Ispra e le Agenzie ambientali a Ecomondo 2016

ecomondo2016_300x

Ecomondo 2016 si apre tra pochi giorni a Rimini Fiera (8- 11 novembre). Dall’8 al 9 novembre si svolge a Ecomondo anche la quinta edizione degli Stati generali della green economy. Diverse le iniziative (congressi, seminari, tavoli tecnici) a cui partecipa il Sistema delle Agenzie ambientali  (Ispra/Arpa/Appa).
Continua a leggere Ispra e le Agenzie ambientali a Ecomondo 2016

Microplastiche in mare: una forma di inquinamento poco conosciuta

campione_microplast_300x200

A fine settembre i tecnici dell’Unità operativa Mare dell’Arpa Campania hanno prelevato campioni di microplastiche nel Golfo di Napoli. Il campionamento delle microplastiche viene effettuato con una rete tipo “manta” costruita appositamente per navigare in superficie e campionare quindi entro lo strato della colonna d’acqua interessato dal rimescolamento causato dal moto ondoso. Queste attività rientrano tra quelle previste per l’attuazione della direttiva europea Marine StrategyLeggi il resto

 

VIDEO – Microplastiche in mare, il controllo in Emilia-Romagna

ER_microplastiche_300

Il tema delle microplastiche in mare e della presenza crescente in mare e sulla costa di materiali e rifiuti prodotti dall’uomo, rientra tra le attività di monitoraggio effettuate di Arpae Emilia-Romagna.
Questo tema è affrontato in collaborazione con partner italiani e transfrontalieri nell’ambito del progetto DeFishGear, attualmente in fase di conclusione, finanziato dalla Comunità europea sul programma di cooperazione transfrontaliera IPA Adriatico (altre info qui)
Il documentario Microplastiche nei mari e nei mitili. Campionamento e analisi, realizzato nell’ambito del progetto, racconta l’attività di Arpae Daphne sul tema dei rifiuti marini. Vai al video

Rifiuti spiaggiati, una prima valutazione lungo le coste pugliesi

rifiuti spiaggiati_arpa puglia2

Nonostante sia emersa alquanto recentemente, alcuni studi mostrano che la problematica dei rifiuti marini trasportati dal mare lungo le coste ha importanti effetti negativi sull’ambiente e ricadute sul piano economico e sociale.  Grazie all’applicazione in Italia della Strategia marina, Arpa Puglia ha presentato un primo studio sulla  distribuzione quantitativa dei rifiuti spiaggiati raccolti in 10 aree costiere della regione, 6 sull’Adriatico e 4 sullo Ionio. I dati mostrano risultati interessanti: sembra emergere che la distribuzione dei rifiuti non sia determinata solo da fattori locali, ma le cause  debbano essere ricercate ad un livello più ampio di quello regionale utilizzando un approccio integrato. Leggi il documento completo.

Rifiuti radioattivi: Agenzie ambientali, un supporto indispensabile

ER_ES_rifiuti_radioattivi_300

“Lo scenario nazionale sulla gestione dei rifiuti radioattivi è in forte evoluzione, con molteplici ritardi. E’ indispensabile che il Sistema delle Agenzie ambientali sappia mettere in campo il proprio patrimonio di alta specializzazione.” L’articolo di Luca Marchesi, presidente di AssoArpa, su Ecoscienza 3/2016.  Continua a leggere Rifiuti radioattivi: Agenzie ambientali, un supporto indispensabile

Pubblicato il rapporto sui rifiuti speciali in Veneto. Edizione 2016

rapporto rifiuti speciali

Il rapporto aggiorna i dati relativi alla produzione dei rifiuti speciali, alla loro gestione e ai flussi import-export, con i valori raccolti per l’anno 2014. Rispetto al 2013 la produzione registra una leggera flessione (1%), attestandosi al di sotto dei 14 milioni di tonnellate. Link al rapporto >

Presentato a Roma il “Rapporto rifiuti speciali 2016”

leadImage

Per quantità sono oltre quattro volte superiori a quelli urbani e una parte di essi è costituita da rifiuti pericolosi. I dati relativi ai cosiddetti “rifiuti speciali” – tutti quelli non urbani, prodotti da industrie e aziende – sono stati diffusi dall’Ispra nel rapporto annuale: nel 2014 sono stati prodotti circa 130,6 milioni di tonnellate di “speciali” a fronte di 30 milioni di tonnellate di rifiuti urbani. Si registra un consistente aumento nella produzione totale: + 5% tra 2013 e 2014 (oltre 6,1 milioni di tonnellate). La crescita è imputabile prevalentemente ai rifiuti speciali non pericolosi da operazioni di costruzione e demolizione e da quelli derivanti dal trattamento dei rifiuti e delle acque reflue. I rifiuti speciali pericolosi, invece, si mantengono sostanzialmente stabili (+0,3%). (+0,3%). Sono soprattutto le attività economiche legate alle costruzioni e demolizioni a produrre rifiuti speciali (39,7%). Italia si conferma tra le prime in UE per riciclo degli speciali (oltre 75%). Per quantità sono maggiori i rifiuti speciali importati (6,2 milioni di tonnellate) di quelli esportati (3,2 milioni di tonnellate): sono soprattutto materiali ferrosi che vengono trattati dalle industrie del Nord. Leggi il resto >

 

 

 

I rifiuti speciali in FVG nel 2014

RS 14

Qual è l’andamento della produzione dei rifiuti speciali in Friuli Venezia Giulia? Che tipi di rifiuti speciali sono stati prodotti maggiormente in regione durante il 2014? Arpa FVG risponde a queste domande facendo il punto sullo stato di produzione dei rifiuti speciali, ovvero quei rifiuti che, a differenza degli urbani di origine domestica, derivano da attività produttive di industrie e aziende. Leggi il resto >

Revet: l’economia circolare da trent’anni abita in Toscana

revet

Revet ha fatto dell’economia circolare un elemento portante della sua attività, nonostante i dati sulla raccolta differenziata in Toscana non sia tra le prime in Italia. Da un trentennio ormai, questa realtà produttiva fa economia circolare nel territorio, raccogliendo, selezionando e avviando al riciclo cinque materiali (plastiche, alluminio, acciaio, vetro, cartoni poliaccoppiati per alimenti, come il Tetrapak) derivanti dalle raccolte differenziate toscane e dalle attività industriali e manifatturiere. Revet recycling, invece, ottiene dalle plastiche un granulo con caratteristiche tecniche simili ai polimeri vergini, ma costo più basso. Il granulo, per le sue caratteristiche, può essere trasformato in nuovi prodotti utilizzati dall’industria dei moto-veicoli, o in materiali per la casa e molto altro. Leggi il resto >