Monitoraggi e misure del campo elettromagnetico generato da antenne ed elettrodotti in Valle d’Aosta

Il monitoraggio e la misura dei campi elettromagnetici hanno lo scopo del controllo del rispetto dei limiti normativi e della valutazione dell’esposizione della popolazione. Arpa Valle d’Aosta ha organizzato il sistema dei monitoraggi e misure a partire dagli obblighi delle leggi regionali, dalle richieste dei cittadini e dalla caratterizzazione territoriale delle sorgenti.

Il monitoraggio del campo elettrico generato da antenne

La legge regionale della Valle d’Aosta relativa all’autorizzazione di impianti di radiotrasmissione prevede il parere obbligatorio dell’Arpa.
L’Arpa procede, sulla base dei dati di progetto degli impianti, ad una simulazione numerica del campo elettrico generato: se l’esito restituisce un valore che supera la metà del limite normativo viene emesso un parere da confermare con misure dopo l’accensione degli impianti. Il numero di tali pareri da confermare è aumentato nel tempo per le sempre crescenti richieste da parte dei gestori della rete. Anche alla luce della variazione della normativa sul rispetto dei limiti che ha portato i tempi di misura da 6 minuti a 24 ore, è divenuto imperativo l’utilizzo di centraline automatiche per poter effettuare la verifica del rispetto dei limiti su periodi temporali di più giorni. Si è quindi passati da rilievi brevi a monitoraggi prolungati nel tempo. Questa modalità è seguita da anni da parte dell’Agenzia per rispondere alle molte richieste da parte di enti pubblici o privati cittadini per la valutazione della possibile esposizione dovuta alla presenza di antenne in prossimità di edifici adibiti a permanenza prolungata di persone (scuole, uffici, case private).

Monitoraggio del campo elettrico a radiofrequenza tramite centralina

Il numero di monitoraggi svolti dal 2004 al 2016 è stato di 155 per un totale di giorni di misura superiore a 5500. La distribuzione dei valori medi di campo elettrico rilevati è riportata in figura, solo il 2% supera il valore di attenzione previsto dalla normativa (6 V/m).

Tutti i dati dei monitoraggi sono registrati in un archivio elettronico, presente sul sito dell’Agenzia.

Il controllo sul campo elettrico e magnetico generati da elettrodotti di alta tensione

Negli anni Arpa ha effettuato vari interventi di controllo presso abitazioni vicine ad elettrodotti di alta tensione a seguito di richieste da parte di enti territoriali o da privati cittadini. Vista però la previsione di aumento di importazione di energia elettrica da Francia e Svizzera preventivata dal gestore della rete nel suo piano di sviluppo, sono state intraprese delle sistematiche campagne di monitoraggio sul territorio lungo i percorsi di tutti gli elettrodotti a 132, 220 e 380 kV, finalizzate, nell’immediato, ad individuare eventuali superamenti di limiti normativi e in prospettiva a valutare la variazione degli impatti.

Al fine di identificare gli edifici da monitorare, è stato utilizzato un criterio legato alle caratteristiche sia geometriche sia elettriche dell’elettrodotto che permette di individuare intorno al percorso della linea gli edifici dove può essere superato il valore di attenzione fissato dalla normativa per il campo magnetico (10 µT).

Esempi di abitazioni selezionate

È stato effettuato un primo sopralluogo presso tutti gli edifici selezionati e, se necessario, si è provveduto alle misure.

Edifici selezionati Edifici con misure solo esterne Edifici con misure esterne ed interne
380 kV 12 5 1
220 kV 150 19 28
132 kV(*) 84 2 24

(*) I numeri relativi alle linee a 132 kV sono parziali in quanto l’attività è tutt’ora in corso, le linee monitorate finora sono state poco più del 50% rispetto al totale.

In nessun edificio è stato rilevato un superamento del valore di attenzione del campo magnetico, mentre in un caso è stato misurato il superamento del limite di esposizione per il campo elettrico ed è stata attivata la procedura di bonifica.

I valori rilevati in taluni casi hanno richiesto un’analisi più approfondita per controllare se il rispetto del limite veniva confermato nel tempo e, comunque, per valutare negli anni le variazioni di esposizione. Si è quindi proceduto tramite simulazioni, ove possibile, alla stima nel tempo dell’esposizione della popolazione residente.

 

Monitoraggio del campo elettrico con centraline rf sul territorio della Valle d’Aosta: 10 anni di misure centraline
Poster centraline RF Valle d’Aosta

Controlli sugli elettrodotti di alta tensione transitanti sul territorio della Valle d’Aosta
Poster elettrodotti Valle d’Aosta

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *