Nasce la Carta di Roma sull’educazione ambientale e lo sviluppo sostenibile

logo educazione ambientale 2016

In seguito alla sottoscrizione del 23 novembre scorso della Carta a cura del ministro dell’Ambiente e della tutela del territorio e del mare, Gian Luca Galletti, e del ministro dell’Istruzione, dell’università e della ricerca, Stefania Giannini è stato pubblicato il documento integrale. I dodici argomenti sviluppati sono così suddivisi: Biodiversità, Agenda 2030, Mobilità sostenibile, Società civile, Digitale e comunicazione, Salute, Economia circolare, Turismo sostenibile, Lotta al cambiamento climatico, Città, Gestione delle risorse naturali e Spreco alimentare.


ministri

Come anticipato nella notizia del 24 novembre, in merito al ruolo avuto dal Sistema nazionale per la protezione dell’ambiente (Snpa), si ritiene interessante ragionare sul valore portato ai vari tavoli dalle diverse Agenzie, valore confluito nei contenuti espressi e poi adottati congiuntamente dai ministri.

All’interno dei dodici gruppi erano presenti:
– Arpa Friuli Venezia Giulia e Arpa Sicilia: tavolo 4 – Modelli educativi formali, non formali e informali: strumenti di integrazione
– Arpa Piemonte: tavolo 5 – Dai nativi digitali ai nativi ambientali, come sarà possibile? Contenuti, linguaggi, format
– Arpae Emilia Romagna e Ispra: tavolo 6 – Educazione, ambiente e salute. La necessità di un approccio sistemico: quali ostacoli e quali vantaggi
–  Ispra: tavolo 10 – Città Cambiamenti climatici, mitigazione e adattamento in aree urbane. Come formare una comunità resiliente
– Ispra: tavolo 11 – Gestione delle risorse naturali. Tutela e gestione delle acque, difesa del rischio idrogeologico e gestione del rischio alluvioni.

Certamente non tutto il Snpa, ma una rappresentanza concreta che, interagendo con gli altri attori intervenuti, ha iniziato a proporsi su un tema nodale qual è quello educativo davvero come soggetto unico.
Il Snpa sta già quindi assolvendo all’incarico affidato con la nuova legge (l. 132/2016 che entrerà in vigore a gennaio) che prevede la “collaborazione con istituzioni scolastiche e universitarie per la predisposizione e per l’attuazione di programmi di divulgazione e di educazione ambientale, nonché di formazione e di aggiornamento del personale di amministrazioni e di enti pubblici operanti nella materia ambientale”.

L’intervento di Sergio Sichenze (Arpa Fvg) a nome del SNPA alla conferenza.