Che cos’è la pioggia che gela o gelicidio?

La pioggia, a contatto con il suolo molto freddo o con qualsiasi altra superficie, congela formando un insidioso strato di ghiaccio. Le condizioni meteorologiche che portano alla formazione del gelicidio o pioggia che gela al suolo si sono verificate la seconda settimana di gennaio in diverse aree del paese. Il  caso dell’Emilia-Romagna. Leggi il resto >

METEO E CLIMA – Tempo meteo e clima non sono sinonimi

Perché se arriva un’ondata di freddo al sud, magari anche anomalo, molti strillano sull’eccezionalità, mentre altri dicono il contrario? Come stanno le cose? Comprendere la differenza tra clima e tempo meteorologico, o ancora meglio fra variabilità meteorologica e climatica, sembra essere molto complicato. Ci aiuta a capire meglio tutto questo, con l’aiuto di un mazzo di carte, Carlo Cacciamani, direttore del Servizio IdroMeteoClima Arpae Emilia-Romagna.

Continua a leggere METEO E CLIMA – Tempo meteo e clima non sono sinonimi

“Sito Web dell’Anno 2016”, il sito più popolare è meteo.fvg.it di Arpa Friuli Venezia Giulia

Il sito tematico di Arpa FVG www.meteo.fvg.it è risultato il sito più popolare nella categoria Meteo & Traffico del concorso Sito Web dell’Anno 2016. Continua a leggere >

ECOSCIENZA – Dissesto idrogeologico, dall’emergenza alla prevenzione

er_ecosceinza_dissesto

La rivista Ecoscienza di Arpae ha trattato il tema del dissesto idrogeologico con un numero monografico pubblicato nel 2015 e ancora di grande attualità.
La fragilità del territorio italiano, il livello raggiunto nel consumo di suolo e il rischio idrogeologico costituiscono un insieme di criticità che determina una strutturale debolezza economica e una costante fonte di tensione sociale. Continua a leggere ECOSCIENZA – Dissesto idrogeologico, dall’emergenza alla prevenzione

EVENTO – Convegno a 50 anni dalla seconda alluvione di Latisana: meteo, clima e cambiamenti climatici

alluvione-latisana

Anche Arpa FVG ha preso parte, venerdì 14 ottobre a Latisana (UD), al convegno dal titolo  “4 novembre 1966, La seconda alluvione di Latisana – a 50 anni dal catastrofico evento meteorologico i rischi presenti e futuri associabili al riscaldamento climatico su scala globale e locale“.

Continua a leggere EVENTO – Convegno a 50 anni dalla seconda alluvione di Latisana: meteo, clima e cambiamenti climatici

L’Osservatorio meteorologico regionale di Arpa FVG: evoluzione dei servizi e della comunicazione in ambito meteo-climatico

osmer

In Friuli Venezia Giulia, Arpa FVG dispone di una struttura che ha il compito di osservare, comprendere e prevedere i fenomeni meteoclimatici sul territorio e di diffondere le informazioni che ne derivano: si tratta dell’OSMER, l’ Osservatorio Meteorologico Regionale.

In più di un quarto di secolo, i servizi erogati dall’Osservatorio e le relative attività di comunicazione si sono ampliati ed evoluti, accompagnando gli sviluppi tecnico-scientifici del settore e acquisendo un approccio via via più sistemico e integrato proprio grazie all’essere parte di un’Agenzia che ha nel suo DNA la comprensione e la comunicazione della complessità ambientale che ci circonda.

In questo articolo viene ripercorsa la storia che va dalle prime previsioni disegnate a mano alle attuali applicazioni web e social, e non solo. Vai all’articolo>

Monitoraggio e previsioni meteo in Arpa Puglia

arpa-puglia-meteo

Le attività dell’Agenzia pugliese nel campo della meteorologia sono affidate al Servizio Agenti Fisici della Direzione Scientifica nell’ambito del monitoraggio e della previsione.

Tra le attività vi è la gestione di una rete osservativa costituita da cinque stazioni ubicate presso le sedi dei Dipartimenti provinciali nelle città di Bari, Foggia, Brindisi, Taranto e Lecce, i cui dati vengono validati e pubblicati mensilmente sul sito dell’Agenzia. Presso la centralina meteo di Bari è integrato un sensore per la misura della radiazione UV (radiometro Kipp&Zonen UV-S-AE-T).

Dal 2015 è operativo il modello matematico di previsione meteorologica ad area limitata WRF (Weather Research and Forecasting model). Il modello meteorologico è installato e operativo presso le infrastrutture di calcolo del Data Center ReCaS dell’Istituto Nazionale di Fisica Nucleare – Sezione di Bari. Attualmente sono operative due catene giornaliere, una con condizioni iniziali ed al contorno (GFS – Global Forecasting System) delle ore 00:00 UTC e l’altra delle ore 12:00 UTC.

Il modello costituisce input ai modelli di previsione della qualità dell’aria e viene utilizzato per la previsione dei “Wind Days” a Taranto (giornate caratterizzate da venti maggiori di 7 m/s per almeno tre ore consecutive provenienti dal quadrante di Nord-Ovest come da “Piano contenente le prime misure di intervento per il risanamento della qualità dell’aria nel quartiere Tamburi (Ta) per gli inquinanti PM10 e benzo(a)pirene ai sensi del D.lgs.155/2010 art. 9 comma 1 e comma 2” (DGR n. 1474 del 17/07/2012 e n. 1944 del 2/10/2012). Per dettagli sul Piano di risanamento e sulle procedure si rimanda al sito istituzionale al link . Per la gestione dei “Wind Days” ARPA Puglia ha inoltre accesso ai dati previsionali del modello COSMO forniti dal Servizio Idro-Meteo-Clima di ARPA Emilia Romagna, secondo quanto stabilito da specifico protocollo di intesa tra le due Agenzie.

Per la consultazione dei dati osservativi e per informazioni più dettagliate sulle attività si può consultare il sito istituzionale.

Il tempo di risposta dei bacini idrografici: un aspetto critico per le previsioni meteo


Il tempo di risposta dei bacini idrografici: è questo, fra molti altri, uno degli aspetti tenuti in grande considerazione dal Centro funzionale meteo idrologico (Cfmi) di Protezione civile della Regione Liguria gestito da Arpal. Ossia il tempo che passa da quando una goccia d’acqua cade su un bacino a quando la stessa goccia d’acqua arriva in un punto prefissato, come ad esempio la foce.

Continua a leggere Il tempo di risposta dei bacini idrografici: un aspetto critico per le previsioni meteo

Questionario sul meteo della Toscana

box_questionario-2016_news

Sarà in linea per alcune settimane un questionario che ha l’obiettivo di monitorare il livello di soddisfazione del pubblico rispetto alle previsioni meteorologiche e al modo in cui sono veicolate da parte del Lamma. Continua a leggere Questionario sul meteo della Toscana

Dal 2004 in Arpa Lombardia il Servizio meteo regionale

arpalom

Il Servizio meteo regionale della Lombardia (Smr) è operativo in Arpa Lombardia dal 2004, come naturale evoluzione dello storico Servizio agrometeorologico regionale nato negli anni ’80. È un servizio pubblico che serve un bacino di utenza di 10 milioni di abitanti.

Continua a leggere Dal 2004 in Arpa Lombardia il Servizio meteo regionale