La valutazione dello stato di salute della popolazione residente a Falconara Marittima (AN)

L’avvio del procedimento di riesame dell’autorizzazione integrata ambientale (AIA) della Raffineria API di Falconara Marittima ha fornito l’occasione per la sottoscrizione di un protocollo operativo tra enti/organismi amministrativi e tecnici all’interno del quale è stato convenuto il rilascio di un report di carattere epidemiologico ambientale aggiornato sulla base dei dati sanitari attualmente disponibili.

Continua a leggere La valutazione dello stato di salute della popolazione residente a Falconara Marittima (AN)

Annuario dei dati palinologici 2010/2016 delle Marche

Arpa Marche ha pubblicato l’Annuario dei dati palinologici 2010/2016 rilevati presso la stazione di  Castel di Lama/Ascoli Piceno a cura del Centro Valenza Regionale, Aerobiologia di Ascoli Piceno. Vai alla pubblicazione >

Marche, uno studio sull’esposizione a radiazioni da radar

Arpa Marche, in collaborazione con l’Agenzia regionale sanitaria, ha condotto uno studio sullo stato di salute della popolazione residente nei pressi di un impianto radar a Potenza Picena e comuni limitrofi. Oltre al documento integrale, disponibile online anche una sintesi divulgativa dei risultati. Leggi il resto > 

Marche, disponibile il report triennale sulle acque sotterranee

Nel sito di Arpa Marche è disponibile, tra gli altri, anche il report 2013-2015 sullo stato di qualità delle acque sotterranee. L’adeguamento della normativa nazionale alla direttiva quadro Acque e alla direttiva figlia 2006/118/CE ha richiesto una revisione e/o adeguamento dei piani di monitoraggio. Per quanto riguarda le acque sotterranee, l’obiettivo è lo sviluppo di un modello concettuale che costituisca la base conoscitiva per progettare i programmi di monitoraggio e di valutazione del rischio. Vai al report, sito Arpa Marche >

Polveri fini, uno studio dell’impatto sanitario sulla popolazione marchigiana

Le tecniche di Health Impact Assessment (HIA) permettono di effettuare valutazioni sugli impatti sanitari, sociali ed economici delle pressioni ambientali. Con il lavoro recentemente pubblicato da Arpa Marche, si sono valutati gli impatti sanitari in termini di ricoveri e decessi prematuri attribuibili ai livelli di particolato atmosferico (PM2,5) superiori agli obiettivi di qualità proposti dall’Organizzazione mondiale della sanità (Oms) in ogni comune della regione Marche.

Continua a leggere Polveri fini, uno studio dell’impatto sanitario sulla popolazione marchigiana

“Sostieni le Marche” per le imprese di qualità nelle aree terremotate

Per dare visibilità alle imprese agroalimentari marchigiane – e in particolare a quelle delle aree terremotate – che producono prodotti tradizionali e di qualità certificata, la Regione Marche ha predisposto una sezione del proprio sito nella quale saranno inserite le imprese che ne faranno richiesta. Leggi il resto >

 

Arpa Marche, aumentano i visitatori del sito web

Dal report annuale sui dati di accesso al sito internet di Arpa Marche, nel 2016 emerge un significativo aumento degli utenti (dai 57.474 nel 2014 a 64.998 nel 2016), con un valore medio di 178 al giorno. Il sito resta work in progress, sempre disponibile alla valutazione di proposte per migliorare che giungono dai visitatori. Leggi il resto su Arpam newsletter (pdf)

Arpa Marche, online il nuovo numero della newsletter

Nel numero di dicembre della newsletter di Arpa Marche si parla di Annuario nazionale dei dati ambientali, trasferimento della Direzione generale dell’Agenzia, ecosistemi urbani, agricoltura bio e cambiamento climatico, interventi per il controllo dei campi elettromagnetici. Apri la newsletter (pdf) 

Marche: produzione RSU, raccolte differenziate e indicatori di gestione dal 2009 al 2015

schermata-2016-11-25-alle-10-15-13

Arpa Marche ha recentemente pubblicato il Rapporto regionale rifiuti della Sezione regionale del Catasto rifiuti (SRCR) relativo ai dati 2009-2015, che sono anche disponibili sul sito Web dell’Agenzia.

Ogni anno la Sezione regionale del Catasto dei rifiuti (SRCR) delle Marche calcola, per ogni comune, la percentuale di raccolta differenziata (% RD) e il rifiuto pro capite (PC), in kg per abitante anno, sulla base dei dati di produzione dei rifiuti solidi urbani (RSU). Il rapporto descrive come avviene l’elaborazione degli indicatori ambientali in base alla produzione di rifiuti, la metodologia utilizzata per il calcolo del parametro % RD (che per la Regione Marche, come per molte altre, risulta differente rispetto alla metodologia nazionale Ispra) ed esprime il risultato ottenuto dai comuni del territorio regionale in funzione della metodologia di raccolta applicata alle varie frazioni merceologiche, differenziate e indifferenziate. In particolare costituisce un aggiornamento di suddetti studi con i dati relativi alla produzione di rifiuti solidi urbani per l’anno 2015 in tutti i comuni delle Marche.

Lo studio analizza inoltre il contributo sulla produzione comunale di RSU dato dal flusso turistico nei comuni in cui il rapporto tra le presenze turistiche equivalenti e la popolazione residente del Comune sia stato individuato maggiore del 10 %, ripercorrendo la stessa elaborazione svolta per l’anno 2015 e precedenti.

Successivamente si ripropone una breve analisi volta all’individuazione di quelle che sono le aree responsabili della maggior produzione di rifiuti speciali, analizzando i dati provenienti dai database MUD e concentrandosi sui rifiuti da imballaggio, ovvero i rifiuti speciali ma potenzialmente assimilabili.

Mettendo insieme il contributo dato dal turismo sulla produzione di RSU e le aree in cui si ha buona probabilità che esista una forte assimilazione di rifiuti industriali, vengono illustrate le fluttuazioni del dato PC comunale rispetto ai valori medi regionali (calcolati da Arpam) ed ai valori nazionali (calcolati da Ispra).

I dati esposti nella relazione sono riepilogati e resi disponibili alla pagina web della SRCR sul sito Arpam, pagina da cui si ha accesso anche alla cartografia web che mostra la distribuzione territoriale del parametro % RD e la localizzazione delle discariche e degli impianti di trattamento dei rifiuti presenti in Regione.

Continua a leggere Marche: produzione RSU, raccolte differenziate e indicatori di gestione dal 2009 al 2015

Applicazione della legge ecoreati, segnali positivi anche nelle Marche

marche_esa_300x

E’ possibile esprimere un primo giudizio positivo sull’applicazione della nuova legge “ecoreati” in quanto l’esperienza fino a oggi maturata nella regione Marche dimostra che l’applicazione dell’art. 318 bis ha reso più celere la regolarizzazione delle violazioni alle norme ambientali. Il contributo di Gianni Corvattadirettore tecnico di Arpa Marche, su Ecoscienza 4/2016.

Continua a leggere Applicazione della legge ecoreati, segnali positivi anche nelle Marche