Basilicata, Centro Olio Eni di Viggiano, disposta la sospensione per tre mesi

Sversamento del greggio dai serbatoi e inosservanza di ENI alle prescrizioni della Regione hanno determinato la chiusura dell’impianto industriale per 90 giorni

Continua a leggere Basilicata, Centro Olio Eni di Viggiano, disposta la sospensione per tre mesi

Arpal attivata dal 112

Il 14 febbraio è entrato in funzione anche in Liguria il numero unico di emergenza,  ovvero il 112. Anche Arpal è coinvolta in questa importante novità. A questo numero, prima unicamente legato ai contatti con i Carabinieri, faranno capo tutte le chiamate dirette anche a  113, 115, 118.

Continua a leggere Arpal attivata dal 112

Monitoraggio degli incendi: adottato un nuovo protocollo d’intervento in Sicilia

La Struttura territoriale di Catania di Arpa Sicilia ha messo in atto innovative procedure d’intervento che vengono attivate H24 per seguire tutte le fasi del primo sviluppo fino allo spegnimento e al monitoraggio dei fumi in caso di incendio. Leggi il resto >

Emergenze ambientali e sanitarie, pubblicato il bando del corso dell’Università di Modena e Reggio Emilia

er_corso_emergenzeunimore_300x

In Italia e nel mondo la frequenza di disastri di origine naturale e provocati dall’uomo (tecnologici, industriali) è in aumento. Con l’obiettivo di contribuire a migliorare le conoscenze e la capacità di intervento, l’Università di Modena e Reggio Emilia, in collaborazione con Arpae Emilia-Romagna e altri enti, attiva il corso di perfezionamento universitario Emergenze territoriali, ambientali e sanitarie. Disponibili posti riservati per personale delle Agenzie ambientali. Iscrizioni aperte fino all’8 gennaioLeggi il resto >

I Servizi tecnici anche a supporto della Protezione civile

sargentini

Maria Sargentini, vicepresidente di AssoArpa e già direttore generale di Arpa Toscana, ha descritto le problematiche relative all’intervento delle Agenzie ambientali nelle situazioni di emergenza, per poi illustrare dettagliatamente cosa è stato fatto per la Costa Concordia.

Continua a leggere I Servizi tecnici anche a supporto della Protezione civile

EVENTO – Convegno a 50 anni dalla seconda alluvione di Latisana: meteo, clima e cambiamenti climatici

alluvione-latisana

Anche Arpa FVG ha preso parte, venerdì 14 ottobre a Latisana (UD), al convegno dal titolo  “4 novembre 1966, La seconda alluvione di Latisana – a 50 anni dal catastrofico evento meteorologico i rischi presenti e futuri associabili al riscaldamento climatico su scala globale e locale“.

Continua a leggere EVENTO – Convegno a 50 anni dalla seconda alluvione di Latisana: meteo, clima e cambiamenti climatici

L’arte del comunicare l’emergenza ambientale

image

Le esperienze di comunicazione di crisi dell’ISPRA e del SNPA al workshop “Disastri naturali: una comunicazione responsabile?” dello scorso 4 ottobre, presso il salone della CSR e della Innovazione Sociale di Milano. Protagonisti giornalisti e comunicatori istituzionali che hanno presentato il libro di Stefano Martello e Biagio Oppi  “Emergenze ambientali e comunicazione di crisi: terremoti ieri e oggi, dall’Aquila al centro Italia”.

EVENTI – Convegno sull’emergenza radiologica in FVG

emergenza-radiologica

Sono aperte le iscrizioni al convegno organizzato da Arpa FVG dal titolo La gestione dell’emergenza radiologica a Trieste ed in Friuli Venezia Giulia, che si terrà il 18 ottobre 2016 a Trieste. Leggi il resto>

EVENTO – Comunicare l’emergenza ambientale. A 40 anni da Seveso

remtech

Nell’ambito di Remtech, la consueta manifestazione su bonifiche e riqualificazione del territorio venerdì, 23 Settembre 2016 (14:30- 8:00) è previsto il seminario di formazione “Comunicare l’emergenza ambientale. A 40 anni da Seveso” in collaborazione con l’Ordine dei giornalisti dell’Emilia-Romagna, che quindi rientra nel calendario degli appuntamenti accreditati per la formazione professionale continua. E’ previsto anche un intervento sull’esperienza delle Agenzie ambientali in questo campo.

Sisma Italia centrale, Ispra per l’emergenza

foto per Amb Inf

Sotto il coordinamento della Protezione Civile nazionale, un team di tecnici dell’Istituto si è recato da subito sui luoghi colpiti dal terremoto e prosegue  le  verifiche delle situazioni di pericolo e dei rischi indotti dallo sciame sismico. Monitorare il rischio di frane, verificare faglie e fratture della terra, controllare la situazione idrogeologica dell’area colpita dal sisma – in particolare nei siti dove verranno costruiti i Map (Moduli abitativi provvisori) – sono tra le principali attività che Ispra sta portando avanti sin dalle prime ore del terremoto nel Centro Italia. Un racconto della prima settimana di lavoro dei tecnici Ispra nelle zone colpite dal sisma. Leggi tutto.