Siti contaminati e procedure di bonifica in Emilia-Romagna

er_siti_contaminati_catasto_300

Arpae Emilia-Romagna contribuisce ad alimentare l’anagrafe che raccoglie le informazioni riguardanti il controllo e la bonifica dei siti contaminati presenti sul territorio regionale. I siti con procedura di bonifica in corso sono complessivamente 379.

Il riferimento normativo in materia di bonifica dei siti contaminati è il Dlgs 152/06 “Norme in materia ambientale” e successive modifiche e integrazioni che, alla Parte quarta, Titolo V “Bonifica di siti contaminati”, disciplina gli interventi di bonifica dei siti contaminati; la legge regionale 13/2015 di riordino istituzionale stabilisce il ruolo di Arpae nella gestione dei siti contaminati, le procedure, i criteri e le modalità per lo svolgimento delle operazioni necessarie all’eliminazione delle sorgenti di inquinamento dalle matrici contaminate.

Nell’anagrafe dei siti contaminati sono raccolte le informazioni riguardanti le attività che l’Agenzia svolge sui siti contaminati, sia in procedura ordinaria (art. 242) che in procedura semplificata (art. 249). Al momento non risultano attività svolte nell’ambito della procedura semplificata definita dall’art. 242 bis.
L’anagrafe contiene i siti potenzialmente contaminati secondo le definizioni dettate dal Dm 471/99, ma non sono stati inseriti i potenzialmente contaminati ai sensi dell’art. 240 comma 1 lettera d) del Dlgs 152/2006.
I siti con procedura aperta, ovvero in corso di bonifica sono 379; sono 220 le procedure di caratterizzazione ai sensi degli articoli 242 o 249 nelle quali è coinvolta l’Agenzia. In Emilia-Romagna è individuato un solo Sito di interesse nazionale (SIN) a Fidenza. 

Vai a Siti contaminati, Temi ambientali sito Arpae  (dati e rapporti)

Vai AmbienteInforma, Arpae a RemTech 2016

Vai a notizia Arpat News 238/2015

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *