Il seminario di Firenze del Consiglio Federale, del Comitato Tecnico Permanente e del gruppo di lavoro “Comunicazione” del SNPA (gennaio 2016)

Il Sistema Nazionale per la Protezione Ambientale discute di comunicazione
Maria Sargentini e Bernardo De Bernardinis

Venerdì 29 gennaio 2016 si è tenuto a Firenze un seminario del Consiglio Federale (CF), del Comitato Tecnico Permanente(CTP) e del gruppo di lavoro “Comunicazione” (GdL) di ISPRA e delle agenzie provinciali (APPA) e regionali (ARPA).

Nel corso del seminario, al quale hanno partecipato il Presidente del Consiglio Federale e di ISPRA, Bernardo De Bernardinis, direttori generali, tecnici e comunicatori di ISPRA e di 15 agenzie, si è svolto un approfondito dibattito, a partire dagli elemnti di conoscenza forniti dal report finale della recente ricognizione degli strumenti di comunicazione di ISPRA e delle agenzie ambientali e delle migliori pratiche di diffusione dell’informazione ambientale.

Dal dibattito è emerso che la comunicazione e l’informazione costituiscono un’attività strategica per il Sistema Nazionale per la Protezione Ambientale (SNPA). L’obiettivo da costruire è quello di dar vita ad una comunicazione integrata che comprenda vari strumenti/modalità di comunicazione e informazione, con diversi livelli di approfondimento e diversi target: la newsletter, le riviste periodiche, i siti web, la presenza sui social media, gli uffici relazioni con il pubblico, i rapporti con i media, la diffusione dei dati e dei report ambientali, la diffusione della cultura della sostenibilità.

Il GdL Comunicazione del SNPA sta lavorando su diversi di questi campi, mentre altri sono trattati da GdL specifici (reportistica ambientale, dati ed indicatori ambientali), sarà comunque necessaria una regia unitaria di tutte queste attività, che ne assicuri una piena complementarietà, limitando le sovrapposizioni e le eccessive ridondanze.

Integrazione significa anche utilizzare in una logica di sistema a rete le esperienze più avanzate nei diversi campi di attività, mettendole a disposizione del SNPA. La “biodiversità” delle realtà in termini di esperienze e iniziative diverse costituisce una ricchezza da utilizzare per il sistema, mettendole a fattore comune di tutti.

salasala

Durante il seminario è stato proposto di programmare una Conferenza Nazionale sulla Comunicazione del SNPA come momento di presentazione delle varie azioni che si intendono mettere in campo, come momento di confronto anche con gli interlocutori esterni del SNPA. La Conferenza potrebbe essere prevista per la primavera 2017, quando le attività dei GdL saranno ad uno stato molto avanzato.

Il GdL Comunicazione nel corso del 2016 programmerà alcune iniziative di confronto/formazione con soggetti esterni, che potranno costituire momenti di avvicinamento alla Conferenza: Federazione Italiana Media Ambientalicomunicazione di crisi, Scuola Superiore di Studi Avanzati di Trieste, ecc.

tavoloGiovanni Agnesod

Nel corso del seminario si è anche rilevato comelLa pubblicazione degli open data costituisce un adempimento da assolvere, ma la vera sfida informativa è quella di mettere a punto un portale del SNPA in cui mettere a disposizione di tutti i dati ambientali raccolti dal sistema, in tempo quasi reale, presentandoli in modo comprensibile ed efficace, alla luce della lettura che di tali dati fa il SNPA, valorizzandone quindi l’autorevolezza.

Inoltre si è affermato che si deve compiere uno sforzo per produrre una informazione complessiva sul territorio nazionale ma tempestiva, con elaborazioni differenziate per i diversi target. Da questo punto di vista la comunicazione nei confronti dei media presenta elementi di criticità. Vi è la necessità di un’attenzione particolare per trovare punti di incontro fra i linguaggi tecnici ed il linguaggio usato dai media, al fine di produrre comunicazioni efficaci e notiziabili, sempre assicurando assoluta correttezza scientifica ai contenuti. I comunicatori del SNPA debbano svolgere un ruolo essenziale in tal senso.