Auguri al fiore Ecolabel!

Compie 25 anni il marchio europeo di qualità ecologica che certifica prodotti e servizi a basso impatto ambientale. Il Sistema Snpa promuove una serie di iniziative su tutto il territorio nazionale. Italia è leader in Europa per le certificazioni Ecolabel UE.

Nato nel 1992 e in vigore nei 28 Paesi dell’Unione Europea e nei Paesi appartenenti allo Spazio Economico Europeo (SEE), Ecolabel UE è un marchio ampiamente affermato in Italia. Il nostro Paese è primo per numero di prodotti e servizi certificati e secondo per numero di licenze attribuite ad aziende e strutture  ricettive per il turismo. Nel  2016 sono state 350 quelle che hanno ottenuto il marchio Ecolabel UE offrendo ai consumatori oltre 16.000 tra prodotti e servizi certificati.

Il settore con il maggior numero di licenze Ecolabel UE è quello turistico, dove le strutture ricettive hanno registrato ben 199 licenze, alle quali si sommano 23 licenze assegnate ai campeggi. A seguire,  il settore manifatturiero rappresentato dalle aziende impegnate nella produzione della carta con 36 licenze; in coda alla classifica, i mobili, i rivestimenti in legno e i detersivi per lavastoviglie che hanno registrato una licenza per tipologia di prodotto.

Nel settore della ricezione turistica, la regione con il maggior numero di licenze è il Trentino Alto Adige che,  a livello territoriale,  si qualifica anche come la regione con una consistente presenza di strutture ricettive (campeggi e villaggi), seguita da Toscana e Puglia. Nessuna licenza è stata assegnata invece in Val d’Aosta, Calabria e Molise.

Il Trentino Alto Adige è anche, quindi, la regione con il maggior numero di servizi certificati Ecolabel (60), mentre la Toscana detiene il primato sui prodotti (30). Le regioni italiane con il maggior numero di licenze Ecolabel UE totali – prodotti e servizi –  sono il Trentino Alto Adige (66 licenze), la Toscana (53 licenze) e la Puglia (42 licenze).

La distribuzione geografica delle licenze Ecolabel UE mostra una netta prevalenza al Nord (53,8%), seguono poi Sud e Isole con il 24,5% e infine il Centro Italia con il 21,4%. Una sola licenza risulta attualmente rilasciata ad aziende presenti nel nostro territorio nazionale e con sede legale all’estero (0.3%).

La Sezione Ecolabel del Comitato per l’Ecolabel e l’Ecoaudit (Organismo competente italiano in materia di Ecolabel), Ispra e con la collaborazione di tutto il Sistema delle Agenzie ambientali hanno promosso una serie di eventi su tutto il territorio nazionale. Le iniziative sono occasione per conoscere meglio il marchio, analizzare i principali punti di forza ed eventuali criticità della certificazione volontaria europea, nonché fare il punto sulle ultime novità introdotte nella certificazione.

 

 

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *