Studio modellistico sugli effetti dell’incendio di un deposito di zolfo nell’area industriale di Siracusa nel luglio 2017

La Sicilia ogni anno, nella stagione estiva, è teatro di una grande quantità d’incendi, di varia natura, che determinano l’insorgenza di una considerevole pressione ambientale in termini di alterazione di qualità dell’aria e consumo di suolo.

In questo contesto, ARPA Sicilia è spesso impegnata nella valutazione delle refluenze ambientali degli eventi incidentali, intervenendo con analisi di campioni di aria e di suolo, sovente indirizzate preliminarmente da studi modellistici di diffusione e trasporto degli inquinanti aerodispersi dalle masse combuste.

Tra le varie attività di modellazione di eventi incidentali ARPA Sicilia, recentemente, è stata impegnata in quello che ha riguardato l’incendio di un dispositivo per il contenimento dello zolfo granulare di proprietà della EcoNova Corporate SpA, ubicato nel territorio del comune di Melilli (SR) che, tuttavia, ha coinvolto un quantitativo esiguo di materiale combustibile stimato pari a circa 100 Kg.

Unitamente alla simulazione settata sui valori emissivi assunti con la stima reale, si è sviluppata inoltre una simulazione basata su una massa combusta pari a 1000Kg, al fine di valutare gli effetti di uno scenario maggiormente impattante, in una logica di tipo conservativo.

La modellazione dell’evento ha messo in risalto un interessante meccanismo di trascinamento delle masse d’aria attraverso una singolare canalizzazione dell’aria creata dalla morfologia dei luoghi, la cui esistenza in passato era stata solo ipotizzata.

Per effetto di tale canalizzazione e per la esigua immissione d’inquinante nel Planetary Boundary Layer le ricadute al suolo sono apparse assai modeste ed al di sotto dei limiti di riferimento previsti dal Decreto Legislativo n. 155/2010.

Il periodo di riferimento delle ricadute dovute all’evento incidentale, analizzato con la catena modellistica Calmet-Calpuff-Calpost, è il giorno 12 del mese di luglio 2017, ed è ricompreso tra le ore 16:00 e le ore 20:00. La stima delle emissioni è stata condotta sulla scorta della consultazione con il comando dei VV.FF. di Siracusa, il quale ha fornito sinteticamente le indicazioni basilari relative all’intervento operato dalla squadra di emergenza sui luoghi dell’incendio.

Vai allo studio >

A cura di: V. Infantino e G. Madonia – Direzione Generale SG1.3 Sistemi Informativi Ambientali e Territoriali

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *