L’esperienza della app SnowAlp

La app SnowAlp di Arpa VdA raccogliere informazioni sulla quantità di neve per integrare il flusso di dati utilizzato per la stima dell’equivalente idrico della neve con misure che si aggiungono ai dati della rete nivo-meteorologica della Valle d’Aosta e alle misure manuali effettuate in punti preordinati.

Negli ultimi anni si è progressivamente diffuso, anche per le tematiche ambientali, l’approccio della “scienza partecipativa” che prevede il coinvolgimento del cittadino comune nella costruzione della conoscenza sullo stato dell’ambiente o di sue particolari componenti. Tale andamento ha subito uno sviluppo notevole rispetto al passato anche grazie alla sempre maggiore disponibilità di nuove tecnologie, spesso basate sull’impiego di smartphone che consentono l’accesso e la condivisione di informazioni ampie e sempre più organizzate. I cittadini, sempre più agevolmente, possono pertanto partecipare ad attività di osservazione e misura e raccogliere dati di interesse ambientale utili alle attività di monitoraggio e alla conoscenza di specifici comparti.

È in tale contesto che si inserisce l’iniziativa di Arpa Valle d’Aosta basata sull’impiego dell’applicazione per smartphone “SnowAlp” destinata a chi, per passione o professione, si trova a frequentare la montagna nel periodo invernale e primaverile: guide alpine, escursionisti, maestri di sci, sci-alpinisti.

L’idea alla base di SnowAlp è raccogliere informazioni sulla quantità di neve sul territorio regionale al fine di integrare il flusso di dati normalmente utilizzato per la stima dell’equivalente idrico della neve a livello regionale con misure che si aggiungono ai dati della rete nivo-meteorologica regionale e alle misure manuali effettuate in punti preordinati.

La valutazione del contenuto d’acqua della neve (Snow Water Equivalent, SWE), infatti, ha l’obiettivo di determinare la quantità totale di risorsa idrica immagazzinata nel manto allo stato solido, informazione importante per il bilancio idrologico costituendo, nelle nostre regioni alpine, la parte preponderante degli apporti alle falde e dei deflussi superficiali e garantendo una insostituibile riserva con capacità di rilascio graduale al suolo. In Valle d’Aosta il monitoraggio dello SWE è effettuato da Arpa sulla base di misure automatiche (rete nivo-meteorologica) e manuali e di dati satellitari: queste informazioni, reperite da diversi enti per finalità differenti, alimentano i modelli numerici e producono una informazione direttamente impiegata per la previsione delle piene e per la programmazione della produzione idroelettrica dei maggiori invasi artificiali.

L’applicazione SnowAlp permette quindi di fare confluire, in un sistema integrato, le osservazioni effettuate da singoli frequentatori della montagna nel corso delle loro escursioni invernali e primaverili. La realizzazione della misura, per la quale sono disponibili attraverso l’applicazione i video tutorial per la scelta ottimale del sito e per la corretta esecuzione dell’osservazione, prevede l’impiego della sonda da valanga, normale dotazione di sicurezza dello scialpinista, che consente di quantificare lo spessore del manto nevoso nel punto di sondaggio. A tale valore, espresso in cm di neve al suolo, è automaticamente associata con il GPS dello smartphone la posizione geografica (latitudine e longitudine) della misura, elemento essenziale per il suo impiego nel contesto di modellistica nivale.

All’utente, infine, non è richiesta nessuna altra operazioni dal momento che l’invio della misura sui data repository regionali è gestito direttamente dall’applicazione anche in caso di momentanea assenza di copertura della rete dati.
L’applicazione, che ha suscitato l’interesse di alcune decine di utenti che la impiegano regolarmente nel corso della stagione invernale e primaverile, è inoltre regolarmente utilizzata in occasione di campagne intensive di misura come avvenuto nel corso del “3° interconfronto SWE” tenutosi in Valle d’Aosta ad aprile 2017 e nel corso del quale diverse squadre hanno raccolto oltre 2.700 misure in una sola mattinata di rilievo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *