanti dall’agricoltura, dagli allevamenti, dall’industria, dagli ospedali.
La valutazione del rischio reale associato ad alcune sostanze è alla base delle eventuali politiche di restrizione dell’utilizzo e della commercializzazione dei prodotti che le contengono. Leggi l’articolo in Ecoscienza 6/2016 (pdf)

Continua a leggere Contaminanti emergenti, gli studi in Europa

Nuove e vecchie emergenze, come si muovono le agenzie ambientali

La direttiva quadro europea sulle acque disegna un sistema ben strutturato, che considera criteri rigorosi per definire i corpi idrici da monitorare, il campionamento e la valutazione. Con la legge 132/2016 si rafforza la collaborazione tra le agenzie ambientali, come dimostra il caso glifosate.

Continua a leggere Nuove e vecchie emergenze, come si muovono le agenzie ambientali

Direttiva acque, applicazione in Emilia-Romagna

L’applicazione della direttiva Acque ha previsto per il territorio dell’Emilia-Romagna l’elaborazione dei piani di gestione dei distretti idrografici padano, dell’Appennino settentrionale e dell’Appennino centrale. I piani contengono le criticità, gli obiettivi e le azioni finalizzate alla tutela.

Continua a leggere Direttiva acque, applicazione in Emilia-Romagna