Confrontare i modelli: il caso del rumore da aeroporti, ferrovie e strade

I modelli di previsione hanno bisogno di un confronto tra chi li sviluppa per verificarne correttezza e comparabilità. Il Sistema Snpa utilizza lo strumento del cosiddetto “interconfronto” tra laboratori per testare i modelli di simulazione del rumore. Continua a leggere Confrontare i modelli: il caso del rumore da aeroporti, ferrovie e strade

EVENTO – ll progetto europeo LIFE BrennerLEC a “Siamo Europa”

Sabato 13 maggio alle ore 16:00 in P.zza Fiera a Trento sarà possibile approfondire la tematica e assistere ad una presentazione degli obiettivi del progetto “BrennerLEC.

Il progetto interessa un’area sensibile come quella delle Alpi con l’obiettivo di creare un “corridoio a emissioni ridotte” (LEC – Lower Emissions Corridor) lungo l’asse autostradale del Brennero al fine di ottenere un chiaro beneficio ambientale nei settori della tutela dell’aria e della protezione del clima, nonché una riduzione dell’inquinamento acustico.

Impatto acustico nel COVA di Viggiano (Pz) e nei parchi eolici. Il caso Arpa Basilicata

La Basilicata non essendo interessata da veri e propri nodi infrastrutturali complessi rivolge le attenzioni attraverso l’ufficio Inquinamento Acustico ed Elettromagnetico dell’Arpa Basilicata in termini di criticità e sensibilità acustica su zone industriali particolarmente impattanti come il Centro Olio Val d’Agri primo impianto in Europa per la lavorazione del greggio e peculiarità del Sud e sui parchi eolici . Continua a leggere Impatto acustico nel COVA di Viggiano (Pz) e nei parchi eolici. Il caso Arpa Basilicata

Cosa fa Arpae sul rumore e il caso movida

Come organo tecnico-specialistico, Arpae Emilia-Romagna sviluppa diverse attività in materia di inquinamento acustico: monitoraggio, vigilanza e controllo, espressione di pareri tecnici e, nell’ambito di determinate procedure, anche rilascio di autorizzazioni (AUA e AIA). Il caso movida notturna.

Continua a leggere Cosa fa Arpae sul rumore e il caso movida

Le attività fonometriche di Arpacal

Arpacal, nell’ambito normativo della legge quadro sull’inquinamento acustico n. 447/95 e della legge regionale della Calabria n. 34/2009, svolge una specifica attività a supporto delle Amministrazioni titolari in materia di inquinamento acustico del controllo sul territorio.

Continua a leggere Le attività fonometriche di Arpacal

Dal Mose alle scuole: le attività di Arpa Veneto sull’inquinamento acustico

In Veneto Arpav è la struttura tecnica di riferimento per l’inquinamento acustico ambientale e la tutela della popolazione dai rischi per la salute ad esso legati. Oggetto delle attività realizzate dai tecnici dell’Agenzia sono le sorgenti rumorose presenti nel territorio: infrastrutture di trasporto, attività produttive e commerciali, grandi opere realizzate sul territorio regionale sia nella fase di cantiere che in corso d’opera. Continua a leggere Dal Mose alle scuole: le attività di Arpa Veneto sull’inquinamento acustico

Il rumore del porto, l’esperienza di Arpa Liguria a Genova

L’esperienza quasi ventennale di Arpal sul tema del rumore ha portato a identificare sei principali fonti emissive portuali che, per la configurazione di Genova, interessano prevalentemente le aree più a monte.

Continua a leggere Il rumore del porto, l’esperienza di Arpa Liguria a Genova

La mappatura acustica dell’agglomerato urbano di Cagliari

Arpa Sardegna (Arpas) e Arpa Toscana (Arpat) hanno stipulato una convenzione per collaborare all’aggiornamento della mappatura acustica strategica dell’agglomerato urbano di Cagliari comprendente i Comuni di Assemini, Cagliari, Elmas, Maracalagonis, Monserrato, Quartucciu, Quartu S.Elena, Selargius, Sestu, e Settimo S.Pietro.

La mappatura acustica strategica, così come in conseguente Piano di azione, rientra fra gli strumenti specifici messi in campo dalla legislazione europea, recepita in Italia dal D.Lgs 194/2005, per combattere il rumore ambientale cui sono esposte le persone nelle zone edificate, nei parchi pubblici o in altre zone degli agglomerati.

Per ottemperare alla data di scadenza per la mappatura del 30 giugno 2017, la Regione Autonoma della Sardegna ha istituito un gruppo di lavoro comprendente la Provincia di Cagliari, l’arpad, il Servizio Sostenibilità Ambientale e sistemi informativi (Casi) e il Servizio Tutela dell’Atmosfera e del territorio (Tat) dell’Assessorato della Difesa dell’Ambiente con il compito di instaurare una collaborazione tecnico-scientifica con Arpat per approfondire il tema della modellistica acustica e le metodologie di elaborazione dei dati necessarie per produrre gli elaborati richiesti dalla Comunità Europea.

Arpat, dal canto suo, anche se ha maturato una consolidata esperienza nel campo della mappatura acustica degli agglomerati urbani in Toscana, ha comunque interesse ad approfondire ed aggiornare le competenze in materia, anche in vista dell’attuazione del piano operativo dell’Agenzia che prevede l’esecuzione della mappatura strategica sulle strade regionali, anch’essa con scadenza giugno 2017, come stabilito dalla Direttiva.

In particolare, il personale individuato da Arpat provvederà a supportare, mediante affiancamento diretto e/o da remoto, il gruppo di lavoro di Arpas per l’elaborazione della mappatura strategica mediante il software di modellistica acustica IMMI.

Sottolineiamo, infine, che questa cooperazione rientra a pieno titolo nel quadro di riferimento del Sistema nazionale per la protezione dell’ambiente (SNPA) che prevede la collaborazione fra Agenzie per la realizzazione di attività di ricerca e sperimentazione scientifica e tecnica di comune interesse finalizzate al raggiungimento degli obiettivi che si propone la legge istitutiva del Sistema.

Il personale di Arpa Sardegna parteciperà anche ai corsi di aggiornamento che Arpa Toscana organizza per il proprio personale sulle tematiche oggetto dell’accordo.

Molto rumore e non per nulla: l’inquinamento acustico nelle grandi città

Nel quadro delle norme ambientali emanate dall’UE, quelle sul rumore non hanno trovato l’Italia impreparata. Anzi, il nostro Paese è stato tra i primi in Europa ad aver legiferato sul tema dell’inquinamento acustico, inserendo sin dal 1995 nella legislazione nazionale norme su prevenzione, contenimento e riduzione del rumore (LQ 447/95 e decreti attuativi). Continua a leggere Molto rumore e non per nulla: l’inquinamento acustico nelle grandi città

VIDEO – Facciamo rumore

Qual è il rapporto tra acustica, rumore, suono, senso dell’udito e tessuto sociale?
Il nuovo contesto sociale, culturale e tecnologico, rende particolarmente
evidente l’importanza dello studio della psicologia della percezione acustica, che può avere una diretta influenza sugli stessi parametri acustici e sulle tecniche di rilevazione del rumore. Vai al video