EVENTI – Green & circular economy a Ecomondo 2016

ecomondo2016_300x

Ecomondo 2016, che si svolge a Rimini Fiera dall’8 all’11 novembre, è il luogo dove è possibile incontrare gli operatori dell’industria della green economy e dell’economia circolare. L’8 e 9 novembre si svolge a Ecomondo anche la quinta edizione degli Stati generali della green economy promossi dal Consiglio nazionale della green economy. Partecipano anche Ispra e le Agenzie ambientali.

Ecomondo 2016, che si svolge a Rimini Fiera dall’8 all’11 novembre, è il luogo dove è possibile incontrare gli operatori dell’industria della green economy e dell’economia circolare. Proprio a questi temi è dedicata l’edizione 2016, che è anche una vetrina importante nell’area euro-mediterranea sulle soluzioni tecnologiche più avanzate e sostenibili per la corretta gestione e valorizzazione del rifiuto, la gestione e la valorizzazione dell’acqua, delle acque reflue e dei siti inquinati, l’efficienza nell’uso e nella trasformazione delle materie prime e seconde e l’utilizzo di materie prime rinnovabili. 

Ecomondo è anche il luogo dove si possono incontrare i referenti delle istituzioni, del mondo della ricerca pubblica europea e del mediterraneo. La manifestazione è un’occasione per indirizzare le aziende verso gli obiettivi dettati dal Settimo Programma d’azione europeo:
– portare, entro il 2030, al 70% il riciclaggio carta, plastica, metalli e vetro presenti nei rifiuti solidi urbani (Rsu)
– portare, tra il 2025 e il 2030, all’80% il riciclaggio complessivo degli imballaggi
– portare, entro il 2030, il conferimento totale in discarica al 5%
– vietare il trattamento termico del materiale riciclabile
– escludere la pratica della colmatazione da quelle di riciclaggio degli inerti.

statigen_greeneconomi_2016_2

L’8 e 9 novembre si svolge a Ecomondo la quinta edizione degli Stati generali della green economy promossi dal Consiglio nazionale della green economy, composto da 64 organizzazioni di imprese rappresentative del settore in Italia, in collaborazione con il ministero dell’Ambiente e con il ministero dello Sviluppo economico.  Scarica il programma

I lavori preparatori hanno riguardato 10 aree tematiche corrispondenti ad altrettanti gruppi di lavoro:
– Strumenti e iniziative per lo sviluppo delle Start up green
– Il reporting non finanziario delle imprese
– Politiche climatiche ed energetiche in Italia e in Europa dopo Parigi
– Indicatori per il made green in Italy per l’agroalimentare
– Servizi idrici: la sfida della green economy
– Indicazioni per la definizione e il recepimento delle nuove direttive in materia di circular economy-rifiuti
– Mobilità sostenibile e città intelligenti
– Il Green Public Procurement (GPP), con particolare attenzione ai fondi europei
– Per un manifesto della green economy nell’edilizia e nell’urbanistica
– Fiscalità ecologica nel quadro del collegato ambientale
Arpae Emilia-Romagna ha partecipato, anche in rappresentanza di AssoArpa, al gruppo di lavoro sul reporting non finanziario delle imprese in riferimento alla direttiva 2014/95/EU, collaborando alla stesura di un documento già disponibile sul sito www.statigenerali.org.

Ecomondo, la partecipazione del Sistema nazionale di protezione ambientale (Ispra e Agenzie ambientali)
Aggiornamento al 24 ottobre 

8 novembre
Sala Monitoring & Control pad.D3, 10.30-11.30
Elenco di controllo (Watch list): inquinanti emergenti nei corpi idrici
a cura di Ispra – Stefania Balzamo UCE  

Sala Biobased Industry pad.D3, 14.00-18.30
Sustainable food and water nexus in the Mediterranean area
A cura di MIUR, MiPAAF-CREA, MATTM-Ispra, Cluster tecnologico nazionale Agro-Food, Federalimentare 

Sala Monitoring & Control pad.D3 14.00-14.30
Campionamento dei gas interstiziali
A cura di Arpae Emilia-Romagna

Sala Monitoring & Control pad.D3 14.30-18.00
Il monitoraggio delle emissioni odorigene: tra definizioni normative e nuove tecnologie di controllo
A cura di: CTS Ecomondo, Ispra, Società chimica italiana

Sala Reclaim Expo pad.C1 14.00-17.00
Tavolo nazionale erosione costiera (TNEC). Verso una nuova strategia per la difesa della costa. Linee guida nazionali per la gestione dell’erosione costiera
A cura del ministero dell’Ambiente e della tutela del territorio e del mare, Ispra

9 novembre

Sala Diotallevi 2 Hall Sud e Noce pad.A6 9.30-13.00 10.00-16.00
Qualità dell’aria nel bacino padano: azioni e strategie di intervento
A cura di: Regione Emilia-Romagna, Ervet, Arpae, CTS Ecomondo

Sala Monitoring & Control pad.D3 10.30-11.00
Novità e aggiornamenti della normativa tecnica sugli strumenti automatici di misura del PM
A cura di Ispra

Sala Monitoring & Control pad.D3 14.00-14.30
La caratterizzazione e il controllo delle emissioni diffuse 
A cura di Arpae Emilia-Romagna e Chem-Consult

Sala Ravezzi 1 Hall Sud 14.00-18.00
La classificazione dei rifiuti e le linee guida del Sistema nazionale per la protezione ambientale
A cura di: CTS Ecomondo, Ispra

Sala Ravezzi 2 Hall Sud 9.30-13.30
XVIII Edizione della conferenza nazionale sul compostaggio e digestione anaerobica. Sessione plenaria
A cura di Ispra, Cic e European Compost Network

10 novembre

Sala Diotallevi 2 Hall Sud 9.30-13.30
La nuova Autorità sui rifiuti e la tariffa corrispettiva: stato dell’arte e prospettive
A cura di: Utilitalia, Ispra, FiseAssoambiente

Sala Monitoring & Control pad.D3 11.30-18.00
Tavolo tecnico sul campionamento in continuo delle diossine
A cura delle Arpa/Appa

Sala Neri 1 Hall Sud 14.00-18.00 Seminario tecnico Sottoprodotti e materiali secondari: opportunità di promozione di un’economia circolare
A cura di: CTS Ecomondo, Ispra

Sala Noce pad.A6 15.00-17.30
Economia circolare e strategie di prevenzione dei rifiuti
A cura di: CTS Ecomondo, Ispra, Utilitalia, Ervet, CTS per l’implementazione e lo sviluppo del Programma nazionale di prevenzione dei rifiuti

11 novembre
Sala Neri 1 Hall Sud 9.30-13.30
Seminario tecnico Delitti ambientali, il punto sulla disciplina e alcuni riflessioni sul nuovo scenario
A cura di Ispra, Commissione bicamerale d’inchiesta sul ciclo dei rifiuti e le attività illecite ad esso connesse con la collaborazione di Rivista Rifiuti. Bollettino di informazione normativa

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *