Siccità, la risalita del cuneo salino nel delta del Po

L’attuale situazione di grave siccità ha portato a una forte carenza idrica anche il fiume Po. La situazione è costantemente monitorata in maniera unitaria sotto diversi aspetti. Tra le attività anche una campagna di misura della salinità lungo i diversi rami del delta. 

L’attuale situazione di grave siccità, in Emilia-Romagna e in gran parte dell’Italia, ha portato ad una forte carenza idrica anche il fiume Po.
L’Osservatorio permanente sugli utilizzi idrici in atto nel Distretto idrografico del fiume Po, di cui anche Arpae Emilia-Romagna fa parte, segue costantemente la situazione e raccoglie in maniera unitaria le informazioni relative agli scenari climatici e idrologici e quelle relative al monitoraggio delle disponibilità e dei consumi idrici.

Nel quadro delle azioni per la gestione proattiva della siccità, in particolare nella parte terminale e nel delta, rientra anche una campagna di misure dei deflussi e della salinità per la valutazione della risalita del cuneo salino realizzata lo scorso 26 luglio 2017. Il fenomeno della risalita del cuneo salino – acqua salata che risale dal mare nei rami del delta del Po, con distanze più accentuate al diminuire della portata del fiume – rappresenta uno dei fenomeni più gravi nei casi di siccità, in grado di interferire sugli approvvigionamenti idrici a fini irrigui e idropotabili.

L’analisi preliminare dei campionamenti prelevati mostra valori di intrusione, lungo il ramo del Po di Pila, dell’ordine di 12-15 chilometri dalla foce, in condizioni di alta marea, in linea con i modelli matematici attualmente operativi. Da questi primi dati l’entità dell’intrusione sembra essere in linea con quella rilevata nell’analoga campagna di misura del 2007. 

I monitoraggi sono stati svolti da un’equipe tecnica composta da Arpae, Arpa Veneto, Cnr-Ismar di Venezia, Consorzio di bonifica delta del Po e Genio civile della Regione del Veneto.

Leggi la notizia integrale, sito Arpae

Leggi il comunicato, sito Arpa Veneto

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *