Interferometria da satellite per lo studio delle aree di frana

frane

In previsione di un prossimo potenziamento della propria rete di monitoraggio geologico, in ragione dell’evoluzione morfologica dei versanti montani lombardi, Arpa Lombardia ha di recente concluso un progetto sperimentale per verificare e validare i dati provenienti da reti gestite da enti differenti e/o con tecniche non omogenee.

Quale metodologia più adeguata per questo tipo di indagine, tenuto conto della limitatezza territoriale delle aree e la necessità di registrare anche movimenti di ridotta entità, l’Agenzia ha individuato l’interferometria satellitare, mediante l’utilizzo di dati acquisiti dal satellite Cosmo Sky Med con rilevazione in banda X.

I risultati interferometrici, ottenuti grazie a 4 distinti dataset multitemporali di immagini SAR (di proprietà dell’Agenzia spaziale italiana), hanno permesso di acquisire informazioni aggiornate sui movimenti più recenti (2011 – 2014); delimitare l’areale interessato dai movimenti indagando un settore di versante superiore rispetto a quello verificato con la strumentazione installata a terra; acquisire un termine di raffronto, ove possibile sovrapponibile temporalmente, per valutare l’efficacia della strumentazione già presente, nonché l’affidabilità dei risultati.

frane-2

La tecnica dell’interferometria satellitare con dati in banda X ha permesso di individuare con precisione alcune aree con movimenti importanti, in considerazione delle differenze di velocità, e di delimitare quelle più significative ove installare nuovi strumenti per il monitoraggio o posizionare in maniera più ottimale la strumentazione a terra già presente.

In conclusione è possibile affermare che il progetto di analisi interferometrica rappresenta una modalità – peraltro a basso consumo di risorse –  che, pur con tutte le note limitazioni prettamente tecniche, consente di acquisire omogeneamente dati ex post relativamente a un rilevante numero di aree, permettendo di ottenere un efficace adeguamento tecnologico e il potenziamento delle reti di monitoraggio geologico finalizzate alla valutazione di pericolosità.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *