Arpa Sicilia presenta i risultati del monitoraggio 2017 sulla qualità delle acque destinate alla vita dei molluschi, dati non positivi

Il monitoraggio previsto dal D.Lgs.152/06 realizzato da Arpa Sicilia per valutare la qualità delle acque destinate alla vita dei molluschi 2017 mostra dati non positivi. Il monitoraggio prevede il campionamento di acqua e molluschi bivalve naturalmente presenti nelle postazioni di rilevamento e successiva analisi batteriologica e chimica dei campioni prelevati.

Attualmente la rete di monitoraggio per la qualità delle acque destinate alla vita dei molluschi della Sicilia é composta da 5 stazioni. Il monitoraggio 2017 è riferito a 4 stazioni distribuite sul territorio regionale come indicato nella figura 1.

Arpa Sicilia ha già proposto alcune modifiche per individuare altre stazioni che sostituiscano alcune il cui ambiente ha subito modifiche per lavori dell’area portuale di Gela (CL) e che non sono pertanto idonee a valutare lo stato di qualità ambientale secondo le indicazioni della normativa vigente.

Sulla base dei limiti previsti dalla norma (art.88 D.Lgs.152/06) è stata valutata la conformità delle acque destinate alla vita dei molluschi per il 2017: nessuna delle quattro stazioni è risultata conforme alla normativa vigente. Le stazioni “Ganzirri”; “Golfo di Gela 1”,“Golfo di Gela 4” e “Golfo di Gela 5” sono risultate non conformi alla normativa vigente poiché presentano un’elevata concentrazione in acqua, oltre i limiti stabiliti dalla tabella 1/C dell’All. 2 del D.Lgs. n.152/06 e s.m.i., di: salinità, materiale in sospensione e coliformi fecali.

Il dato non positivo riscontrato nel 2017, rispetto agli anni precedenti (2011-2016) deve essere letto in alcuni casi come un peggioramento, come indicato nella grafico che riassume l’andamento 2011-2017.

Alla luce dei dati emersi e dell’andamento 2011-2017, risulta urgente che regione ed enti locali avviano specifiche azioni che consentano di ripristinare, ove perso, lo stato di qualità precedente e negli altri casi di perseguire un miglioramento per raggiungere lo stato di qualità previsto dalla normativa.

Per ulteriori approfondimenti si rimanda alla Relazione completa alle sezioni del sito di ARPA Sicilia:

A cura di: Anna Maria Abita, Domenico Giovanni Galvano – ST2.1 Monitoraggi ambientali – Unità operativa Ambiente idrico

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.