Arta Abruzzo, l’anagrafe dei siti contaminati

abruzzo_siti_contaminati_300

Il primo censimento regionale dei siti contaminati in Abruzzo risale al 2006. L’Agenzia per l’ambiente dell’Abruzzo procede al regolare aggiornamento dell’Anagrafe trasmettendo i dati alla Regione che, con apposita delibera, provvede all’aggiornamento entro il 31 dicembre di ogni anno. L’anagrafe è disponibile sul sito dell’Arta.

A partire dal 2002, incaricata dalla Regione, l’Arta ha controllato in modo sistematico i siti contaminati giungendo nel 2006 al completamento del primo censimento regionale, recepito con la D.G.R. n. 1529/06, in cui è stata pubblicata l’Anagrafe regionale dei siti a rischio potenziale. L’Agenzia procede al regolare aggiornamento dell’anagrafe, trasferendo periodicamente le informazioni alla Regione che, con apposita delibera provvede all’aggiornamento entro il 31 dicembre di ogni anno. L’aggiornamento vigente è quello della Dgr del 3/3/2014 n. 137, che include i siti elencati negli allegati pubblicati sul sito dell’Agenzia.

Dal sito è possibile accedere alle info relative al SIN (Sito di interesse nazionale) Bussi sul Tirino e dei SIR (Siti di interesse regionale) Saline-Alento e Chieti Scalo. Sono complessivamente 291 i siti censiti ai sensi degli art. 244 e 245 del Dlgs 152/2006.

Vai all’Anagrafe siti contaminati, Arta Abruzzo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *