EVENTI – Convegno nazionale “Ambiente e salute” a Bologna, 7 e 8 novembre

Nell’ambito del progetto “EpiAmbNet: rete italiana di epidemiologia ambientale” si svolge un incontro nazionale per lo scambio di esperienze e di buone pratiche. Parteciperanno gli istituti centrali (Iss, Ispra) e le strutture regionali di epidemiologia, dei dipartimenti di prevenzione delle Asl e delle Agenzie regionali per l’ambiente. Posticipata al 9 ottobre la dead line per gli abstract. Continua > 

Air Exposure Assessment: tutti i dati della regione Marche

La Regione Marche ha prodotto un report che stima l’esposizione ad alcuni contaminanti atmosferici (PM2,5 e NO2) delle popolazioni residenti nelle aree interessate da pressioni ambientali, e quindi consente una più accurata valutazione delle esposizioni della popolazione residente nella stesura delle relazioni che compongono l’istruttoria dei procedimenti autorizzatori ambientali.

Continua a leggere Air Exposure Assessment: tutti i dati della regione Marche

La valutazione dello stato di salute della popolazione residente a Falconara Marittima (AN)

L’avvio del procedimento di riesame dell’autorizzazione integrata ambientale (AIA) della Raffineria API di Falconara Marittima ha fornito l’occasione per la sottoscrizione di un protocollo operativo tra enti/organismi amministrativi e tecnici all’interno del quale è stato convenuto il rilascio di un report di carattere epidemiologico ambientale aggiornato sulla base dei dati sanitari attualmente disponibili.

Continua a leggere La valutazione dello stato di salute della popolazione residente a Falconara Marittima (AN)

Ecoreati e rischi sanitari, due nuovi accordi Procura-Arpac nel Casertano

La collaborazione tra l’Arpa Campania e l’Autorità giudiziaria si intensifica in provincia di Caserta, a seguito della recente stipula di due protocolli d’intesa con la Procura di Santa Maria Capua Vetere e una serie di enti e associazioni. Continua a leggere Ecoreati e rischi sanitari, due nuovi accordi Procura-Arpac nel Casertano

Inquinamento dell’aria e nascite premature

Frenare l’inquinamento dell’aria potrebbe aiutare a prevenire 2,7 milioni di nascite premature l’anno, una condizione che minaccia la vita dei bambini e aumenta il rischio di problemi fisici e neurologici a lungo termine. Il record negativo appartiene all’Asia. L’India, da sola, ha fatto registrare un milione di nascite premature collegate al PM2,5.
Leggi l’articolo su micron

L´esposizione come fattore di rischio cardiovascolare

Importanti passi avanti per limitare gli inquinamenti atmosferici hanno prodotto in Europa un miglioramento della qualità dell’aria, ma l’inquinamento permane un forte fattore di rischio per la salute, specie per l’apparato respiratorio, con effetti diversi a seconda delle sostanze inquinanti.

Continua a leggere L´esposizione come fattore di rischio cardiovascolare

Inquinanti atmosferici e patologie oncologiche

Ricerche statunitensi ed europee hanno dimostrato la potenzialità oncologica degli inquinanti atmosferici. Per determinare il rischio cancerogeno occorrono monitoraggi e studi in vitro. Di grande interesse sono i dati epidemiologici e sperimentali prodotti dal progetto Supersito in Emilia-Romagna.

Continua a leggere Inquinanti atmosferici e patologie oncologiche

Gli studi nell’area metropolitana di Bologna

Gli studi condotti nella realtà metropolitana bolognese sono stati finalizzati ad approfondire le evidenze su interazioni fra inquinamento atmosferico e salute umana. Tra i fattoti indagati la mortalità, il numero dei ricoveri, gli anni di vita persi, in una visione d’impatto a breve e a medio termine.

Continua a leggere Gli studi nell’area metropolitana di Bologna

Incidenza sulla mortalità o anticipo dell’evento?

Gli studi sull’inquinamento atmosferico evidenziano che l’impatto sulla salute non riguarda solo persone con condizioni compromesse. Prevalgono gli effetti a medio e lungo termine a causa dell’accumulo nel tempo. La ricerca epidemiologica può contribuire a indirizzare le politiche di intervento e valutarne l’efficacia.

Continua a leggere Incidenza sulla mortalità o anticipo dell’evento?

Aria e salute, strategie europee e scenari attuativi in Italia

Il Parlamento europeo ha stabilito impegni di riduzione delle emissioni per gli stati membri. In Italia permane il rischio di infrazione, mentre il Sistema nazionale di protezione dell’ambiente (Snpa) svolge un importante ruolo, a supporto del Ministero, per la definizione di azioni coordinate di risanamento.

Continua a leggere Aria e salute, strategie europee e scenari attuativi in Italia