Il biomonitoraggio si fa con le api: il progetto dell’Arpa Molise

Arpa Molise ha recentemente attivato un innovativo sistema di biomonitoraggio attraverso l’impiego di api da miele, finalizzato all’analisi della contaminazione ambientale e delle produzioni agricole, in particolare, nell’area del Nucleo industriale di Termoli.

Continua a leggere Il biomonitoraggio si fa con le api: il progetto dell’Arpa Molise

Biodiversità marina, delfini e specie aliene in Toscana

Le attività svolte da Arpa Toscana nel campo della biodiversità marina, che nella prima parte dell’anno in corso ha registrato numerosi spiaggiamenti di delfini (della specie stenelle) e il “caso” del delfino che per quasi tre mesi ha soggiornato nel fiume Arno a Pisa; accertata anche la presenza di varie specie aliene nel territorio regionale.

Continua a leggere Biodiversità marina, delfini e specie aliene in Toscana

A grandi passi verso la tutela della biodiversità: la Dichiarazione di Cancùn e la prima Lista rossa europea degli Habitat

Gli esiti della tredicesima Conferenza delle Parti della Convenzione sulla diversità biologica, svoltasi a Cancùn, in Messico; la pubblicazione della prima Lista rossa europea di tutti gli habitat naturali e semi-naturali, che fornisce una panoramica completa di caratteristiche, estensione e stato di conservazione di circa 490 habitat marini, terrestri e d’acqua dolce europei

Continua a leggere A grandi passi verso la tutela della biodiversità: la Dichiarazione di Cancùn e la prima Lista rossa europea degli Habitat

Pollini e biodiversità: il caso del cinipide del castagno in Friuli Venezia Giulia

A partire dal 2011, nella stazione di rilevamento pollinico di Pordenone si è registrata una corposa diminuzione dei pollini di castagno (Castanea sativa), rilevati come somma totale annua. Nel 2014 i pollini risultavano 1/6 di quelli del 2010. Verificato che non ci fossero state anomalie climatiche, come piogge o siccità prolungate, che avrebbero potuto spiegare il fenomeno, e sentita l’Ersa, l’ente regionale competente in materia di problematiche forestali, la causa dell’evento è stata individuata nella diffusione di una vespa cinipide, insetto parassita degli apici fiorali e proveniente dalla Cina.

Continua a leggere Pollini e biodiversità: il caso del cinipide del castagno in Friuli Venezia Giulia

Biodiversità montana a due passi dal mare

La Liguria è una regione dalla forma caratteristica, allungata e stretta fra il mare e il continente vero e proprio. Una lingua di terra che, a dispetto della presenza del mare, ospita paesaggi montani che hanno sviluppato nei millenni una ricchezza veramente notevole in termini di biodiversità. Continua a leggere Biodiversità montana a due passi dal mare

Annuario 2016 – Biodiversità minacciata, aumentano Zone di protezione speciale (Zps) e Siti d’importanza comunitaria (Sic)

biodiversita

Con le sue 58.000 specie animali e le 6.700 specie di piante superiori – di cui il 20,4% sono endemiche – l’Italia è uno dei paesi europei più ricchi di biodiversità. Tra gli insetti, gli Ortotteri sono in Italia circa il triplo di quelli della Polonia e dieci volte la Gran Bretagna. Doppio anche il numero delle specie di Coleotteri (12.000 in Italia) rispetto alla Polonia e alle 3.375 della Norvegia.

Continua a leggere Annuario 2016 – Biodiversità minacciata, aumentano Zone di protezione speciale (Zps) e Siti d’importanza comunitaria (Sic)

La laguna di Tonnarella di Mazara del Vallo, una zona umida marina di interesse ecologico

arpasicilia

Nel sistema delle zone umide del mazarese (TP) la laguna di Tonnarella, per la posizione geografica, tra la foce del fiume Mazzaro e la palude di Capo, per le qualità biotiche e abiotiche, è sicuramente un ecosistema di rilevante interesse ai fini della conservazione naturale e della tutela della biodiversità. Vai al report >

EVENTO – Verso un piano nazionale di monitoraggio della biodiversità: i manuali per le specie e gli habitat di interesse comunitario

leadimage

Il 19 e 20 ottobre a Roma il ministero dell’Ambiente e Ispra organizzano la conferenza nazionale sulla biodiversità. Vai all’evento >

La biodiversità in Piemonte tra specie esotiche e restauro ecologico

specie_invasiva_po

I dati sulla biodiversità in Piemonte evidenziano che il territorio è caratterizzato da una grande varietà di specie animali e vegetali. La presenza in Piemonte di tre zone biogeografiche (alpina, continentale e mediterranea) garantisce un buon livello di biodiversità malgrado l’elevato grado di urbanizzazione, la presenza antropica diffusa e un elevato consumo di suolo. Un problema è dato dallo sviluppo di specie esotiche (denominate anche specie aliene o alloctone). Leggi il resto