Mobilità sostenibile in Emilia-Romagna

ER_mobilita_sostenibile

L’Emilia-Romagna è molto impegnata in iniziative e progetti per la mobilità sostenibile, sopratutto nel quadro della pianificazione per migliorare la qualità dell’aria nel territorio regionale e nel bacino padano. Migliorare la qualità e la quantità dell’offerta alternativa all’auto privata in ambito urbano è una delle priorità del Piano aria integrato regionale – Pair2020.

Visto il forte impatto che il settore dei trasporti ha sul consumo energetico complessivo e sui cambiamenti climatici, la Regione Emilia-Romagna è molto impegnata in iniziative e progetti che migliorino la qualità dell’aria e che favoriscano buone pratiche in grado di contenere l’inquinamento atmosferico legato al traffico dei veicoli.
In particolare, l’impegno regionale è indirizzato soprattutto a promuovere l’intermodalità (cioè la combinazione di mezzi diversi), una migliore organizzazione qualitativa e quantitativa dell’offerta alternativa al trasporto stradale, l’innovazione tecnologica nella mobilità, la ricerca per la diffusione di mezzi a elevata efficienza energetica e a ridotte emissioni inquinanti per il trasporto delle persone e delle merci.
La Regione inoltre è impegnata nel raggiungere accordi con i principali operatori del settore e nella partecipazione a progetti europei a favore della mobilità sostenibile.

Tra le azioni prioritarie per la mobilità sostenibile e il trasporto pubblico previste nella pianificazione regionale in materia di miglioramento della qualità dell’aria (Pair2020, Piano aria integrato regionale) e di trasporto pubblico:
– il rinnovo del parco autobus con sostituzione dei mezzi di vecchia immatricolazione nelle aree urbane e il rinnovo del materiale rotabile
– la riqualificazione e il potenziamento dei servizi del TPL (trasporto pubblico locale) per migliorare l’alternativa modale al veicolo privato, attraverso il potenziamento dei servizi pubblici del 10%, con aumento dei finanziamenti pari almeno al 10% nel periodo 2015-2020 e incremento del 20% del trasporto su ferro
– il potenziamento del car-sharing e la diffusione del car pooling e delle piattaforme web di gestione del trasporto persone e merci
– la realizzazione di infrastrutture per il miglioramento dell’interscambio modale ferro-gomma-bici nelle stazioni/fermate del trasporto pubblico
– il completamento del sistema di tariffazione integrata tariffaria ferro-gomma (Mi Muovo), da estendere fino a diventare una “carta della mobilità regionale” (ad es. per i servizi di bike e car sharing, sosta, ricarica elettrica ecc)
– lo sviluppo dell’ITS (Intelligent Transport Systems) e di progetti di Infomobilità

– l’estensione del Pedibus/bicibus alla maggioranza degli istituti primari delle aree urbane dei Comuni con popolazione superiore a 30.000 abitanti e ai Comuni dell’agglomerato di Bologna
> Vai a Pedibus, Bologna
> Vai a Siamo nati per camminare
> Vai Percorsi sicuri casa-scuola partecipati

– la promozione di accordi aziendali o di distretto industriale per ottimizzare gli spostamenti casa-lavoro dei dipendenti (Mobility manager di distretto), delle iniziative di mobility management negli enti pubblici, dell’inserimento nei bandi per le imprese del vincolo di realizzare politiche di mobility management e dell’eco driving. Sia la Regione che Arpa Emilia-Romagna, ad esempio, hanno introdotto incentivi per l’uso dei mezzi pubblici da parte del proprio personale (abbonamenti agevolati a bus e treni).

estensione della rete ciclabile fino al raggiungimento, al 2020, di 1,5 metri per abitante di piste ciclabili nelle aree urbane (0,8 m media attuale) e una quota di mobilità ciclabile pari al 20% degli spostamenti urbani
Vai a Mi muovo in bici

– la promozione delle videoconferenze e del telelavoro

– l’incentivazione e promozione dell’utilizzo di veicoli elettrici (biciclette a pedalata assistita, motocicli elettrici e autovetture elettriche) con l’obiettivo di aumentare almeno del 10% la flotta di veicoli elettrici e ibridi circolanti in ambito urbano
– il potenziamento della rete pubblica con punti di ricarica per i veicoli elettrici nelle città e lo sviluppo di una infrastruttura di ricarica rapida e dell’installazione di colonnine di ricarica anche private.
Vai a Mi muovo elettrico

Sul sito Liberiamo l’aria, gestito da Arpae Emilia-Romagna, oltre a documenti e notizie sul Pair2020 e qualità dell’aria, anche le diverse iniziative di mobilità sostenibile adottate dai Comuni coinvolti dal Piano.

 

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *