Gli inquinanti emergenti delle acque sotterranee e di quelle superficiali

Gli interventi della sessione della Summer school AssoArpa dedicata agli inquinanti emergenti. In primo piano il caso del Veneto con la contaminazione da Pfas.

Continua a leggere Gli inquinanti emergenti delle acque sotterranee e di quelle superficiali

Monitoraggio e valutazione dello stato chimico delle acque sotterranee, Arpa Sicilia presenta il report 2016

Dalla valutazione effettuata sui 72 corpi idrici sotterranei della Sicilia monitorati da Arpa, nel sessennio 2011-2016, emerge che il 47% dei corpi idrici monitorati risulta in stato chimico scarso, mentre il restante 53% è in stato chimico buono.

Continua a leggere Monitoraggio e valutazione dello stato chimico delle acque sotterranee, Arpa Sicilia presenta il report 2016

Monitoraggio dei fitofarmaci nelle acque delle risaie piemontesi

I risultati dei fitofarmaci nel monitoraggio dei corpi idrici nelle zone risicole hanno evidenziato la necessità di proseguire con approfondimenti sulle aziende per verificare l’utilizzo di sostanze non autorizzate. 

Continua a leggere Monitoraggio dei fitofarmaci nelle acque delle risaie piemontesi

Gestione degli acquiferi e modellistica matematica

L’implementazione di un modello matematico delle acque sotterranee rappresenta spesso la sintesi finale di un lungo percorso di studio e di ricerca multidisciplinare. Il percorso illustrato nell’articolo in Ecoscienza 6/2016, dedicato agli acquiferi modenesi, rappresenta il momento iniziale per un uso operativo del modello sviluppato da Arpae. Leggi l’articolo >

I dati più recenti della qualità di 7.494 corpi idrici fluviali e di 1.053 corpi idrici sotterranei

acque-interneL’Annuario Ispra 2016 presenta i dati più recenti disponibili sui risultati del monitoraggio della qualità delle acque superficiali interne (fiumi e laghi), di quelle sotterranee e di quelle marino-costiere in tutta Italia.

Continua a leggere I dati più recenti della qualità di 7.494 corpi idrici fluviali e di 1.053 corpi idrici sotterranei

Le acque sotterranee, una risorsa strategica

Le acque sotterranee rappresentano una risorsa idrica strategica e molto preziosa per l’uomo e per l’ambiente. Gli estesi acquiferi che si formano per ricarica naturale costituiscono serbatoi sotterranei da tutelare per sostenere i diversi usi e per aumentare la resilienza dei territori agli eventi estremi. Le priorità di tutela e di gestione sono individuate dalla direttiva quadro Acque e dalla direttiva Acque sotterranee.

Continua a leggere Le acque sotterranee, una risorsa strategica

Marche, disponibile il report triennale sulle acque sotterranee

Nel sito di Arpa Marche è disponibile, tra gli altri, anche il report 2013-2015 sullo stato di qualità delle acque sotterranee. L’adeguamento della normativa nazionale alla direttiva quadro Acque e alla direttiva figlia 2006/118/CE ha richiesto una revisione e/o adeguamento dei piani di monitoraggio. Per quanto riguarda le acque sotterranee, l’obiettivo è lo sviluppo di un modello concettuale che costituisca la base conoscitiva per progettare i programmi di monitoraggio e di valutazione del rischio. Vai al report, sito Arpa Marche >

Annuario 2016 – Il 75% dei fiumi italiani è in buono stato chimico, va peggio per i laghi (47%)

acque-interneI dati riportati dall’Annuario Ispra 2016 sulla qualità delle acque superficiali interne (fiumi e laghi), che fanno riferimento al primo ciclo esennale di monitoraggio (2010-2015) ai sensi del Dlgs 152/06. I dati sono stati raccolti attraverso la collaborazione delle Agenzie ambientali regionali e provinciali.

Continua a leggere Annuario 2016 – Il 75% dei fiumi italiani è in buono stato chimico, va peggio per i laghi (47%)