Il progetto di mappatura in Piemonte

Arpa Piemonte conduce dal 2013 il progetto di mappatura delle coperture in cemento-amianto su un’area di quasi 10.000 km2, che coinvolge oltre 600 comuni e circa il 75% della popolazione. il telerilevamento, la verifica sul campo e l’uso dei droni possono dare risultati affidabili anche sullo stato delle coperture. 

Continua a leggere Il progetto di mappatura in Piemonte

La gestione del rischio amianto in Emilia-Romagna

La normativa italiana presenta alcuni limiti di applicabilità nei casi reali. Il primo Piano amianto della Regione Emilia-Romagna ha permesso di dare risposte concrete al tema della gestione dei materiali contenenti amianto. Il secondo piano, appena approvato, è un ulteriore passo avanti. Il Centro di riferimento regionale per l’analisi dell’amianto è in Arpae Emilia-Romagna, a Reggio Emilia.

Continua a leggere La gestione del rischio amianto in Emilia-Romagna

Il monitoraggio ambientale nel sito ex Fibronit di Bari

Ad Arpa Puglia è affidato il monitoraggio ambientale dell’amianto, nell’ambito della messa in sicurezza permanente del sito di interesse nazionale ex Fibronit. L’attività industriale, durata dal 1935 al 1985, ha lasciato in eredità diversi materiali contaminati. Dal 2005 sono in corso le operazioni di messa in sicurezza.

Continua a leggere Il monitoraggio ambientale nel sito ex Fibronit di Bari

Amianto eterno problema, il servizio in Ecoscienza 1/2018

L’amianto in Italia è al bando dal 1992, ma sono ancora evidenti gli effetti ambientali e sanitari conseguenti alla sua presenza su tutto il territorio nazionale. Molte le esperienze in merito alla pianificazione, alle tecniche di mappatura, alla gestione della bonifica, allo smaltimento e all’analisi dei materiali naturali o manufatti contenenti amianto, attività realizzate anche direttamente dalle Agenzie ambientali o con il loro supporto. Alcuni contributi tratti dalla rivista Ecoscienza. 

Continua a leggere Amianto eterno problema, il servizio in Ecoscienza 1/2018

Bonifica amianto e risanamento, c’è ancora molto da fare

Gli effetti della presenza dell’amianto sul territorio italiano richiedono ancora interventi urgenti. E’ mancata la copertura economica del piano nazionale, tuttavia sono diverse le misure di finanziamento specifiche attuate. La nascita del tavolo di coordinamento interistituzionale ha segnato un punto di svolta.

Continua a leggere Bonifica amianto e risanamento, c’è ancora molto da fare

Scavi nel SIN di Biancavilla, l’attività di Arpa Sicilia

La realizzazione di infrastrutture in contesti di particolare criticità ambientale richiede molta attenzione e un monitoraggio costante. L’esperienza di Arpa Sicilia nell’ambito del progetto “Banda ultra larga (Bul) e sviluppo digitale in Sicilia” nel SIN di biancavilla (Catania), caratterizzato dalla presenza di fibre di fluoro-edenite. 

Continua a leggere Scavi nel SIN di Biancavilla, l’attività di Arpa Sicilia

Attuare il Piano nazionale amianto è una priorità

Accelerare la bonifica e la messa in sicurezza di luoghi sensibili come scuole e ospedali, realizzare nuovi siti di smaltimento, promuovere la ricerca di metodi di inertizzazione, investire nella mappatura dei siti, rinnovare la commissione nazionale amianto: sono queste le principali priorità di intervento.

Continua a leggere Attuare il Piano nazionale amianto è una priorità

Dove va la meteorologia italiana, online Ecoscienza 1/2018

Da ItaliaMeteo al Centro meteo europeo, il futuro dei servizi meteo e clima in Italia, amianto eterno problema, tossicologia e dose soglia, educazione alla sostenibilità e comunicazione, riscaldamento a biomasse e certificazione sono gli argomenti trattati nel nuovo numero della rivista di Arpae. Continua >

 

Quali sono gli impatti sulla qualità dell’aria della combustione a legna e pellet?

Da ottobre 2018 in Emilia-Romagna sono in vigore nuove regole per l’uso di legna e biomassa legnosa nel riscaldamento domestico. Un’infografica di Arpae illustra gli impatti della combustione di legna e pellet sulla qualità dell’aria. Continua >

 

EVENTI – Qualità dell’aria urbana: pianificazione e coinvolgimento dei cittadini

Venerdì 11 maggio 2018 a Bologna si svolge l’incontro “Qualità dell’aria urbana: pianificazione e coinvolgimento dei cittadini”, dedicato ai sistemi di controllo passivo dell’inquinamento urbano e di monitoraggio partecipato; saranno presentati i risultati di due campagne di misura nel bolognese. Organizzazione a cura di Arpae con Università di Bologna, nell’ambito del progetto europeo iSCAPE. Continua > 

 

La gestione dei rifiuti in Emilia-Romagna, il nuovo report

E’ disponibile il rapporto “La gestione dei rifiuti in Emilia-Romagna”, con i dati di produzione e gestione dei rifiuti urbani (dati 2016) e speciali (dati 2015). In leggero aumento la produzione dei rifiuti urbani  (+1,1% rispetto al 2015), continua il trend positivo della raccolta differenziata. Lieve calo nella produzione dei rifiuti speciali (-5%); la forma di gestione prevalente si conferma il recupero di materia. Continua > 

“Le tue scarpe al centro”, Arpae premiata per il progetto educativo di economia circolare

L’edizione italiana 2017 della Settimana europea per la riduzione dei rifiuti si è conclusa a Catania il 13 aprile con la cerimonia di premiazione delle migliori azioni realizzate sul territorio nazionale. Ad Arpae Emilia-Romagna, tra i primi tre finalisti, va la menzione per il progetto di economia circolare “Le tue scarpe al centro” realizzato con i Centri di educazione alla sostenibilità regionali. Continua >

Sabbia dal Sahara, gli effetti sulla qualità dell’aria

Da venerdì 13 aprile il Mediterraneo centrale è stato interessato da un esteso trasporto di polveri dal deserto del Sahara, che ha raggiunto anche le Alpi e i Balcani. Il fenomeno, che ha effetti sulla qualità dell’aria, è determinato dal persistere di venti da sud in quota ed è accentuato dalla presenza di una depressione sull’Algeria. Continua >

 

Educazione e comunicazione, un’unica sfida

Oggi la comunicazione di un’organizzazione quale un’agenzia ambientale deve essere una comunicazione integrata e strategica, che si lega alla nuova educazione alla sostenibilità. L’obiettivo è creare percorsi che includano, coinvolgano e responsabilizzino tutte le cittadine e tutti cittadini, anche per smascherare le fake news.

Continua a leggere Educazione e comunicazione, un’unica sfida

Macroinvetrebrati bentonici negli ecosistemi fluviali, verso un processo di qualifica del personale

La progettazione di circuiti inter laboratorio è un tassello importante di un percorso che mira alla qualifica del personale che si occupa di monitoraggio ambientale biologico. Nell’articolo il percorso iniziato a partire da 2012, organizzato in collaborazione tra Cisba, Ispra e Arpae Emilia-Romagna, finalizzato alla valutazione delle prestazioni anche del personale nell’ambito del Snpa.

Continua a leggere Macroinvetrebrati bentonici negli ecosistemi fluviali, verso un processo di qualifica del personale