Il meteo in Toscana è gestito dal LaMMA

schermata-2016-10-09-alle-16-14-03

A differenza di quello che avviene nella maggior parte delle regioni
italiane, in Toscana il servizio meteorologico non è affidato alla locale Arpa, ma al Consorzio Lamma. Il LaMMA, Laboratorio di monitoraggio e modellistica ambientale per lo sviluppo sostenibile, è un consorzio pubblico tra la Regione Toscana e il Consiglio nazionale delle ricerche.   Dal punto di vista giuridico si configura come organo in-house della Regione Toscana, secondo quanto stabilito dalla legge regionale 39/2009.

A differenza della maggioranza delle altre realtà regionali, in Toscana non è l’Arpa a gestire il servizio di previsione e vigilanza meteorologica ai fini di protezione civile ma il Consorzio LaMMA.  Nato nel 1997 da un progetto dell’Istituto di biometeorologia (CNR –Ibimet), il LaMMA si configura oggi come consorzio pubblico tra la Regione Toscana, socio di maggioranza e il Consiglio Nazionale delle Ricerche, con la mission di mettere al servizio della collettività toscana i prodotti e le competenze del mondo della ricerca sui settori del meteo, clima e in genere dello sviluppo sostenibile.  La Toscana ha quindi scelto di scommettere su una struttura che potesse al suo interno far leva sulle competenze del mondo della ricerca per realizzare quelle attività complesse e altamente specialistiche come ad esempio la modellistica numerica.  Sebbene il LaMMA non si occupi solo di meteo, il servizio di previsione meteorologica è certamente il cuore operativo della struttura, quello che lo ha reso noto ai toscani e non solo.

sistema-comlamma

Identikit del servizio meteo 

Al servizio meteo lavorano 10 previsori, due in turno la mattina e uno il pomeriggio. Al di fuori dell’orario di servizio (6.30-18.30) è prevista la reperibilità̀ telefonica e in caso di allerta meteo è prevista anche l’attivazione h24 del presidio in sede.  Il compito principale del servizio meteo è quello di supporto alla Protezione civile, tramite sia l’emissione quotidiana di specifici bollettini  finalizzati alla segnalazione di possibili eventi meteorologici avversi, sia il loro monitoraggio in fase di evento a cadenza variabile a seconda della gravità della situazione.

Ogni giorno i previsori entrano in servizio alle 6.30 del mattino e dopo un’analisi della situazione in atto emettono, entro le ore 8.30, un bollettino meteorologico valido per tre giorni, più la tendenza per i giorni successivi. Oltre a queste vengono quotidianamente fornite altre informazioni previsonali a breve-medio e lungo termine per il pubblico privato e non, tra cui le previsioni a 5-15 giorni, le previsioni di dettaglio su ogni comune toscano, i bollettini specifici per la montagna, per la costa e per il mare.  (Info su tute le previsioni)

E’ inoltre attivo un servizio sperimentale che fornisce le previsioni stagionali a 1-2 mesi a livello nazionale; più che di una previsione in senso classico si tratta di un outlook sulle tendenze di temperature e piogge per i due mesi successivi basato su una serie di indici climatici a scala globale. Ogni mese vengono anche elaborate analisi meteo climatiche per evidenziare trend e scostamenti rispetto alla norma e valutare segnali e impatti di cambiamento climatico locale.

Il servizio meteo è inoltre chiamato dalla Regione a supportare attività̀ sul territorio con la realizzazione di specifici servizi ad hoc; dai bollettini meteo realizzati di recente per le aree colpite dal terremoto, a supporto della protezione civile reginale, fino al più noto caso del  supporto meteo per la rimozione della Costa Concordia. Per i due anni in cui la nave è stata incagliata davanti all’Isola del Giglio, i previsori LaMMA hanno prestato un servizio di supporto in loco finalizzato alla gestione di tutte le operazioni necessarie al rigalleggiamento e alla rimozione. Attività complesse e qualificate come queste, vengono supportate da settori specifici che si occupano di modellistica numerica ad alta risoluzione, acquisizione ed elaborazione dati da satellite, da stazioni meteo e webcam in tempo reale. Il Consorzio LaMMA, oltre ad avere disponibili i dati dei principali modelli globali e locali in circolazione, sviluppa e mantiene internamente una suite di modelli ad area limitata ad alta risoluzione, progettati e calibrati per il territorio italiano e in particolare quello toscano. Dispone infatti di un proprio centro elaborazione dati per fa “girare” operativamente, e per scopi di ricerca, il modello fisico-matematico ad area limitata WRF (Weather Research and Forecasting model) e il modello di propagazione di onde marine WaveWatch III (WW3) sviluppato dalla NOAA e dal NCEP.

Le mappe di uscita dei modelli meteo e mare sono tra i prodotti più conosciuti  e consultati del sito web LaMMA, con molti accessi anche dall’estero.

sistema-comlamma

La previsione non è conclusa finché non è comunicata!

Quotidianamente il LaMMA è impegnato nella diffusione dell’informazione meteo su vari canali. Tutte le mattine c’è il collegamento in diretta televisiva per la trasmissione Buongiorno Regione di Rai3 seguito da numerosi interventi nelle principali radio locali. Inoltre, vengono preparate registrazioni radio e video a disposizione dei media per la trasmissione in differita.

Molta della comunicazione è oggi veicolata dai servizi digitali.

Il sito web conta oltre 5 milioni e mezzo di utenti unici che totalizzano 27 milioni di visite all’anno, con una media giornaliera che si attesta sui 80.000 accessi al giorno.  Dal 2011 il LaMMA gestisce una pagina Facebook, che conta oggi oltre 30.000 fans a cui si aggiungono i 13.000 followers di Twitter e una applicazione per cellulari molto scaricata.

Un grande impegno è dedicato alle attività di divulgazione tecnico-scientifica: ne sono un esempio le visite guidate per gli studenti delle scuole organizzate presso la struttura e che raccolgono oltre 1.000 ragazzi l’anno.  Il percorso “Previsori per un giorno” permette ai ragazzi di visitare la sala meteo e di realizzare un bollettino meteo che viene registrato in video e diffuso sul web e sui social.

classi

A scopo divulgativo sono prodotti anche alcuni contenuti speciali come ad esempio “La Guida al Meteo”, diretta a spiegare in modo semplice come si fanno  e come si “leggono” le previsioni meteo.

allertameteotos

Un’attenzione particolare negli ultimi anni è stata data alla comunicazione dell’allerta meteo, sviluppata in stretta collaborazione con la Protezione Civile reginale, e per cui sono sempre più utilizzati anche i social media. Dal 2014 il LaMMA ha attivamente promosso l’uso su Twitter dell’hashtag codificato per l’allerta meteo #allertameteoTOS (Social Media Policy), che in Toscana è diventato ormai una prassi consolidata per istituzioni, media e cittadini, nell’ottica della costruzione di quella protezione civile partecipata (#SocialProCiv, come l’ha definita anche il Dipartimento della Protezione Civile Nazionale) in cui tutti collaborano alla costruzione di una società più connessa e resiliente anche agli impatti dei cambiamenti climatici globali.

Links:

Testo a cura di Valentina Grasso

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *