Alto Adige: online sul sito di Appa Bolzano i dati giornalieri dell’ozono

Stazione fissa di rilevamento della qualità dell’aria sita sull’altipiano del Renon (foto: Agenzia provinciale per l’ambiente)L’Agenzia provinciale per l’ambiente di Bolzano segue l’andamento dell’ozono in Provincia di Bolzano attraverso stazioni di misura dislocate sul territorio. I dati giornalieri sono online.

In Alto Adige le concentrazioni di ozono sono tipicamente più elevate nella conca di Bolzano fino a Merano, in Bassa Atesina, sugli altipiani (Renon, Siusi) e sui pendii circostanti. La rete di monitoraggio fissa dell’Appa Bolzano fornisce i dati delle concentrazioni per ogni ora del giorno dell’anno. Sotto Misurazione attuale dell’aria sono pubblicati i dati in tempo reale, sia a livello di medie orarie che sotto forma di massimi valori giornalieri. Il dato più significativo disponibile online riguarda eventuali superamenti della soglia di informazione dell’ozono, in quanto tali situazioni possono avere effetti a breve termine sulla Salute.

Dai rilevamenti effettuati risulta che soprattutto nel mese di giugno vi sono stati frequenti superamenti della soglia di informazione dell’ozono. Le concentrazioni di ozono, infatti, aumentano con il caldo e il forte irraggiamento solare, mentre diminuiscono in caso di piogge elevate.

Il grafico sottostante riporta l’andamento dell’ozono da inizio di giugno fino a fine luglio.

I dati si riferiscono alle massime concentrazioni orarie di ogni giorno presso le due stazioni:

  • RE1, che si trova sull’Altipiano del Renon a nord di Bolzano a circa 1700 m s.l.m. e
  • CR1, a Cortina ssdv in Bassa Atesina a sud di Bolzano.

I dati dell’ozono sono da confrontare con la soglia di informazione di 180 microgrammi/metro cubo. Inoltre viene riportato anche un indicatore della radiazione solare, come valor medio giornaliero, misurato a Bolzano. È interessante notare come i picchi di ozono più significativi siano sempre preceduti da alcuni giorni di forte irraggiamento solare, durante i quali assistiamo ad un progressivo aumento delle massime dell’ozono.

In presenza di concentrazioni elevate di ozono gli esperti sconsigliano a persone con problemi all’apparato respiratorio di fare sforzi all’aperto nelle ore pomeridiane e nelle ore serali.

I dati attuali (andamenti giornalieri e mensili) sulla qualità dell’aria rilevati dalle stazioni di misura dislocate sul territorio altoatesino sono consultabili sul sito web dell’Appa Bolzano.

A cura di Luca Verdi, direttore del Laboratorio di chimica fisica dell’Appa Bolzano.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *