La storia del container di Genova Voltri

container

 

Il sistema dei controlli sui materiali ferrosi importati da paesi extraeuropei ha permesso di individuare una sorgente di cobalto 60; è servito un anno per mettere a punto le procedure e rimuovere dal molo a ponente dello scalo genovese l’indesiderata presenza.

Correva il 20 luglio 2010, e la vita di una parte del porto di Genova stava per essere condizionata dal ritrovamento di una delle sorgenti più radioattive rinvenute in Italia. La storia del container radioattivo di Voltri è stata raccontata dai tecnici Arpal intervenuti al convegno nazionale di radioprotezione Emergenze ed incidenti radiologici: scenari ambientali, sanitari e industriali organizzato a Trieste da Arpa Friuli Venezia Giulia.

Una storia così particolare da finire ben descritta addirittura sulle pagine di Wired nel bel racconto Why is this cargo container emitting so much radiation? (perché questo container emette così tante radiazioni?).

Qui tutti i dettagli.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *