L’implementazione del GPP come priorità strategica dell’Arpab: avviata la sistematizzazione delle buone prassi

L’Agenzia ambientale della Basilicata, facendo  propri  i principali eco-obiettivi del PAN GPP,   partecipa al progetto Life GPPBest con cui nel prossimo triennio verrà adottato il Piano regionale degli acquisti verdi.

 

 

L’ Arpa Basilicata sta vivendo una fase di rilancio e di rinnovamento attraverso attività di potenziamento, programmazione e progettazione strategica e di interventi e procedure che comportano un impegno eccezionale.

In linea con il proprio mandato istituzionale e nel rispetto degli obblighi di legge,  l’Agenzia di protezione dell’Ambiente, ritiene una priorità strategica  l’implementazione sistematica del GPP Green Public Procurement ( acquisti verdi della pubblica amministrazione).

L’Ente, in base alla risultanze degli Stati generali della Green Economy 2016, intende perseguire gli obiettivi dell’innovazione  e dell’efficientamento volto alla risoluzione dei propri impatti ambientali adottando procedure low carbon, di efficientamento energetico, paper less basate sull’investimento in innovazione tecnologica e nella digitalizzazione delle attività agenziali.

L’Agenzia lucana per la protezione dell’ambiente  di Basilicata, per il tramite dell’UO Certificazione ambientale e attività tecniche, opera dal 2002 per la diffusione degli strumenti di sostenibilità (EMAS, Ecolabel, GPP) nell’ambito delle linee progettuali sviluppate dal Sistema delle agenzie e collaborando con l’organismo regionale e con gli stakeholder locali (associazioni di categoria, scuole, altre istituzioni).

Essa,  infatti, partecipa alle attività del progetto Life GPPBest con cui la Regione Basilicata intende adottare nel triennio il Piano regionale degli acquisti verdi della pubblica amministrazione regionale.

Inoltre l’Arpab ha fatto propri i principali eco-obiettivi del PAN GPP  riguardo all’uso sostenibile  delle risorse, la prevenzione dei danni alla salute e la riduzione dell’uso di sostanze pericolose, la corretta gestione dei rifiuti, anche ricorrendo ad approvvigionamento di beni e servizi “green” mediante specifiche convenzioni Consip/MePA.

Per il prossimo triennio, anche in vista dell’entrata in vigore del nuovo Codice  degli appalti, Arpa Basilicata intende sistematizzare e consolidare le buone prassi fin qui messe in campo in maniera non organica.

Nel lungo periodo, inoltre, intende intraprendere nuove iniziative con contenuti di sostenibilità che vadano oltre gli obblighi di legge, agendo sia sulla domanda che sull’offerta per diffondere anche a livello locale i principi della—oltre che sistemico

Le priorità strategiche che Arpa Basilicata intende garantire consistono nel:

  • progettare ed implementare un sistema integrato di qualità che consenta sulla base di quanto già programmato nel Piano delle Performance 2016-2018 di predisporre il programma triennale per l’accreditamento di procedure di laboratorio e per la certificazione di qualità delle proprie reti di misura
  • implementare gli strumenti di organizzazione interna per la piena attuazione del GPP, anche avvalendosi delle linee di indirizzo prodotte dal Sistema nazionale di protezione dell’ambiente e divulgarne i risultati alla platea dei portatori di interesse dell’Agenzia  nella consapevolezza che un aumento della domanda “verde” della pubblica amministrazione influenza positivamente anche il comportamento delle imprese e determina un adeguamento dell’offerta ovvero un incremento della diffusione delle certificazioni ambientali e delle marchiature verdi.

Con questa premessa l’Agenzia per la protezione dell’ambiente di Basilicata si è impegnata  a costituire un gruppo di lavoro per il perseguimento degli obiettivi strategici sul GPP da realizzare mediante l’adozione di uno specifico Piano d’azione di durata triennale  per la pianificazione delle azioni,  il monitoraggio e la valutazione degli impatti e la rendicontazione della spesa verde dell’Agenzia.

E, ancora, ad adottare procedure e comportamenti, nel rispetto delle linee di indirizzo poste dall’Snpa che, oltre a garantire l’osservanza degli obblighi normativi sul GPP consentano nelle gare di appalto di garantire l’applicazione delle specifiche prescrizioni normative e nel tempo incrementarne la portata per introdurre caratteristiche prestazionali e funzionali di prodotti e servizi adeguate e conseguire obiettivi di tutela sempre maggiori.

Tra gli ulteriori obiettivi razionalizzare consumi valutando le esigenze di acquisto dell’Agenzia per privilegiare soluzioni di dematerializzazione, manutenzione, aggiornamento, riparazione  riuso dei beni e dei servizi, consolidare e promuovere la procedura degli acquisti sotto soglia comunitaria in uno con l’aggiornamento dell’albo dei fornitori , sensibilizzare e formare il personale sia sulla politica dell’uso responsabile delle risorse naturali degli acquisti verdi, che sulla modalità di funzionamento del sistema di gestione  degli acquisti che da essa discenderà.

Attraverso queste finalità proseguirà la partecipazione di Arpab ai tavoli interagenziali in materia di GPP e certificazioni ambientali adottando i relativi prodotti con apposita delibera e garantendo al divulgazione a tutti i portatori di interesse nonché prevedendo la partecipazione ai tavoli regionali e locali sul GPP per fornire il contributo tecnico dell’Agenzia.

Saranno, infine, informati gli stakeholder sulla propria politica di acquisti verdi anche per sensibilizzare gli enti pubblici all’adozione del GPP e le imprese sull’opportunità di mercato legate alla qualificazione ambientale dei prodotti e servizi, fornendo su richiesta opportuna assistenza tecnica.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *