Qualità dei mari italiani nei report del Sistema e il punto sull’alga Ostreopsis ovata 

Un quadro riassuntivo della situazione delle acque di balneazione italiane viene fornito dai principali report elaborati dal Sistema delle Agenzie italiane. Mentre Qualità dell’ambiente urbano fornisce un focus più locale sui capoluoghi delle regioni costiere, l’Annuario dei dati ambientali elabora quelli dell’ultimo quadriennio di monitoraggio forniti dal Ministero della Salute.

Continua a leggere Qualità dei mari italiani nei report del Sistema e il punto sull’alga Ostreopsis ovata 

La qualità dell’ambiente in Emilia-Romagna, il nuovo Annuario

 

È disponibile sul sito di Arpae Dati ambientali 2015. La qualità dell’ambiente in Emilia-Romagna, quattordicesima edizione dell’annuario che raccoglie e riassume i principali dati relativi all’ambiente in regione. Oltre alle novità connesse alla nuova organizzazione dell’Agenzia, questa edizione è ricca di infografiche, che cercano di tradurre la complessità del nostro ambiente in informazioni più comprensibili, ma comunque rigorose sul piano scientifico. Leggi il resto >

 

 

Annuario 2016 – Clima, aumenta la temperatura media, ma diminuiscono le emissioni totali di gas serra

clima

L’aumento della temperatura media registrato negli ultimi trent’anni nel nostro Paese è stato quasi sempre superiore a quello medio globale rilevato sulla terraferma. Il 2015 in Italia è stato l’anno più caldo dal 1961. L’anomalia della temperatura media (+1,58 °C) è stata superiore a quella globale sulla terraferma (+1,23 °C) e rappresenta il ventiquattresimo valore annuale positivo consecutivo.

Continua a leggere Annuario 2016 – Clima, aumenta la temperatura media, ma diminuiscono le emissioni totali di gas serra

Annuario 2016 – La situazione degli agenti fisici: inquinamento elettromagnetico, rumore, radioattività ambientale

elettromagnetismo

Mentre rimane costante l’attenzione dei cittadini verso la problematica dei campi elettromagnetici, cresce la preoccupazione dell’Oms per l’esposizione della popolazione italiana a livelli di rumore, diurni e notturni, considerati causa di stress, di disturbi del sonno, di riduzione del benessere psicologico e di problemi cardiovascolari.

Continua a leggere Annuario 2016 – La situazione degli agenti fisici: inquinamento elettromagnetico, rumore, radioattività ambientale

Annuario 2016 – Biodiversità minacciata, aumentano Zone di protezione speciale (Zps) e Siti d’importanza comunitaria (Sic)

biodiversita

Con le sue 58.000 specie animali e le 6.700 specie di piante superiori – di cui il 20,4% sono endemiche – l’Italia è uno dei paesi europei più ricchi di biodiversità. Tra gli insetti, gli Ortotteri sono in Italia circa il triplo di quelli della Polonia e dieci volte la Gran Bretagna. Doppio anche il numero delle specie di Coleotteri (12.000 in Italia) rispetto alla Polonia e alle 3.375 della Norvegia.

Continua a leggere Annuario 2016 – Biodiversità minacciata, aumentano Zone di protezione speciale (Zps) e Siti d’importanza comunitaria (Sic)

Annuario 2016 – Inquinamento atmosferico a livello di guardia per particolato, ozono e biossido di azoto

inquinamento-atmosferico

Significativi segnali di miglioramento si registrano per la qualità dell’aria in Europa e in Italia, anche se risultano ancora insufficienti e la situazione permane critica per il particolato atmosferico, il biossido di azoto e l’ozono troposferico, che continuano a far registrare livelli elevati oltre gli standard normativi in aree molto vaste.

Continua a leggere Annuario 2016 – Inquinamento atmosferico a livello di guardia per particolato, ozono e biossido di azoto

Annuario 2016 – Pollini, grande variabilità locale dell’indice

pollini

L’indice pollinico allergenico, che si ottiene dalla somma annuale delle concentrazioni polliniche giornaliere delle principali e più diffuse famiglie allergizzanti presenti in Italia, consente di valutare la carica allergenica pollinica di una determinata località, confrontarla con quella di altre e studiarne la variazione nello spazio e nel tempo.

Continua a leggere Annuario 2016 – Pollini, grande variabilità locale dell’indice

Annuario 2016 – Mare e coste, il 90% delle acque di balneazione è classificato come eccellente

mare

Negli ultimi decenni i litorali italiani presentano significative evoluzioni geomorfologiche, sia per i processi naturali sia per l’intervento dell’uomo: dal 1950 al 1999, il 46% delle coste basse ha subìto modifiche superiori a 25 metri; nel periodo compreso tra il 2000 e il 2007, il 37% dei litorali ha subìto variazioni superiori a 5 metri e i tratti di costa in erosione (895 km) sono ancora superiori a quelli in progradazione (849 km). Continua a leggere Annuario 2016 – Mare e coste, il 90% delle acque di balneazione è classificato come eccellente

Pubblicato l’Annuario dei dati ambientali Ispra, edizione 2016

Giunto alla quattordicesima edizione, l’Annuario dell’Ispra è il report intertematico di dati ufficiali sull’ambiente più esaustivo e organico a livello nazionale. L’edizione 2016 si presenta ampiamente rinnovata, in particolare nel raffronto tra l’Italia e un contesto europeo in costante evoluzione per quanto concerne i nuovi indirizzi delle politiche ambientali e delle metodologie di reporting. A livello nazionale, il report è frutto della stretta cooperazione nel campo del reporting ambientale tra l’Ispra e le Agenzie regionali e delle Provincie autonome per la protezione dell’ambiente.

Continua a leggere Pubblicato l’Annuario dei dati ambientali Ispra, edizione 2016

Annuario 2016 – Pericolosità naturale, in Italia il 66% delle frane censite in Europa

perciolosita

A differenza del 2016, anno caratterizzato da violente scosse nel centro Italia, nel 2015 non si sono verificati eventi in grado di produrre danni. Lo scorso anno sono stati 1.963 i terremoti, di cui solo due di magnitudo pari a 4,7 e 4,5, con epicentri molto profondi (oltre 200 km). Delle quasi 900.000 frane censite in Europa, oltre 600.000 interessano proprio il territorio italiano.

Continua a leggere Annuario 2016 – Pericolosità naturale, in Italia il 66% delle frane censite in Europa