Situazione delle risorse idriche superficiali in Piemonte

Nelle prime tre settimane di giugno 2017 la scarsità di precipitazioni accompagnata da un aumento della temperatura sta comportando la progressiva diminuzione della risorsa idrica del bacino del Po. Leggi il resto

Basilicata, Centro Olio Eni di Viggiano, disposta la sospensione per tre mesi

Sversamento del greggio dai serbatoi e inosservanza di ENI alle prescrizioni della Regione hanno determinato la chiusura dell’impianto industriale per 90 giorni

Continua a leggere Basilicata, Centro Olio Eni di Viggiano, disposta la sospensione per tre mesi

I dati di qualità delle acque in una webapp

Per fornire un punto di accesso unico alle informazioni sulla tematica “acqua” nel territorio piemontese, Arpa Piemonte ha predisposto una applicazione che si avvale di mappe, dati tabellari e parti descrittive. Leggi il resto

ECOSCIENZA – Aria e salute, online il nuovo numero della rivista

È online il nuovo numero di Ecoscienza; focus su qualità dell’aria, formazione degli inquinanti ed effetti sulla salute, pianificazione per il miglioramento della qualità dell’aria. Tra gli altri argomenti: cambiamento del clima, uso sostenibile delle risorse idriche e innovazione in agricoltura. Leggi il resto >

Acque uso umano: i controlli nell’area metropolitana di Napoli

Nel corso del 2016 il dipartimento di Napoli dell’Arpa Campania ha analizzato circa 8mila campioni di acque destinate al consumo umano, in una delle aree urbane più popolose del Paese. Per lo più, si tratta del supporto tecnico-analitico che Arpac fornisce alle Asl, alle quali spetta per legge il giudizio di idoneità sulle acque consumate dai cittadini.

Continua a leggere Acque uso umano: i controlli nell’area metropolitana di Napoli

Il monitoraggio della qualità delle acque come strumento di supporto alle politiche ambientali

In Piemonte la situazione dei corpi idrici ricadenti nell’area a vocazione risicola è risultata particolarmente critica dal punto di vista dell’impatto dei prodotti fitosanitari. Per ridurre in tale area l’impatto evidenziato dal monitoraggio qualitativo delle acque, si è reso necessario prevedere l’attivazione di specifiche linee di intervento relative alla promozione di un’attività di formazione per l’utilizzo di tali prodotti. Leggi il resto

Arpa Lombardia. Il monitoraggio delle acque nella regione italiana più ricca di laghi

La rete di monitoraggio regionale dei corsi d’acqua lombardi è composta da 347 stazioni collocate su altrettanti corpi idrici, quella dei laghi è composta da 40 stazioni ubicate su 38 corpi idrici. Continua a leggere Arpa Lombardia. Il monitoraggio delle acque nella regione italiana più ricca di laghi

Galletti: l’Italia ospiterà la Conferenza mondiale dei fiumi

Il fiume come sorgente di vita e di identità culturale, ma anche veicolo di pace, dialogo e sviluppo delle comunità. Con questo messaggio il ministro Gian Luca Galletti e il ministero dell’Ambiente celebrato la Giornata mondiale dell’acqua, indetta dall’Onu nel 1993 per il 22 marzo di ogni anno.

Continua a leggere Galletti: l’Italia ospiterà la Conferenza mondiale dei fiumi

Qualità delle acque interne, il quadro normativo di riferimento

Poter disporre di acqua in quantità adeguata e di buona qualità in funzione dei diversi usi è di fondamentale importanza per lo sviluppo e la salute delle comunità. L’Unione europea ha regolato il tema delle acque interne superficiali fluviali, lacustri e delle acque sotterranee con la direttiva quadro sulle acque (2000/60/CE), recepita in Italia con il decreto legislativo 152/2006. Superata la logica dei confini amministrativi, il riferimento territoriale è il distretto idrografico.

Continua a leggere Qualità delle acque interne, il quadro normativo di riferimento

Marche, disponibile il report triennale sulle acque sotterranee

Nel sito di Arpa Marche è disponibile, tra gli altri, anche il report 2013-2015 sullo stato di qualità delle acque sotterranee. L’adeguamento della normativa nazionale alla direttiva quadro Acque e alla direttiva figlia 2006/118/CE ha richiesto una revisione e/o adeguamento dei piani di monitoraggio. Per quanto riguarda le acque sotterranee, l’obiettivo è lo sviluppo di un modello concettuale che costituisca la base conoscitiva per progettare i programmi di monitoraggio e di valutazione del rischio. Vai al report, sito Arpa Marche >