Sardegna, campagne di monitoraggio del PM10 e del benzene

L’Arpa Sardegna ha recentemente condotto, con proprio laboratorio mobile, due campagne di monitoraggio specifiche per approfondire la criticità dei PM10 registrata nel territorio comunale di San Gavino Monreale e la criticità del benzene registrata nella darsena del porto industriale di Porto Torres.

Continua a leggere Sardegna, campagne di monitoraggio del PM10 e del benzene

Le polveri sahariane nel PM10, uno studio di Arpa Puglia

La direttiva sulla qualità dell’aria 2008/50/CE permette agli Stati membri di sottrarre il contributo delle fonti naturali dai livelli di PM10, prima di confrontare questi ultimi ai limiti di legge. Le fonti naturali prese in considerazione sono: il trasporto di particolato da regioni aride, lo spray marino, le eruzioni vulcaniche e attività sismiche, gli incendi naturali.

Continua a leggere Le polveri sahariane nel PM10, uno studio di Arpa Puglia

Piemonte: dati PM10 in miglioramento nel 2016, da oggi per alcune stazioni dati validati tutti i giorni

Da una prima valutazione dei livelli misurati del PM10 nell’anno appena trascorso si rileva un diffuso miglioramento rispetto al 2015 in quasi tutte le stazioni della rete del Piemonte. Da oggi, e fino alla fine di marzo, i dati del PM10 delle stazioni usate per il protocollo operativo antismog saranno validati tutti i giorni, compresi quelli festivi, e pubblicati sul sito internet di Arpa Piemonte. Leggi il resto

Verso un bollettino nazionale della qualità dell’aria e uso dell’informazione satellitare

In Italia a partire dai primi  anni 90 del secolo scorso si è consolidato il disaccoppiamento tra i consumi energetici (principale driver dell’inquinamento atmosferico) e le emissioni inquinanti in aria, con conseguenti rilevanti riduzioni di queste ultime. Al crescere dei consumi di energia, cioè, non sono aumentate proporzionalmente le emissioni. Ciononostante si verificano tuttora alte concentrazioni di inquinanti atmosferici e il problema è particolarmente sentito soprattutto nei mesi freddi, quando maggiormente si evidenziano le criticità. Continua a leggere Verso un bollettino nazionale della qualità dell’aria e uso dell’informazione satellitare

Bene l’aria nel 2016 in Valle d’Aosta, in peggioramento il PM10 per questo inizio anno

I dati del 2016 sono stati confortanti. Si è infatti confermata la tendenza alla diminuzione della concentrazione di PM10: nella stazione di fondo urbano di Aosta i valori della media annuale sono passati dai 33µg/m3 del 2006 a 18µg/m3 nel 2016. Il 2017 invece non parte benissimo: nel solo mese di gennaio 2017 si sono avuti più giorni di superamento del limite per il PM10 rispetto a quelli registrati in tutto il 2016.

Continua a leggere Bene l’aria nel 2016 in Valle d’Aosta, in peggioramento il PM10 per questo inizio anno

Rapporto EU sulla misurazione delle polveri sottili: laboratorio Ispra migliore d’Europa

Lo scorso mese di novembre la Commissione Europea ha pubblicato i risultati del confronto interlaboratorio europeo sulle misure di PM10 e PM2,5 organizzato in ottemperanza alle prescrizioni della Direttiva 2008/50/CE sulla qualità dell’aria (Report EUR 28107 EN).

Continua a leggere Rapporto EU sulla misurazione delle polveri sottili: laboratorio Ispra migliore d’Europa

PM10: valore limite giornaliero per più di 35 giorni superato in 18 stazioni del Piemonte

Anche in Piemonte i livelli di inquinamento atmosferico sono critici. Il valore limite giornaliero per la protezione della salute umana del particolato PM10 è stato superato in 18 stazioni, circa il 35%. Le stazioni interessate sono in particolare quelle collocate nell’agglomerato torinese, le stazioni dei capoluoghi di provincia della zona centrale della regione e le stazioni di traffico. I capoluoghi di provincia con un numero di superamenti inferiore al valore limite sono Biella, Cuneo e Verbania. Leggi il resto

Annuario 2016 – Inquinamento atmosferico a livello di guardia per particolato, ozono e biossido di azoto

inquinamento-atmosferico

Significativi segnali di miglioramento si registrano per la qualità dell’aria in Europa e in Italia, anche se risultano ancora insufficienti e la situazione permane critica per il particolato atmosferico, il biossido di azoto e l’ozono troposferico, che continuano a far registrare livelli elevati oltre gli standard normativi in aree molto vaste.

Continua a leggere Annuario 2016 – Inquinamento atmosferico a livello di guardia per particolato, ozono e biossido di azoto