Quanti rifiuti urbani produciamo in Italia: i dati del Rapporto Rifiuti Ispra 2017

Torna a crescere la produzione nazionale di rifiuti urbani nel 2016 dopo cinque anni di progressiva riduzione. Il dato è in linea con l’andamento degli indicatori socio-economici. Continua a leggere Quanti rifiuti urbani produciamo in Italia: i dati del Rapporto Rifiuti Ispra 2017

Raccolta differenziata in Italia: i dati del Rapporto Rifiuti Ispra

Raddoppiata in dieci anni la raccolta differenziata in Italia: dal 25,8% del 2006 si è passati al 52,5% nel 2016 (+5% rispetto al 2015), anche se il Paese rimane in ritardo rispetto all’obiettivo fissato per il 2012 (65%). Continua a leggere Raccolta differenziata in Italia: i dati del Rapporto Rifiuti Ispra

Settimana UE per la riduzione dei rifiuti, 18-26 novembre 2017

La campagna europea 2017 ha come titolo”Diamo una seconda vita agli oggetti” e intende sensibilizzare al riuso ‘con un briciolo di riparazione’ per combattere l’atteggiamento usa-e-getta.   Continua a leggere Settimana UE per la riduzione dei rifiuti, 18-26 novembre 2017

Webinair dalla Commissione europea su strumenti digitali per la promozione di Ecolabel

E’ possibile iscriversi a un webinair gratuito organizzato dalla Direzione generale Ambiente della Commissione europea sui metodi più semplici per promuovere i prodotti Ecolabel UE; il seminario si terrà on-line il prossimo 27 novembre tra le ore 15:00 e le ore 16:30.

Continua a leggere Webinair dalla Commissione europea su strumenti digitali per la promozione di Ecolabel

I dati aperti disponibili sul Catasto dei rifiuti

L’Istituto superiore per la protezione e la ricerca ambientale (Ispra) ha organizzato il Catasto dei rifiuti contenente tutte le informazioni sulla produzione e gestione dei rifiuti urbani e di quelli speciali, sugli impianti di gestione, nonché sulla raccolta differenziata dei rifiuti urbani.

Continua a leggere I dati aperti disponibili sul Catasto dei rifiuti

L’economia circolare in un video dell’Agenzia europea per l’ambiente

In un video animato prodotto dall’Agenzia europea per l’ambiente (EEA) spiega che cos’è l’economia circolare e quali benefici può produrre per il pianeta e per le persone. Continua a leggere L’economia circolare in un video dell’Agenzia europea per l’ambiente

Le slide della presentazione del rapporto Ispra “Rifiuti urbani 2017”

Le slide della presentazione del rapporto Ispra “Rifiuti 2017”, che si è tenuta il 31 ottobre 2017. Continua a leggere Le slide della presentazione del rapporto Ispra “Rifiuti urbani 2017”

Rifiuti, la situazione in Lombardia

Cresce la raccolta differenziata che si attesta al 60,8%. Aumenta la quantità di rifiuti trattati negli impianti lombardi, sempre più avviati a recupero e sempre meno destinati allo smaltimento. Continua a leggere Rifiuti, la situazione in Lombardia

Cordoglio da parte di AssoArpa per la scomparsa di Roberto Mezzanotte

Il Presidente AssoArpa, Luca Marchesi, appresa la notizia della scomparsa di Roberto Mezzanotte, ha espresso il profondo cordoglio delle agenzie ambientali.

L’ing. Roberto Mezzanotte è stato una delle figure di spicco nel campo della Sicurezza Nucleare e della Radioprotezione in Italia fin dal suo ingresso nell’allora CNEN (Comitato Nazionale per l’Energia Nucleare) nel 1975, quando ha cominciato ad occuparsi di controlli di sicurezza e radioprotezione e dell’impatto ambientale degli impianti nucleari e delle installazioni con sorgenti di radiazioni ionizzanti. Nel tempo ha ricoperto incarichi sempre più importanti all’interno delle strutture di Enea-Disp prima e di ANPA/APAT poi, fino a ricoprire il ruolo, nel 2007, di Direttore del Dipartimento Nucleare, Rischio Tecnologico ed Industriale dell’ISPRA.

Durante tutta la sua carriera lavorativa ha svolto numerose attività di studio e di ricerca ed ha partecipato attivamente alla elaborazione degli standard di sicurezza nucleare e radioprotezione, così come della normativa a diversi livelli.

E’ sempre stato una figura di riferimento nel campo della radioprotezione nazionale ed internazionale, stimato per la sua profonda conoscenza della materia e la sua capacità di collaborazione, mediazione e coordinamento nei diversi ambiti in cui si è trovato ad operare. Può essere senz’altro considerato uno dei padri della moderna radioprotezione.

Era una persona pacata e disponibile al dialogo, con una profonda conoscenza della materia che non faceva mai pesare sugli altri.

Molto spesso è stato in grado di trovare risposte adeguate a problematiche che non trovavano riscontro nelle pieghe della legislazione italiana.

Mancherà tantissimo agli operatori delle agenzie ambientali che si occupano di radioprotezione e che in lui avevano un punto di riferimento certo.