Campania Differenzia, strumenti per una gestione virtuosa dei rifiuti

Campania Differenzia è un progetto Anci realizzato con dati Snpa. Oltre a diffondere i risultati raggiunti dai comuni campani nella raccolta differenziata, aiuta le amministrazioni a sviluppare il ciclo dei rifiuti, offrendo utili strumenti di lavoro.

Continua a leggere Campania Differenzia, strumenti per una gestione virtuosa dei rifiuti

I rifiuti da scarto a risorsa nell’economia circolare, l’esperienza di Arpa Veneto

Gli enti pubblici rivestono un ruolo importante nel promuovere un cambiamento nel mercato verso un’economia sostenibile. Infatti, essendo i maggiori acquirenti in settori quali energia, trasporti, gestione dei rifiuti e servizi sociali e educativi, possono indirizzare modifiche del mercato verso l’economia circolare, un’economia in grado di minimizzare la produzione di rifiuti e inquinanti, l’utilizzo di energia e il ricorso a nuove materie prime.

In questo contesto Arpa Veneto gioca un duplice ruolo di ente pubblico – stazione appaltante, e, quale Osservatorio Regionale Rifiuti, di supporto alle amministrazioni comunali anche nell’applicazione del GPP. In tal senso, infatti, le strutture tecniche ARPAV mettono a disposizione le loro conoscenze non solo per individuare il processo di riciclo più idoneo e le strategie più opportune per ottenere nuovi materiali, ma anche fornendo strumenti idonei a discriminare, tra le varie offerte del mercato, quelle che maggiormente rispondono ai requisiti di un “acquisto verde”.

Alcuni dati
Carta e vetro settori d’eccellenza. Per alcuni materiali quali carta e vetro i comparti del riciclo sono estremamente consolidati: in Veneto sono 10 le cartiere che utilizzano macero da raccolta differenziata in sostituzione della cellulosa vergine, con produzione di quote considerevoli di imballaggi per grandi aziende.
Stessa eccellenza si riscontra per il comparto delle vetrerie (in Veneto ci sono gli stabilimenti delle 2 maggiori multinazionali del vetro) che quotidianamente utilizzano VpF (Vetro pronto al Forno) derivante da rottame di vetro intercettato tramite raccolta differenziata per la produzione di bottiglie di cui si riforniscono i grossi produttori di vini o birre.

Oltre a questi settori di eccellenza sviluppati da una raccolta differenziata attivata diversi decenni fa, richiedono ad oggi particolare attenzione altri comparti, che è assolutamente importante incentivare al fine di prolungare quanto più a lungo possibile la vita utile di un materiale e limitare gli scarti/residui non più valorizzabili nell’ottica della strategia politico/economica dell’economia circolare.

Uno dei principali, data la quantità di rifiuti prodotti, può essere quello dei rifiuti da costruzione e demolizione. Fondamentale in tale senso risulta la demolizione selettiva, al fine di garantire agli impianti di recupero flussi omogenei di rifiuti più facilmente recuperabili.

Altri esempi di prodotti di riciclo per i quali esistono già i CAM da inserire negli appalti e che il GPP può sviluppare sono i sottofondi stradali che includono materiali derivanti da riciclo dei pneumatici.

Ottimo esempio di economia circolare e di prodotto sicuramente “verde” a cui i Comuni potrebbero dedicare particolare attenzione è il compost, fondamentale anche per il ruolo di strutturante e fertilizzante naturale per il suolo e per l’effetto di “sequestro del carbonio organico” che può incidere positivamente sull’abbassamento delle alterazioni climatiche.

Un esempio di produzione di nicchia in Veneto sono i prodotti della cartiera Favini, che utilizza scarti da produzione agroalimentare per creare linee di prodotti cartotecnici esclusivi, quali la carta-alga o carta-crusca o altre linee che utilizzano noccioli di frutti.

Infine, ARPAV è Lead Partner nel progetto europeo CIRCE (expansion of the CIRCular Economy concept in the central europe local productive districts), dedicato allo sviluppo dell’economia circolare, insieme a partner di quattro diversi paesi, Austria, Polonia, Ungheria, e Croazia. Le attività previste partono dallo studio nei diversi territori coinvolti della produzione dei rifiuti da parte delle aziende, della valutazione dei modelli di gestione dei rifiuti e delle tecniche di recupero degli scarti. Il progetto prevede la mappatura degli impianti di recupero ma anche l’analisi approfondita degli ostacoli, tecnici, normativi e di mercato che rallentano l’attuazione di uno sviluppo economico in senso circolare. Il team internazionale, partendo dalla conoscenza del territorio, individuerà quindi alcuni specifici flussi di rifiuto sui quali intervenire, coinvolgendo almeno una decina di aziende, per studiare come migliorare la chiusura dei cicli di materia. Il progetto partirà a luglio e durerà tre anni.

Sul tema dell’economia circolare e GPP ARPA Veneto è intervenuta al Forum regionale CompraVerde BUYGREEN – edizione 2017  tenutosi a Venezia il 20 e 21 giugno.

Consulta la sezione Rifiuti del sito ARPAV

Il sito del forum Regionale CompraVerde

Lo sviluppo delle filiere nella fase di transizione

Lo stato dell’arte e le prospettive di sviluppo nel riciclo degli imballaggi. Vent’anni fa solo 1 imballaggio su 3 era avviato a riciclo e non smaltito in discarica, oggi il rapporto è di 3 su 4. L’attività del Consorzio nazionale imballaggi per migliorare ulteriormente la quota di riciclo e altri contributi su recupero nel tessile, biomasse, terre rare e rifiuti elettronici.

Continua a leggere Lo sviluppo delle filiere nella fase di transizione

I rifiuti speciali in Europa e in Italia

I dati sulla produzione e destinazione dei rifiuti speciali mostrano uno scenario con molte differenze tra i diversi stati in Europa. La promozione dell’economia circolare pone obiettivi di recupero solo per alcune frazioni. Occorre una definizione migliore per sottoprodotti e materiali end of waste.

Continua a leggere I rifiuti speciali in Europa e in Italia

Più efficienza e zero sprechi con la simbiosi industriale

Uno sguardo ai recenti indirizzi normativi e regolatori per l’adozione di politiche di simbiosi industriale: dai documenti europei a quelli del G7, negli anni cresce la promozione di strategie di produzione capaci di trasformare le risorse sprecate da un settore in materia prima utile per un altro.

La dizione simbiosi industriale compare in un documento europeo il 20 settembre 2011, nella Comunicazione europea Tabella di marcia verso un’Europa efficiente nell’impiego delle risorse1 . Nel documento, la simbiosi industriale viene riconosciuta come una delle strategie utili a stimolare una produzione più efficiente attraverso un migliore uso delle materie prime e il riutilizzo dei rifiuti e dei sottoprodotti. La Commissione indica delle tappe ben precise da raggiungere entro il 2020 per transitare verso un’Europa efficiente nell’uso delle risorse ed esprime la volontà di impegnarsi per ottenere un maggiore riutilizzo delle materie prime anche attraverso la simbiosi industriale, ossia attraverso trasferimenti di risorse e residui vari tra industrie dissimili con conseguenti ritorni economici e vantaggi ambientali.

Nello stesso anno l’Unep, nel tracciare possibili percorsi per uno sviluppo sostenibile2 , indica cruciale il ruolo della simbiosi industriale per la green economy, ossia un sistema di attività economiche per la produzione, distribuzione e consumo di beni e servizi che si traduce in un migliore benessere umano nel lungo periodo, per non esporre le generazioni future a rischi ambientali significativi e alla scarsità ecologica. Il documento programmatico delle Nazioni unite marca con vigore l’analogia tra un modello di produzione a ciclo chiuso e l’approccio della simbiosi industriale, o di parchi eco-industriali, e auspica una governance ispirata ai principi della ecologia industriale in grado di investire in infrastrutture di supporto per il trattamento dei rifiuti e la conversione di rifiuti in risorse. Questo tipo di approccio viene definito ideale, poiché realizza un sistema di produzione che massimizza la vita utile dei prodotti e minimizza lo spreco, la perdita di valore e di materie prime, tra cui in particolare anche quelle cosiddette critiche.

Nell’anno seguente, dicembre 2012, la simbiosi tra le industrie viene esplicitamente richiamata nel Manifesto per un Europa efficiente3 di Erep, che la definisce un acceleratore per l’innovazione e per la creazione di posti di lavoro verdi. Opportunità dalla comprovata efficacia, la pratica della simbiosi industriale viene promossa tra le iniziative paneuropee utili non solo a deviare i rifiuti dalle discariche, ma risalendo la catena del valore, anche a contribuire alla conservazione delle risorse e alla valorizzazione degli scarti. Il manifesto esorta a puntare su piattaforme per la condivisione delle conoscenze e a esportare i modelli di simbiosi industriale al di fuori dell’Ue, attraverso un matchmaking anche a livello transfrontaliero e a creare nuovi network congiuntamente allo scaling-up di quelli già esistenti.

Un’economia che si rigenera
Con la nuova definizione di economia circolare, un’economia cioè in cui i rifiuti di un processo di produzione e consumo circolano come nuovo ingresso nello stesso o in un differente processo, il significato della simbiosi industriale diviene ancora più centrale. Nel 2014 la comunicazione Ue4 accoglie esattamente questo concetto di economia che si rigenera attraverso approvvigionamenti sostenibili, riproducendo quanto più possibile il modello naturale. Per progettare e innovare al servizio di un’economia circolare, la Commissione insiste sulla simbiosi industriale, in particolar modo per reperire i mercati dei sottoprodotti e favorire il raggruppamento di attività e quindi di flussi di scarto per sfruttare i fattori di scala e rendere quindi possibile e conveniente il recupero e la valorizzazione dei sottoprodotti, evitando che gli stessi diventino rifiuti.
Nello stesso anno, i programmi di Horizon 20205 dedicano dei bandi6 specifici per finanziare dei progetti per l’implementazione della simbiosi industriale.
Il work programme di Horizon punta a un’innovazione sistemica su larga scala, capace di trasformare le risorse sprecate da un settore in materia prima utile per un altro.

L’approccio che la simbiosi industriale delinea ha bisogno di un ampio coordinamento tra diversi attori intorno a una centralità che rimane alle imprese, alle quali viene richiesta una maggiore consapevolezza e responsabilità nella trasformazione economica e sociale in atto. Questo tipo di considerazioni vengono sicuramente recepite a Berlino, dove nell’ottobre 2015 si riunisce il G7 per mettere a punto una strategia per l’efficienza nell’uso delle risorse. L’alleanza sulla efficienza delle risorse7 è uno dei risultati del G7, che ha lo scopo di fornire un forum per lo scambio e la promozione delle migliori pratiche e l’innovazione insieme con le imprese e altre parti interessate del settore pubblico, istituti di ricerca, mondo accademico, consumatori e società civile, su base volontaria. Per avviare questo processo, il G7 ha previsto dei workshop, tra cui uno incentrato sulla simbiosi industriale per la condivisione di servizi, l’utilità delle risorse e sottoprodotti industriali e le città eco-industriali.

Nello stesso anno, il 2 dicembre 2015, la Commissione europea adotta un nuovo pacchetto per l’economia circolare che agevola le imprese e i consumatori europei verso un’economia più forte e più circolare in cui le risorse vengono utilizzate in modo più sostenibile. Le azioni proposte sono finalizzate a “chiudere il cerchio” del ciclo di vita del prodotto attraverso un maggiore riciclo e riutilizzo, e portare benefici sia per l’ambiente, sia per l’economia.
Il pacchetto prevede delle revisioni ad alcune direttive e un piano d’azione dell’Unione europea per l’economia circolare8 . Tra le azioni da attuare del piano, nelle fasi di produzione e consumo, è previsto di chiarire i criteri relativi ai sottoprodotti nella revisione della legislazione sui rifiuti al fine di agevolare la simbiosi industriale.

Nel 2016 i lavori del G7, relativamente alla simbiosi industriale, hanno trovato una continuazione nel summit di Tojama, in Giappone, dove i ministri dell’Ambiente hanno dichiarato9 una comune visione per migliorare l’efficienza delle risorse e promuovere le 3R (riduzione, riuso e riciclo) con azioni ambiziose da parte dei membri G7. Una di queste azioni prevede la facilitazione di uno sviluppo di nuove imprese, la creazione di posti di lavoro, e la rivitalizzazione locale attraverso l’assestamento e l’utilizzazione delle risorse locali, dei beni, e dell’energia basato sulla collaborazione tra i diversi attori locali (simbiosi industriale e sociale).

La simbiosi industriale in Italia
A livello nazionale non vi sono atti legislativi che prevedono la simbiosi industriale in maniera diretta, di certo il collegato ambientale alla legge di stabilità del 201610 contiene disposizioni in materia ambientale per promuovere misure di green economy e per il contenimento dell’uso eccessivo di risorse naturali anche attraverso la strategia della simbiosi industriale.
La simbiosi industriale comincia a essere citata e indicata in diversi strumenti di programmazione e indirizzo a livello regionale e locale.
Tra i vari esempi che possono essere citati si riporta il caso della Regione Emilia-Romagna, che indica la simbiosi industriale nel Piano regionale rifiuti (2014) come strategia da adottare per il riutilizzo e il recupero dei sottoprodotti, nel rispetto della normativa. Il piano energetico del Lazio del 2016 ha inserito modelli di simbiosi industriale tra gli strumenti di cambiamento del modello di sviluppo economico che disaccoppia consumo di risorse dal Pil. Inoltre le linee guida Apea della Regione Lazio richiedono come requisito il raggiungimento di obiettivi di simbiosi industriale per le aree produttive ecologicamente attrezzate; anche la rete Cartesio menziona la simbiosi industriale per le Aree produttive ecologicamente attrezzate. La Regione Friuli Venezia Giulia prevede tra l’altro la promozione della simbiosi industriale nel piano regionale di prevenzione dei rifiuti (2016).

Erika Mancuso, Grazia Barberio, Silvia Sbaffoni, Antonella Luciano, Laura Cutaia – Enea, Roma
– Vai all’articolo in Ecoscienza 2/2017 (anche in inglese)

NOTE
1 COM(2011) 571 “Tabella di marcia verso un’Europa efficiente nell’impiego delle risorse”.
2 Unep (2011) “Towards a green economy: pathways to sustainable development and poverty eradication”.
3 Erep (2012), European Resource Efficiency Platform, “Manifesto & Policy Recommendations”.
4 COM(2014) 398 “Verso un’economia circolare: programma per un’Europa a zero rifiuti”.
5 Horizon 2020 “Work Programme 2014- 2015 Climate action, environment, resource efficiency and raw materials”.
6 Horizon 2020 Waste-1-2014 “Moving towards a circular economy through industrial symbiosis”.
7 G7 (2015), “Alliance for resource efficiency”.
8 COM(2015) 614 “L’anello mancante. Piano d’azione dell’Unione europea per l’economia circolare”.
9 G7 (2016), Comunicato congiunto Ministri dell’Ambiente.
10 Legge 28 dicembre 2015, n. 221.

Altre risorse in Ecoscienza 2/2017
– La simbiosi industriale in Emilia-Romagna 
Ugo Mencherini1 , Sara Picone1 , Manuela Ratta2
1. Aster 2. Regione Emilia-Romagna

La valorizzazione dei rifiuti industriali inorganici

Declassare la pericolosità di un rifiuto attraverso l’inertizzazione produce risparmio e trasformarlo in una materia prima promuove guadagno; ciò consente di transitare correttamente a un sistema che si autogenera, passando dal modello di crescita lineare a quello di crescita circolare.

Continua a leggere La valorizzazione dei rifiuti industriali inorganici

Impianti di recupero rifiuti e controllo degli odori

Un caso studio dell’attività di Arpa Friuli Venezia Giulia su un impianto di produzione di energia da biogas da rifiuti organici: il piano di monitoraggio, l’uso del naso elettronico, la difficoltà di attribuire univocamente le fonti di disagio olfattivo. Leggi l’articolo in Ecoscienza 2/2017 (anche in inglese)

 

 

Un tesoro in attesa di essere scoperto

La trasformazione dell’economia, da lineare a circolare, permetterà di recuperare immensi capitali che oggi diventano rifiuti. Il nuovo modello potrebbe avere un impatto positivo su Pil e occupazione e l’Italia può ambire a un ruolo da leader.

Continua a leggere Un tesoro in attesa di essere scoperto

L’evoluzione del controllo ambientale sui rifiuti

L’attività delle agenzie ambientali, con l’applicazione dei principi dell’economia circolare, sarebbe interessata da una forte evoluzione. Con l’aumento dei sottoprodotti e degli impianti di recupero, sarà necessario un maggiore coordinamento tra gli organi di controllo. Leggi l’articolo di Angelo Robotto (Arpa Piemonte) in Ecoscienza 2/2017 (anche in inglese).

La circolarità e le sfide per le agenzie ambientali

Il passaggio a un’economia più circolare presuppone non solo l’impegno del mondo produttivo, ma anche una revisione generale delle strategie di controllo e vigilanza. L’attenzione dovrà essere posta sull’intero processo di produzione, con una necessaria collaborazione costruttiva tra pubblico e privato.

Continua a leggere La circolarità e le sfide per le agenzie ambientali