Progetti di cooperazione e gestione integrata dei corsi d’acqua montani

I fiumi sono gli assi dello sviluppo sostenibile nelle Alpi: forniscono acqua potabile e permettono l’irrigazione in agricoltura, sono una riserva di biodiversità, strategica anche per il turismo e permettono la produzione di energia. Tuttavia, i corsi d’acqua alpini possono fornire questi e altri servizi solo se ci prendiamo cura di loro e li manteniamo in buono stato. Il progetto europeo SPARE (Strategic Planning for Alpine River Ecosystems) ha come finalità l’armonizzazione tra utilizzo e conservazione della risorsa idrica.

SPARE è un progetto di cooperazione che è attivo da dicembre 2015 e terminerà a dicembre 2018 ed è cofinanziato dal Fondo europeo di sviluppo regionale attraverso il programma Interreg Spazio Alpino.

I nove partner del progetto, provenienti da sei paesi alpini, hanno un profilo complementare e sotto il coordinamento dell’Università per la tutela delle risorse naturali di Vienna (BOKU) intendono dimostrare l’importanza di un approccio integrato e partecipato alla gestione dei corsi d’acqua promuovendo la consapevolezza dei servizi ecosistemici sostenuti dai fiumi e, contemporaneamente, la loro vulnerabilità.

Gli obiettivi del progetto sono:

  • promuovere la conoscenza dei servizi ecosistemici supportati dai fiumi montani e la loro importanza strategica;
  • migliorare le pratiche di gestione integrando concretamente i servizi ecosistemici supportati dai corsi d’acqua e la partecipazione effettiva dei relativi portatori di interesse;
  • dotare gli amministratori di strumenti per la pianificazione strategica dell’uso della risorsa fiume in linea con le esigenze gestionali e la base normativa;

Le principali attività previste sono:

  • fornire una panoramica a livello alpino dei fiumi a maggior priorità di protezione;
  • promuovere gli esempi di buona gestione dei corsi d’acqua nelle Alpi;
  • permettere agli amministratori di cinque casi studio alpini di progettare, valutare e applicare metodi innovativi di gestione partecipata della risorsa idrica;
  • capitalizzare le buone pratiche gestionali sperimentate e replicarle in altri fiumi alpini;
  • realizzare una piattaforma interattiva (SPARE-LIVE) per supportare i processi decisionali e la gestione concreta dei fiumi offrendo attività di e-learning rivolte a tutti i portatori di interesse e un database di buone pratiche gestionali.

Per ulteriori informazioni consultare il sito ufficiale del progetto http://www.alpine-space.eu/projects/spare, il sito di Arpa Valle d’Aosta http://www.arpa.vda.it/spare o quello di Arpa Veneto http://www.arpa.veneto.it/servizi-ambientali/cooperazione/programmazione-2014-2020-1/spare

 

Andrea Mammoliti Mochet
Arpa Valle d’Aosta

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *