Protocollo aria in Regione Lombardia

In Lombardia la Regione ha promosso un protocollo di collaborazione con i Comuni per l’attuazione di misure temporanee omogenee durante i periodi di accumulo degli inquinanti e di aumento delle relative concentrazioni.

Per contrastare l’inquinamento atmosferico e migliorare la qualità dell’aria a livello locale, Regione Lombardia, in affiancamento alle misure strutturali permanenti già avviate con il Piano regionale degli interventi per la qualità dell’aria (PRIA), ha coordinato, assieme ad Anci Lombardia, l’attivazione di un Protocollo di collaborazione con i Comuni per l’attuazione di misure temporanee omogenee durante i periodi di accumulo degli inquinanti e di aumento delle relative concentrazioni.

L’accordo prevede, per il periodo invernale e fino ad almeno il prossimo 15 aprile, l’adozione di due livelli di misure temporanee per il miglioramento della qualità dell’aria.

Sulla base dei dati rilevati da Arpa Lombardia, in caso di superamento del limite giornaliero per l’inquinante PM10 per 7 giorni consecutivi i provvedimenti entrano automaticamente in vigore a partire dal giorno successivo (9° giorno dal primo superamento) alla validazione ufficiale del dato (8° giorno).

Queste scadenze possono variare in considerazione delle previsioni sull’andamento degli inquinanti, elaborate dall’Agenzia sulla base delle condizioni meteorologiche attese nel periodo immediatamente successivo alla criticità in corso. Nel caso queste siano complessivamente molto favorevoli all’accumulo degli inquinanti o, viceversa, alla loro dispersione, l’entrata in vigore delle misure può essere anticipata oppure sospesa.

La mappa dei comuni con le limitazioni attive, il conteggio dei giorni di superamento dei livelli di riferimento del protocollo e il dettaglio delle limitazioni sono consultabili sul sito della Regione Lombardia.

Altre risorse

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *