AMBIENTE URBANO – Mobilità, in Italia 574 autovetture ogni 1000 abitanti

L’indagine sui trasporti in ambito urbano ha preso in esame i principali indicatori del parco veicolare per autovetture, motocicli e veicoli commerciali, per tutti i Comuni capoluogo di Provincia. Come nella precedente edizione del rapporto, l’analisi del parco autovetture considera quelle intestate a soggetti privati. Sono state inserite anche le prime iscrizioni di autovetture ad alimentazione alternativa, ibrida ed elettrica.

Nei 116 Comuni esaminati si è rilevata una stabilità del parco auto (riferito alle autovetture immatricolate a soggetti privati) nel 2015 rispetto al 2014. Il confronto dei dati rispetto al 2006 rileva, invece, un incremento del parco di circa 1,3%. Il valore medio ‒ considerando tutti i Comuni italiani – per quanto riguarda il numero di autovetture per 1.000 abitanti è pari a 574. L’Aquila è il capoluogo di provincia con il valore più alto di auto per 1.000 abitanti (circa 717). Nel 2015, a livello nazionale, sono risultate circa 10.200.000 auto da Euro 0 a Euro 2 (il 27,3% del parco auto nazionale); le auto Euro 4 sono la quota maggiore del parco e sono pari al 32,3%. Tra i 116 Comuni esaminati a Napoli si trova la quota più alta di auto private Euro 0 (28,9%).

A livello nazionale il parco motocicli ha fatto registrare un lieve incremento dello 0,6% nel 2015 rispetto al 2014. Tra i 116 Comuni in esame nel 2015 Villacidro e Verbania sono i comuni dove il numero dei motocicli è aumentato di più sia rispetto al 2014 (rispettivamente +3,7% e +3,1%) sia in confronto al 2012 (+10,4% e +8,3%). Nel 2015 Roma, come in anni passati, è risultato il Comune con il maggior numero di motocicli (395.526).

Per quanto riguarda la mobilità urbana sostenibile nei 116 Comuni sono stati analizzati: domanda e offerta del trasporto pubblico locale, disponibilità di piste ciclabili, aree pedonali, ZTL, numero di parcheggi, mobilità condivisa, strumenti a scala locale di pianificazione della mobilità.

Passando agli indicatori di offerta di Trasposto pubblico, nel 2014 Cagliari si conferma come la città con la maggior disponibilità di autobus con un valore dell’indicatore di poco superiore ai 152 veicoli per 100 mila abitanti, seguita da La Spezia con 150,6 e da Siena con 148,5. Milano nel 2014 registra la maggior disponibilità di tram con il valore più elevato per questo indicatore, ossia 29,8 vetture per 100 mila abitanti, seguita da Torino con 21,6.

La disponibilità di piste ciclabili, calcolato in km di piste, vede nel 2015 il Comune di Roma quello con la maggiore dotazione (240 km) di piste ciclabili.

Rispetto al 2013, nel 2014 viene osservata una diminuzione degli incidenti stradali, dei morti e dei feriti sia a livello nazionale, sia nei 116 Comuni presi in considerazione. In particolare in Italia gli incidenti sono diminuiti del 2,5%, i morti dello 0,6% e i feriti del 2,7%; nei 116 Comuni del 3,1% dell’1,9% e del 3,0% rispettivamente. L’analisi del numero di incidenti per 1.000 autovetture circolanti mostra che, nel 2014, le città con il valore dell’indicatore più alto sono in ordine Trapani (16,0 incidenti x 1.000 autovetture circolanti), Genova (15,4) e Firenze (14,2).

Vai alla versione integrale del capitolo Trasporti e mobilità

Scarica il rapporto integrale

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *