Online il nuovo portale dedicato al Piano di tutela della qualità dell’aria del Trentino

Conoscere la qualità dell’aria in Trentino, quali sono le concentrazioni in atmosfera dei principali inquinanti, quali strategie e misure vengono adottate dalla Provincia autonoma per ridurre queste criticità, ora è più semplice.

Collegandosi al nuovo portale, pianoaria.provincia.tn.it , è possibile approfondire molti di questi aspetti attraverso un’interfaccia moderna ed accessibile non solo agli esperti e agli addetti ai lavori, ma rivolta a tutti coloro che vogliono approcciarsi ad una tematica quale è la tutela della qualità dell’aria, strettamente correlata alle problematiche ambientali e sanitarie.  Continua >

Polveri sottili, valori analoghi in campagna e in città

Esaminando i dati relativi alla qualità dell’aria misurati in Emilia-Romagna nel 2017, emergono risultati interessanti e a volte inaspettati. E’ accaduto che le concentrazioni di alcuni inquinanti rilevate in città, o in prossimità di zone ad alto traffico stradale, risultino uguali o addirittura minori di quelle rilevate in campagna. Come è possibile? Continua >

 

Ambiente urbano, qualità dell’aria nelle città

Pm10 oltre la norma in molte città italiane, al 10 dicembre 2017 il valore limite giornaliero è stato oltrepassato in 34 aree urbane. I dati del Rapporto qualità dell’ambiente urbano di Ispra edizione 2017. Continua a leggere Ambiente urbano, qualità dell’aria nelle città

Sorvino: «A Napoli inquinanti atmosferici da molteplici fonti»

Il commissario dell’Arpa Campania Stefano Sorvino è intervenuto alla presentazione del 13esimo “Rapporto sulla qualità dell’ambiente urbano”«Molti i fattori che incidono sulla qualità dell’aria a Napoli», ha ricordato. Continua a leggere Sorvino: «A Napoli inquinanti atmosferici da molteplici fonti»

“Riscaldare con la legna… ma bene!”, nella campagna coinvolte anche le scuole altoatesine

“Pronti a far fuoco con Fritz!” e “Ho bisogno d’aria” sono le due iniziative pensate per le scuole, nell’ambito della campagna sulla corretta combustione domestica, promossa dall’Appa Bolzano. Video su youtube.

Continua a leggere “Riscaldare con la legna… ma bene!”, nella campagna coinvolte anche le scuole altoatesine

Crisi idrica in Piemonte: ottobre 2017 il più siccitoso degli ultimi 70 anni

Dopo le scarse precipitazioni estive, eccetto pochi episodi temporaleschi, la situazione di carenza idrica in Piemonte si è ulteriormente acuita nei primi due mesi autunnali. Nel mese di ottobre, statisticamente il più piovoso per la regione, sull’intero bacino idrografico del Po sono stati registrati appena 3 mm di precipitazione media risultando l’ottobre più secco dal 1950.

Continua a leggere Crisi idrica in Piemonte: ottobre 2017 il più siccitoso degli ultimi 70 anni

Incendi e smog attanagliano il Piemonte

Gli incendi che per giorni hanno investito le vallate alpine in Piemonte hanno causato notevoli danni alla flora e alla fauna e provocato un aumento delle concentrazioni degli inquinanti atmosferici, portando strascichi anche in Valle d’Aosta.

Continua a leggere Incendi e smog attanagliano il Piemonte

Qualità dell’aria in Europa: ancora importanti gli effetti sulla salute

Il recente rapporto di quest’anno dell’Agenzia europea per l’ambiente “Air quality in Europe” presenta una panoramica aggiornata dal 2000 al 2015 che evidenzia un quadro in lento miglioramento; tuttavia, le alte concentrazioni di inquinanti atmosferici continuano ad avere importanti ripercussioni sulla salute degli europei. Vai all’articolo >

PM10 e qualità dell’aria, la situazione in Veneto

I superamenti delle polveri sottili PM10 da inizio anno. L’analisi delle concentrazioni di PM10 nei capoluoghi di provincia (tabella 1) mostra come, già al 17 ottobre 2017, il valore limite giornaliero sia stato superato per più di 35 giorni in tutti i capoluoghi del Veneto ad eccezione di Belluno.

Continua a leggere PM10 e qualità dell’aria, la situazione in Veneto

In Piemonte superato in circa il 40% delle stazioni il valore del PM10

In Piemonte al 17 ottobre, il valore limite giornaliero per la protezione della salute umana del PM10 è stato superato, per il 2017, in circa il 40% delle stazioni presenti nella rete regionale. Continua