Rapporto controlli ambientali AIA e Seveso, la situazione in Lombardia

Arpa Lombardia effettua attività di controllo presso le installazioni AIA e gli stabilimenti Seveso sulla base della programmazione fatta dalle specifiche autorità competenti. L’attività svolta nel 2015 ha visto, per quanto riguarda l’AIA, un incremento dei controlli sulle attività zootecniche e per quanto riguarda le RIR, il passaggio dal Dlgs 334/99 al Dlgs 105/15.

La Lombardia è la regione italiana con il maggior numero di stabilimenti: le 1813 AIA e le 285 RIR rappresentano rispettivamente il 31% e il 26% del totale nazionale.

A livello provinciale il maggior numero di stabilimenti AIA regionali è ubicato a Brescia (25,3%) e a Mantova (14,8%). La vocazione prevalentemente “agricola” di queste due province è evidenziata dalla presenza delle attività zootecniche (attività 6.6).

Seguono quindi la provincia di Milano e Bergamo entrambe con il 12,2% del totale regionale: in provincia di Milano l’attività prevalente è la gestione dei rifiuti (5) mentre a Bergamo sono gli allevamenti (6.6) e trattamento metalli (2).

Distribuzione provinciale AIA regionali per attività

Per quanto riguarda la Seveso, le province che presentano il maggior numero di stabilimenti di soglia inferiore (SSI) sono Milano (21,2%) e Brescia (15,9%).

Distribuzione provinciale SSI per tipologia attività

La programmazione delle ispezioni AIA regionali è stata effettuata utilizzando il modello SSPC (sistema di supporto alla programmazione controlli) e nel corso del 2015 sono stati effettuati 356 controlli ordinari e 41 straordinari – attivati su richiesta dell’autorità competente o su segnalazione di emergenze locali – che hanno portato a rilevare un totale di 81 non conformità di tipo amministrativo e/o penale (75 a seguito di controllo ordinario e 6 a seguito di controllo straordinario).

Ispezioni AIA regionali ed esiti per attività

In Lombardia, il controllo sulle attività AIA viene effettuato anche attraverso il monitoraggio dei dati di autocontrollo che i Gestori sono tenuti a inserire in “AIDA” (Applicativo Integrato Di Autocontrollo) entro il 30 aprile di ogni anno e tramite l’applicativo “Rete SME” che consente la gestione e il controllo da remoto dei dati forniti dai Sistemi di Monitoraggio in continuo posti a presidio delle Emissioni più significative della Regione Lombardia (inceneritori, impianti per la produzione di energia termica o elettrica, vetrerie e cementifici).

Le ispezioni AIA regionali sono svolte da personale ARPA afferente alla UO Attività Produttive e Controlli dei Dipartimenti e della Sede Centrale e seguono quanto riportato nelle istruzioni operative IO.SL.004 e IO.SL.005 disponibili nella sezione imprese sul sito di ARPA Lombardia.

Per quanto riguarda la normativa Seveso, la programmazione delle ispezioni è stata effettuata sulla base dell’art. 25 del D.lgs. 334/99 (ora art. 27 del D.lgs. 105/15) e della DGR di Regione Lombardia 11182 del 03/02/10 (ora abrogata e sostituita dalla DGR 6734 del 19/06/17).

Nel 2015 sono state effettuate 36 ispezioni sul Sistema di Gestione della Sicurezza (SGS) in SSI rispetto alle 45 programmate: le differenze hanno riguardato cessazioni di attività o cambi nell’assoggettabilità alla Seveso. Nei casi in cui non è stato possibile completare l’attività ispettiva SGS è stato comunque svolto un sopralluogo finalizzato sia alla verifica dello stato dei luoghi che a quanto contenuto nella documentazione inviata dai Gestori. Non sono state invece effettuate ispezioni straordinarie.

Dalla valutazione dei rapporti finali di ispezione si è rilevato un maggior numero di raccomandazioni (585) rispetto alle prescrizioni (325).

Ispezioni SGS ordinarie ed esiti per tipologia attività

Nel dettaglio si è rilevato che gli elementi gestionali per così dire più “critici” hanno riguardato la pianificazione dell’emergenza, il controllo operativo e l’organizzazione e il personale per quel che riguarda le raccomandazioni; la pianificazione dell’emergenza, il controllo operativo e l’identificazione e valutazione dei pericoli rilevanti per le prescrizioni.

Le ispezioni SGS sugli stabilimenti di soglia inferiore sono svolte da personale ARPA afferente alla UO Attività Produttive e Controlli dei Dipartimenti e della Sede Centrale e da funzionari dei Vigili del Fuoco, seguendo quanto riportato nell’istruzione operative IO.SL.001 disponibile nella sezione imprese sul sito di ARPA Lombardia.

Cristina Pizzitola e Emma Porro – Arpa Lombardia

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *