“Il dialogo e la condivisione per la tutela della salute e dell’ambiente”, convegno a Pisa

Il convegno “Il dialogo e la condivisione per la tutela della salute e dell’ambiente” previsto a Pisa per il 21 e 22 settembre affronterà la complessità dei fattori che legano l’ambiente alla salute umana e la molteplicità degli attori coinvolti per tendere ad un’azione unitaria, coordinata e sinergica.

Continua a leggere “Il dialogo e la condivisione per la tutela della salute e dell’ambiente”, convegno a Pisa

Cibo, un’impronta diversa

Ogni nostra azione ha effetto sul Pianeta: da come scegliamo di spostarci, a cosa utilizziamo per riscaldare e rinfrescare le nostre case, a cosa mangiamo. E proprio riguardo al cibo molte persone stanno scegliendo regimi alimentari differenti per cercare di ridurre le emissioni di gas serra o il consumo di suolo. Leggi l’articolo su Micron

Arpa Sicilia presenta i risultati del monitoraggio 2017 sulla qualità delle acque destinate alla vita dei molluschi, dati non positivi

Il monitoraggio previsto dal D.Lgs.152/06 realizzato da Arpa Sicilia per valutare la qualità delle acque destinate alla vita dei molluschi 2017 mostra dati non positivi. Continua a leggere Arpa Sicilia presenta i risultati del monitoraggio 2017 sulla qualità delle acque destinate alla vita dei molluschi, dati non positivi

Snpa, disponibili gli interventi delle giornate di studio sulla caratterizzazione chimica del particolato atmosferico

In un book of abstracts i riassunti dei contributi portati dai relatori delle diverse Agenzie ambientali e Università italiane che hanno partecipato alle giornate di studio e aggiornamento dedicate alla
caratterizzazione chimica del particolato atmosferico e delle sorgenti, organizzate da ArpaT e ArpaFVG (Firenze, maggio 2018),  con il patrocinio di AssoArpa.

Continua a leggere Snpa, disponibili gli interventi delle giornate di studio sulla caratterizzazione chimica del particolato atmosferico

Micron – La storia di Roma nei ghiacci della Groenlandia

La società romana ha spesso anticipato in molti campi i caratteri delle moderne civiltà occidentali e il loro stile di vita, lasciando molti tipi di tracce, dalla letteratura all’ingegneria. Ora abbiamo la conferma che ciò è avvenuto anche per l’inquinamento dell’aria, dell’acqua e dei suoli. Questo, però, ci permette anche di comprendere meglio le fasi della sua storia. Vai all’articolo completo, rivista Micron >

Ecco perché le zanzare ci pungono

È il caso di dirlo: fastidioso come una zanzara. Conosciamo bene l’insistenza con cui questi piccoli insetti, attratti dal nostro odore, ci ronzano intorno nelle notti estive, tentando di pungerci per suggere un po’ di sangue. Ma i nostri sforzi per allontanarle potrebbero non essere del tutto vani.

Leggi l’articolo completo sulla rivista micron.

Arriva l’estate torna l’allarme ozono

Con l’arrivo dell’estate, ARPAT mette a disposizione del pubblico due nuovi strumenti informativi sul tema dell’ozono: una Scheda informativa e una brochure della collana “Chi fa cosa in Toscana”.
Leggi tutto l’articolo sul sito di ARPAT.

Ozono, sorvegliato speciale in estate

Se durante la stagione invernale in pianura padana è il particolato (PM10 e PM2.5) l’inquinante che più influisce sulla qualità dell’aria, con l’arrivo della stagione estiva sono invece le concentrazioni di ozono a preoccupare maggiormente. Continua a leggere Ozono, sorvegliato speciale in estate

Incendi di attività industriali in Toscana nel 2017

Gli incendi ed il conseguente rilascio di sostanze in atmosfera costituiscono una delle tipologie di emergenze ambientali che implicano l’attivazione di ARPAT.

Continua a leggere Incendi di attività industriali in Toscana nel 2017

La situazione in Toscana nel 2017

In Toscana, nel 2017, permangono alcune criticità per gli inquinanti Particolato PM10, Biossido di Azoto e Ozono.

Per quanto riguarda il PM10, il limite di 35 superamenti della media giornaliera di 50 µg/m3, come avvenuto nel 2016, è stato rispettato in tutte le stazioni con le due eccezioni delle stazioni di fondo PT-Montale, che ha registrato 36 superamenti, e LU-Capannori che ne ha registrati 55.

Il valore limite relativo all’indicatore della media annuale del biossido di azoto è stato superato in 3 stazioni di traffico urbano della Rete Regionale attive con serie valida: 2 collocate nel comune di Firenze (FI-Gramsci e FI-Mosse) e 1 nel comune di Siena (SI-Bracci).

Le elaborazioni dei dati rilevati dalle stazioni di rete regionale nel 2017 confermano la situazione critica per l’ozono: il valore obiettivo per la protezione della popolazione non è infatti stato rispettato nell’80% delle stazioni, mentre la soglia di informazione è stata superata in 4 stazioni, per un totale regionale di 9 ore. La situazione si è confermata critica in particolare per le zone interne toscane, ma i superamenti si sono verificati in tutte le zone della regione.

Leggi l’articolo completo sul sito di ARPAT.

Bonifiche, i siti di interesse nazionale in Toscana

Un quadro della situazione dei quattro siti di interesse nazionale da bonificare (SIN) presenti in Toscana, recentemente aggiornato, in occasione delle audizioni della Commissione bicamerale d’inchiesta sul ciclo dei rifiuti. Continua a leggere Bonifiche, i siti di interesse nazionale in Toscana

Il progetto europeo HyMoCARES sui fiumi alpini

Il Progetto HyMoCARES (HydroMorphological assessment and management at basin scale for the Conservation of Alpine Rivers and related Ecosystem Services) coinvolge 13 partner in 6 diversi Paesi europei con l’obiettivo di studiare, quantificare e tutelare i servizi che corsi d’acqua ben gestiti sono in grado di offrire. Continua >

Protezione dell’ambiente, audizione alla Commissione Ambiente della Camera

Ieri, 14 giugno, la Commissione Ambiente della Camera ha svolto l’audizione del direttore generale dell’Istituto superiore per la protezione e la ricerca ambientale (Ispra), Stefano Laporta, e di rappresentanti delle Agenzie regionali per la protezione dell’ambiente (AssoArpa) in merito allo stato di attuazione della legge 28 giugno 132/2016 di istituzione del Sistema nazionale a rete per la protezione dell’ambiente e disciplina dell’Ispra.

Il video dell’audizione.

“Siamo soddisfatti” – afferma Luca Marchesi – direttore generale di Arpa FVG e vicepresidente del Consiglio del Snpa, “abbiamo riscontrato l’impegno della Commissione a sostenere con impegno, insieme al Governo e alle Regioni, il processo di costruzione del Snpa; e la piena consapevolezza dei deputati su quali sono le difficoltà che il percorso sta mostrando. Il mandato parlamentare è molto chiaro e coerente con la legge e con la visione che ha sviluppato il Consiglio Snpa: costruire un sistema pubblico di controlli ambientali fortemente centrato sull’operatività e sulle funzioni essenziali primarie, come forte elemento di garanzia per uno sviluppo economico e industriale del Paese sempre più attento alla tutela dell’ambiente e dei suoi risvolti su qualità della vita e salute. Un sistema terzo, autorevole, forte e all’avanguardia, che impieghi la ricerca finalizzata come strumento per l’eccellenza delle sue prestazioni e capace di lavorare in rete al suo interno è con altri fondamentali servizi pubblici della Repubblica.
Apprezziamo in particolare la sensibilità dimostrata dai Commissari sul tema delle risorse economico finanziarie dedicate al Sistema e alla necessità di rimuovere alcuni incomprensibili vincoli di spesa oggi presenti nell’ordinamento, con l’auspicio di prossimi coerenti provvedimenti del Parlamento e del Governo.”

L’Ingv e la comunicazione in emergenza

Quando un evento sismico o vulcanico colpisce l’Italia, è l’Istituto nazionale di geofisica e vulcanologia (Ingv), Centro di competenza per il rischio sismico e vulcanico del Dipartimento della Protezione civile (DPC) in Italia, a dare il via a una catena di azioni che attivano in pochi minuti il meccanismo nazionale di Protezione civile che avvia, tra l’altro, i soccorsi alle popolazioni colpite.

Continua a leggere L’Ingv e la comunicazione in emergenza