La figura del mobility manager. Il caso di Arpa Piemonte

mobility manager

La figura del mobility manager nasce sulla spinta dell’emergenza smog che si ebbe nelle principali città italiane sul finire degli anni ’90 per agire sul fronte del governo della domanda di mobilità senza intervenire sul lato dell’offerta con la costruzione di nuove strade o la realizzazione di nuove linee di trasporto pubblico. Gli spostamenti casa-lavoro (come quelli casa-studio), cosiddetti sistematici perché programmabili e costanti per gran parte dell’anno, hanno buona possibilità di trovare soluzioni diverse dall’auto privata. Favorire queste alternative è proprio il compito del mobility manager.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *