Le polveri sahariane nel PM10, uno studio di Arpa Puglia

La direttiva sulla qualità dell’aria 2008/50/CE permette agli Stati membri di sottrarre il contributo delle fonti naturali dai livelli di PM10, prima di confrontare questi ultimi ai limiti di legge. Le fonti naturali prese in considerazione sono: il trasporto di particolato da regioni aride, lo spray marino, le eruzioni vulcaniche e attività sismiche, gli incendi naturali.

Continua a leggere Le polveri sahariane nel PM10, uno studio di Arpa Puglia

MICRON – Il cervello inquinato


Alcuni recenti studi, come racconta la rivista Science, sembrano corroborare l’ipotesi che le polveri fini possono attaccare il cervello. E più piccole sono le particelle inalate, maggiore è il rischio di un invecchiamento cognitivo veloce, dell’Alzheimer e di altri tipi di demenza. Vai all’articolo >

Rapporto EU sulla misurazione delle polveri sottili: laboratorio Ispra migliore d’Europa

Lo scorso mese di novembre la Commissione Europea ha pubblicato i risultati del confronto interlaboratorio europeo sulle misure di PM10 e PM2,5 organizzato in ottemperanza alle prescrizioni della Direttiva 2008/50/CE sulla qualità dell’aria (Report EUR 28107 EN).

Continua a leggere Rapporto EU sulla misurazione delle polveri sottili: laboratorio Ispra migliore d’Europa

EVENTO – Giornata di studio sulla caratterizzazione del particolato atmosferico e delle sorgenti

giornata-studio-particolato-png_1944328968

Giovedì 6 ottobre si è svolta, presso la sede Arpa FVG di Palmanova, la Giornata di Studio sulla caratterizzazione chimica del particolato atmosferico (PM) e delle sorgenti, evento formativo interno organizzato dalla SOC Laboratorio/SOS AMCQA, in collaborazione con le SOC Stato dell’Ambiente e Pressioni sull’Ambiente e con APPA Trento (Settore Laboratorio). Leggi il resto >

Polveri atmosferiche. Arpa Veneto pubblica la terza edizione dell’opuscolo informativo

foto-polveri-ambienteinforma

La pubblicazione “A proposito di… Polveri atmosferiche”  fornisce informazioni sulle principali fonti di emissione, effetti sulla salute umana e azioni intraprese per limitare i livelli di concentrazione delle polveri nell’aria. In un’ottica di prevenzione e contenimento del problema, divengono fondamentali i comportamenti adottati dai singoli cittadini in tema di mezzi di trasporto e riduzione dei consumi energetici. Scarica la pubblicazione