Mobilità sostenibile: il Piano del Comune di Napoli segnalato come “buona pratica”

Nuove zone con limite di velocità a trenta chilometri orari, piste ciclabili, nuove stazioni della metropolitana (tra cui quella del Centro direzionale) e una “centrale della mobilità” in grado di monitorare in tempo reale i sistemi di trasporto. Sono alcuni dei contenuti del Piano urbano della mobilità sostenibile (Pums) approvato di recente dal Comune di Napoli. Su iniziativa dell’Arpa Campania, il piano è stato segnalato come “buona pratica” dal Sistema nazionale di protezione ambientale, che gli ha dedicato un approfondimento nell’ambito del XII Rapporto sulla qualità dell’ambiente urbano.
Leggi il resto>

AMBIENTE URBANO – Mobilità, in Italia 574 autovetture ogni 1000 abitanti

L’indagine sui trasporti in ambito urbano ha preso in esame i principali indicatori del parco veicolare per autovetture, motocicli e veicoli commerciali, per tutti i Comuni capoluogo di Provincia. Come nella precedente edizione del rapporto, l’analisi del parco autovetture considera quelle intestate a soggetti privati. Sono state inserite anche le prime iscrizioni di autovetture ad alimentazione alternativa, ibrida ed elettrica.

Continua a leggere AMBIENTE URBANO – Mobilità, in Italia 574 autovetture ogni 1000 abitanti

“Buona mobilità” in Emilia-Romagna, al via processo partecipativo

er_pritt_iopartecipo300x

Migliorare il rapporto tra amministrazione e cittadini, raccogliere esperienze e punti di vista, recepire percezioni e indicazioni sui temi generali della mobilità e dei trasporti in Emilia-Romagna, trarre orientamenti per definire meglio il nuovo Piano regionale dei trasporti, in termini di visione culturale e priorità di intervento: sono questi gli obiettivi del processo partecipativo avviato dalla Regione Emilia-Romagna dal titolo Buona mobilità: verso il PRIT 2025. Leggi il resto >

ECOSCIENZA – “Siamo nati per camminare” in Emilia-Romagna

er_ecoscienza_edamb300x

Da un anno all’altro, continua a crescere la campagna “Siamo nati per camminare” della Regione Emilia-Romagna che promuove la mobilità sostenibile, a partire dalle bambine e dai bambini. Crescono i numeri degli enti locali e delle scuole che aderiscono all’iniziativa, con l’ambizione di diventare una campagna nazionale. Leggi l’articolo su Ecoscienza

La figura del mobility manager. Il caso di Arpa Piemonte

mobility manager

La figura del mobility manager nasce sulla spinta dell’emergenza smog che si ebbe nelle principali città italiane sul finire degli anni ’90 per agire sul fronte del governo della domanda di mobilità senza intervenire sul lato dell’offerta con la costruzione di nuove strade o la realizzazione di nuove linee di trasporto pubblico. Gli spostamenti casa-lavoro (come quelli casa-studio), cosiddetti sistematici perché programmabili e costanti per gran parte dell’anno, hanno buona possibilità di trovare soluzioni diverse dall’auto privata. Favorire queste alternative è proprio il compito del mobility manager. Continua a leggere La figura del mobility manager. Il caso di Arpa Piemonte

Sardegna, il nuovo sistema tariffario per incentivare il trasporto pubblico

sardegna_mobilita_300

Il 1° settembre 2016 è entrato in vigore il nuovo sistema tariffario per i servizi di trasporto pubblico a terra sul territorio regionale sardo (autobus urbani ed extraurbani, treni e metropolitane), con importanti novità per favorire e incentivare l’utilizzo del mezzo pubblico. Leggi il resto

I dati sulla mobilità città per città: il Rapporto dell’Ispra

bike to work day 2015

All’interno del Rapporto sulla Qualità dell’ambiente urbano, realizzato da Ispra e dalle Agenzie, un capitolo è dedicato alla mobilità sostenibile nelle città. Gli ultimi dati disponibili, consultabili nella banca dati delle aree urbane, parlano di una lieve ripresa dell’utilizzo del trasporto pubblico locale nel 2014 rispetto al 2013: l’incremento si concentra nei grandi comuni e in particolare a Napoli, Torino, Venezia, Bologna e Palermo, anche se si rimane su livelli distanti dai valori del periodo 2008-2011 (circa 8% in meno).  Continua a leggere I dati sulla mobilità città per città: il Rapporto dell’Ispra

“Signals 2016. Towards green and smart mobility”, come cambiare la mobilità in Europa

eu_signal2016_300

I trasporti giocano un ruolo fondamentale nella nostra vita, ma il crescente uso di aerei, automobili e altri mezzi alimentati con combustibili fossili sta causando sempre più inquinamento, mettendo a rischio il nostro ambiente e la nostra salute. Nel rapporto “Signals 2016. Towards green and smart mobility” l’Agenzia europea per l’ambiente (Eea) illustra come il settore del trasporti può essere trasformato in un sistema di mobilità meno inquinante e più intelligente. Vai al rapporto “Signals 2016

Continua a leggere “Signals 2016. Towards green and smart mobility”, come cambiare la mobilità in Europa

Mobilità dolce, la rete escursionistica delle Marche

marche_mobilita_turismo300x

La parola mobilità dolce o lenta si coniuga con le parole a misura d’uomo, a scoprire il territorio a piedi, in bicicletta o a cavallo lungo itinerari di grande pregio e valore ambientale. La Regione Marche ha avviato fin dal 2010 il progetto Rete escursionistica regionale per l’attivazione di un sistema di mobilità dolce regionale. Leggi il resto 

 

A scuola senz’auto: 4mila bambini a raccogliere “Passi per il clima”

AppaBZ_Passi_per_il_clima_300x200
Per due settimane alunni delle scuole elementari possono raccogliere e applicare sull’apposito pass gli adesivi “passi per il clima”

4.036 alunni delle scuole elementari di tutto l’Alto Adige partecipano dal 12 al 23 settembre, nel quadro della Settimana europea della mobilità, all’azione Passi per il clima, un’iniziativa del pacchetto Scuola.Ambiente che l’Appa Bolzano mette a disposizione delle scuole. Leggi il resto >