Gli esiti dei controlli AIA e Seveso in Piemonte

Con 222 controlli integrati ordinari e il relativo prelievo di 420 campioni su varie matrici ambientali, lo stato degli impianti autorizzati è risultato generalmente buono sul territorio piemontese; sul sistema di gestione della sicurezza sono state effettuate 12 verifiche ispettive di cui per circa il 50% è stato riscontrato un miglioramento e per la restante parte degli stabilimenti si è riscontrato il mantenimento del buon livello già raggiunto in passato.

Continua a leggere Gli esiti dei controlli AIA e Seveso in Piemonte

Sorvino, il punto della situazione in Arpa Campania

Il commissario di Arpac Stefano Sorvino traccia un bilancio dei primi cento giorni alla guida dell’Agenzia. “Per realizzare gli obiettivi del Snpa in Campania”, osserva, “punto dolente è la dotazione finanziaria e di personale”. Continua>

Controlli ambientali AIA-Seveso: i video di presentazione del rapporto Snpa

Sono disponibili i video predisposti in occasione del convegno, svoltosi il 4 aprile scorso, nel quale è stato presentato il Rapporto controlli ambientali del Snpa AIA/SEVESO, Edizione 2016.

Continua a leggere Controlli ambientali AIA-Seveso: i video di presentazione del rapporto Snpa

Basilicata, Centro Olio Eni di Viggiano, disposta la sospensione per tre mesi

Sversamento del greggio dai serbatoi e inosservanza di ENI alle prescrizioni della Regione hanno determinato la chiusura dell’impianto industriale per 90 giorni

Continua a leggere Basilicata, Centro Olio Eni di Viggiano, disposta la sospensione per tre mesi

Il protocollo biogas Arpa e Ausl sperimentato a Bologna e Imola

Ausl e Arpae Emilia-Romagna hanno elaborato e sperimentato con successo un protocollo operativo di vigilanza e controllo sugli impianti a biogas alimentati a biomasse nel bolognese. L’applicazione del protocollo conferma che gli impatti ambientali negativi sono spesso riferibili a un deficit nella progettazione, realizzazione o gestione dell’impianto. Vai al servizio in Ecoscienza 1/2015.

Il controllo delle aziende tessili a Prato nell’ambito del progetto speciale per contrastare l’illegalità

Prato è un’area di particolare sviluppo del progetto regionale per il potenziamento dei controlli ambientali e sanitari finalizzati a contrastare l’insorgere di un’economia illegale. Le tipologie di attività controllate sono state: tintorie, stamperie, gruccifici, ditte di recupero plastica, gestori di rifiuti tessili. Leggi il resto >

Impianti recupero rifiuti: online il report dei controlli in provincia di Cosenza

In provincia di Cosenza, l’86% delle imprese che effettuano il recupero di rifiuti pericolosi e non pericolosi tramite procedure semplificate ha pienamente rispettato tutte le prescrizioni e gli adempimenti di legge. E’ la conclusione alla quale è giunto il Dipartimento provinciale di Cosenza dell’Arpacal che controlla, in base ad una convenzione appositamente siglata con la Provincia di Cosenza, periodicamente le imprese che si occupano di tale specifica attività. Vai al rapporto >

Annuario 2016 – La situazione degli agenti fisici: inquinamento elettromagnetico, rumore, radioattività ambientale

elettromagnetismo

Mentre rimane costante l’attenzione dei cittadini verso la problematica dei campi elettromagnetici, cresce la preoccupazione dell’Oms per l’esposizione della popolazione italiana a livelli di rumore, diurni e notturni, considerati causa di stress, di disturbi del sonno, di riduzione del benessere psicologico e di problemi cardiovascolari.

Continua a leggere Annuario 2016 – La situazione degli agenti fisici: inquinamento elettromagnetico, rumore, radioattività ambientale

“AIA in cifre”, la pagina del sito di Arpa Lombardia dedicata ai controlli nelle aziende lombarde

grafo1

Pubblicati tutti i dati 2014 sui controlli e gli autocontrolli nelle aziende soggette a Autorizzazione integrata ambientale (AIA), che in Lombardia rappresentano il 35% del totale nazionale. Nel 2014, Arpa Lombardia ha sottoposto a controllo ordinario e/o straordinario 405 aziende.

Continua a leggere “AIA in cifre”, la pagina del sito di Arpa Lombardia dedicata ai controlli nelle aziende lombarde

Un nuovo “modus” nel controllo ambientale, la sfida è aperta

puglia_300x

Un nuovo modo di “fare controllo ambientale” dovrebbe consistere nell’affiancare agli strumenti classici di analisi chimica e fisica, gli strumenti innovativi come la modellistica previsionale o il sistema informativo geografico (GIS), magari pubblicati e accessibili sul web. Un tale Sistema, oltre ad assolvere al compito di vertificare il rispetto dei limiti normativi, assolverebbe alle finalità di comunicazione e di condivisione delle informazioni con altri utenti e con il pubblico. Per il Sistema nazionale di prevenzione ambientale la sfida è aperta. L’articolo di Massimo Blonda, direttore di Arpa Puglia. Continua a leggere Un nuovo “modus” nel controllo ambientale, la sfida è aperta