L’esperienza della Provincia autonoma di Trento

boschini_opt

La Summer school, quale spazio di condivisione delle esperienze delle varie Agenzie, ha visto tra i suoi relatori, Laura Boschini, dirigente generale di Appa Trento. Il suo intervento, dal titolo L’esperienza della Provincia autonoma di Trento ha mostrato l’evoluzione dell’Agenzia provinciale a partire dal 1990 a oggi, ponendo l’accento sull’attuale assetto organizzativo e sul volume di attività attualmente in carico all’Agenzia.

La protezione ambientale in provincia di Trento nel 1990 era di competenza degli assessorati all’Ambiente e alla Sanità. Nel 1996 viene istituita l’Appa strutturata in tre settori chiave: tecnico scientifico e dell’informazione, giuridico amministrativo e vigilanza e laboratorio. All’Appa vengono affidate tutte le autorizzazioni oltre che la competenza su sanzioni e bilancio, e le attività di controllo e analisi.

Tra il 2004 e il 2014 si assiste a una variazione nelle competenze dell’Agenzia: passano ad Appa le competenze sui rifiuti urbani, sulle bonifiche e sulle VIA. Inoltre, a partire dal 2014, tramite la consulenza tecnico/scientifica l’Agenzia partecipa ai procedimenti autorizzativi con il rilascio di pareri.

Attualmente l’Appa è una peculiare struttura organizzativa della Provincia dotata di autonomia organizzativa, amministrativa, tecnica e contabile.
I principali ambiti in cui opera l’Agenzia a oggi sono:

  • il monitoraggio dei dati ambientali
  • le analisi di laboratorio
  • la consulenza tecnico-scientifica
  • la pianificazione
  • i controlli ambientali
  • l’informazione, la formazione e lo sviluppo sostenibile
  • l’educazione ambientale

[abstract a cura della Redazione di AmbienteInforma, non rivisto dall’autore]

Vai alla presentazione L’esperienza della Provincia autonoma di Trento

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *