Il rapporto luglio-settembre 2016 sullo stato dell’ambiente in Basilicata

schermata-2016-12-06-alle-09-12-59

Il Rapporto ambientale trimestrale rappresenta la sintesi delle conoscenze ambientali conseguite mediante il monitoraggio, il controllo, l’attività analitica e l’elaborazione dei dati delle attività di Arpa Basilicata. E’ un documento in costante evoluzione, integrabile e modificabile e in grado di adattarsi alla disponibilità di ulteriori dati. E’, altresì, propedeutico alla redazione della relazione dello stato dell’ambiente della Basilicata per l’anno 2016. Vai al rapporto >

Legge Snpa: il percorso virtuoso avviato in Basilicata

arpa-molise

L’attuazione della legge che istituisce del Sistema nazionale a rete per la protezione dell’ambiente (Snpa) eliminerà ogni dubbio sulla tipologia e sulla qualità delle prestazioni rese dalle Agenzie grazie all’introduzione dei Lepta (livelli essenziali delle prestazioni tecniche ambientali) e alle norme tecniche vincolanti. Il percorso avviato dalla Regione e da Arpa Basilicata, insieme a Ispra e AssoArpa, per un’Agenzia più forte. Edmondo Iannicelli, direttore generale Arpa Basilicata, su Ecoscienza 4/2016.

Continua a leggere Legge Snpa: il percorso virtuoso avviato in Basilicata

Un primo passo verso la bonifica delle acque della Valbasento

val-basento

Dichiarato Sito di Interesse Nazionale (SIN) da bonificare nel 2002 – con la Legge 31 luglio 2002, n. 179 “Disposizioni in materia Ambientale” e perimetrata con D.M. del Ministero dell’Ambiente del 26 febbraio 2003 – l’agglomerato della Valle del Basento, in provincia di Matera, è una delle aree industriali più grandi del Meridione, con i suoi 3.400 ettari ricadenti nei territori afferenti ai comuni di Salandra, Ferrandina e Pisticci.

Il polo nasce a cavallo tra gli anni ‘50 e ‘60, con la scoperta di un esteso giacimento metanifero. Nel 1961 si inaugurarono i primi lavori per la realizzazione del metanodotto “Ferrandina – Bari – Monopoli”, ponendo anche la prima pietra per la costruzione del complesso petrolchimico dell’Anic, Azienda nazionale idrogenazione combustibili. All’Anic, nel tempo, seguirono altri impianti che arrivarono ad occupare circa 7.000 unità. Nel 1978 cominciò il crollo occupazionale con la chiusura di numerosi stabilimenti.

Con un Accordo di Programma del 1987 si conferivano all’Eni pieni poteri per un rilancio decisivo della Val Basento ed al Consorzio industriale di Matera il compito di realizzare un Parco tecnologico, l’attuale Tecnoparco Valbasento SpA.

Nell’ambito dell’“Accordo di Programma Quadro” per la definizione degli interventi di messa in sicurezza e di bonifica delle acque di falda e dei suoli nei Siti di Interesse Nazionale “Tito” e “Val Basento” fra il Ministero dell’ambiente e della tutela del territorio e del mare (Mattm) e la Regione Basilicata, Ispra è coinvolta in una serie di attività previste da una convenzione attiva dal 2014 e finalizzata all’espletamento delle attività di supporto nei procedimenti di bonifica nei SIN di Tito e Val Basento.

Il ruolo di Ispra è quello di garantire adeguati livelli qualitativi e rigore tecnico-scientifico nella progettazione e attuazione degli interventi di caratterizzazione, di messa in sicurezza d’emergenza e di bonifica dei siti d’interesse nazionale, nel controllo dei risultati ottenuti e nel loro successivo monitoraggio.

Per quanto riguarda il Sin Val Basento gli interventi sono relativi al completamento della caratterizzazione di alcune aree, al completamento degli interventi di messa in sicurezza e bonifica delle acque di falda, alla bonifica dei suoli delle aree pubbliche e di quelle agricole colpite da inquinamento indotto, al completamento della caratterizzazione e della progettazione degli interventi di messa in sicurezza d’emergenza e di bonifica delle acque superficiali e dei sedimenti dell’asta fluviale del fiume Basento.

Nella Valbasento Ispra si è occupata in particolare della redazione del progetto preliminare degli interventi di “Completamento messa in sicurezza e bonifica acque di falda” e del “Completamento della caratterizzazione e progettazione degli interventi di MISE e di bonifica delle acque superficiali e dei sedimenti dell’asta fluviale del fiume Basento”. Per il primo progetto, approvato nelle Conferenze di Servizi convocate dal Ministero dell’ambiente, sono in corso le procedure di gara per l’assegnazione dei lavori, mentre per le acque e i sedimenti del Fiume Basento è in corso l’aggiudicazione delle indagini.

I progetti hanno richiesto l’espletamento di molteplici attività che vanno dalla ricerca documentale, alla predisposizione di documenti tecnico-operativi, ai sopralluoghi e supervisione diretta delle attività di campo, al supporto tecnico degli enti locali coinvolti, all’interpretazione dei dati acquisiti e alle successive relazioni progettuali. Queste attività hanno permesso di sviluppare una fruttuosa collaborazione, oltre che con i funzionari della Regione, anche con i colleghi dell’ARPA Basilicata. Il reciproco arricchimento professionale scaturito da questa collaborazione ha trovato un’applicazione immediata nello studio per la determinazione dei valori di fondo di ferro, manganese, solfati e boro nella falda, attualmente in corso.

Area Ambiente e salute del Sistema agenziale Ispra/Arpa/Appa

arpa-bas

Il Consiglio del Sistema nazionale per la protezione dell’ambiente (Snpa) ha nominato il direttore generale dell’Arpa Basilicata, Edmondo Iannicelli, coordinatore nazionale dell’Area Salute e ambiente. L’incarico riguarda una delle tematiche di alta rilevanza strategica di competenza dei direttori generali delle 21 Arpa/Appa italiane. Leggi il resto >