Lo stato dell’arte dei procedimenti di bonifica nei siti di Gela e Priolo

priolo-sin

Annoverate con la legge 426/98, le aree industriali di Gela e Priolo sono tra i primi 15 Siti di interesse nazionale (SIN). Norme successive (Dm del 16/01/2000 e, nel caso di Priolo, anche Dm del 10.03.2006) ne hanno ulteriormente fissato i perimetri. Entrambi i siti, che comprendono sia aree a terra (795 ha per Gela e 5.815 ha per Priolo) che aree a mare (4.560 ha per Gela e 10.068 ha per Priolo) sono stati sede di una forte industrializzazione a partire dal 1949  a Priolo e dal 1963 in quello di Gela. Continua a leggere Lo stato dell’arte dei procedimenti di bonifica nei siti di Gela e Priolo

I dati sulla mobilità città per città: il Rapporto dell’Ispra

bike to work day 2015

All’interno del Rapporto sulla Qualità dell’ambiente urbano, realizzato da Ispra e dalle Agenzie, un capitolo è dedicato alla mobilità sostenibile nelle città. Gli ultimi dati disponibili, consultabili nella banca dati delle aree urbane, parlano di una lieve ripresa dell’utilizzo del trasporto pubblico locale nel 2014 rispetto al 2013: l’incremento si concentra nei grandi comuni e in particolare a Napoli, Torino, Venezia, Bologna e Palermo, anche se si rimane su livelli distanti dai valori del periodo 2008-2011 (circa 8% in meno).  Continua a leggere I dati sulla mobilità città per città: il Rapporto dell’Ispra

Sisma Italia centrale, Ispra per l’emergenza

foto per Amb Inf

Sotto il coordinamento della Protezione Civile nazionale, un team di tecnici dell’Istituto si è recato da subito sui luoghi colpiti dal terremoto e prosegue  le  verifiche delle situazioni di pericolo e dei rischi indotti dallo sciame sismico. Monitorare il rischio di frane, verificare faglie e fratture della terra, controllare la situazione idrogeologica dell’area colpita dal sisma – in particolare nei siti dove verranno costruiti i Map (Moduli abitativi provvisori) – sono tra le principali attività che Ispra sta portando avanti sin dalle prime ore del terremoto nel Centro Italia. Un racconto della prima settimana di lavoro dei tecnici Ispra nelle zone colpite dal sisma. Leggi tutto.

 

Sisma, il supporto Snpa all’emergenza

pescara del tronto

Sin dalle prime ore successive al terremoto, il Sistema nazionale di protezione dell’ambiente (Snpa), composto da Ispra e dalle 21 Agenzie regionali (Arpa) e provinciali (Appa) ambientali italiane, si è attivato per fare fronte alle emergenze ambientali indotte dal sisma. I diecimila esperti della rete nazionale Snpa si sono resi da subito disponibili per monitorare il rischio frane, verificare faglie e fratture della terra, controllare la situazione idrogeologica dell’area colpita dal sisma e operare tutte le necessarie verifiche ambientali. Continua a leggere Sisma, il supporto Snpa all’emergenza

Il consumo di suolo regionale: on line la situazione a livello locale

consumo suolo_italia

Qual’è la situazione del consumo di suolo a livello regionale e comunale? A descriverla l’Ispra nell’ultimo Rapporto sul Consumo di Suolo in Italia 2016 che quest’anno porta la firma SNPA:  all’apice della classifica si collocano 3 regioni che superano il 10% di suolo consumato, con il valore percentuale più elevato in Lombardia, Veneto e Campania, mentre Emilia Romagna, Friuli-Venezia Giulia, Lazio, Liguria, Puglia, Piemonte, Toscana, Marche raggiungono valori compresi tra il 7 e il 10%. Continua a leggere Il consumo di suolo regionale: on line la situazione a livello locale

Mappe dei danni del terremoto da “Copernicus”

jrc-amatrice-earthquake-map

La Commissione europea ha pubblicato mappe accurate dei danni causati dal terremoto catastrofico che ha colpito l’Italia centrale il 24 agosto. Le mappe sono state prodotte dal Copernicus Emergency Management Service (EMS) Mapping, una delle risorse del programma europeo di osservazione della Terra Copernicus, su richiesta delle autorità italiane a sostegno di una valutazione preliminare dei danniLeggi il resto >

Progetto A21L: pianificazione locale sostenibile

agenda21

Il Progetto A21L e pianificazione locale è un progetto istituzionale di Ispra. Realizza in collaborazione con le Amministrazioni locali italiane (ad oggi 220 maggiori comuni), raccolta dati e monitoraggio di metodologie ed esperienze sugli strumenti di pianificazione locale in chiave sostenibile anche in relazione alle direttive e linee guida europee, sulla scorta del Censimento dei processi di A21L negli 8101 comuni italiani. Le macroaree di intervento monitorano piani urbanistici, di partecipazione, per l’ecoturismo; strumenti per fare rete, misure per l’energia sostenibile e di welfare urbano. Continua a leggere Progetto A21L: pianificazione locale sostenibile

GELSO: la banca dati sulle buone pratiche di sostenibilità locale

gelso

Una banca dati disponibile per tutti sulle buone pratiche per la sostenibilità locale, intesa come strumento di lavoro al servizio di quanti sono interessati a ciò che di innovativo si sta facendo nel campo dello sviluppo sostenibile. Continua a leggere GELSO: la banca dati sulle buone pratiche di sostenibilità locale

Ostreopsis ovata: dove, come e quando. Tutte le informazioni in un opuscolo

volantino Ostreopsis

Le principali informazioni sulla cosiddetta “alga killer”, particolarmente temuta durante la stagione balneare, sono state riassunte in un dépliant informativo realizzato, tra gli altri, da Ispra e Arpa Liguria. Le zone marittime francesi della Provenza-Alpi-Costa Azzurra, del Principato di Monaco e della Regione Liguria sono state particolarmente toccate dal fenomeno della presenza dell’alga negli ultimi dieci anni.

Continua a leggere Ostreopsis ovata: dove, come e quando. Tutte le informazioni in un opuscolo

EVENTI – Stand Ispra e Assoarpa alla Conferenza della International Society for Environmental Epidemiology (ISEE)

banner-EHP
La  Conferenza della International Society for Environmental  Epidemiology (ISEE), la società scientifica che raccoglie i ricercatori di tutti i paesi del mondo sui temi ambiente e salute, per la prima volta verrà ospitata in Italia, a Roma, nei giorni 1-4 settembre, presso l’Auditoriun Parco della musica, www.isee2016roma.org.

Continua a leggere EVENTI – Stand Ispra e Assoarpa alla Conferenza della International Society for Environmental Epidemiology (ISEE)

VIDEO – Raccontare e spiegare le attività Ispra sull’isola di Ventotene attraverso gli occhi di un bambino

ventotene

Un breve video che racconta, con gli occhi e la voce di un bambino, l’isola di Ventotene e le attività Ispra legate al monitoraggio della migrazione dei volatili sull’isola. Il bambino narrante da due anni ormai visita insieme al padre, le attività di monitoraggio dell’Istituto e il museo della migrazione di Ventotene. Link al video >

Conferenza della International Society for Environmental Epidemiology (ISEE)

banner-EHP

Ispra e Assoarpa saranno presenti con un proprio stand alla  conferenza della International Society for Environmental  Epidemiology (ISEE), la società scientifica che raccoglie i ricercatori di tutti i paesi del mondo sui temi ambiente e salute, che per la prima volta verrà ospitata in Italia, a Roma, nei giorni 1-4 settembre, presso l’Auditoriun Parco della musica, www.isee2016roma.org  Leggi il resto > Continua a leggere Conferenza della International Society for Environmental Epidemiology (ISEE)

Legge sul consumo di suolo, ecco i punti di forza e le criticità

volume consumo di suolo

Dopo il “Soilday 2016” dello scorso 13 luglio a Roma, che ha registrato grande interesse e partecipazione, torniamo a parlare della legge sul consumo di suolo con Michele Munafò, ricercatore dell’Ispra e responsabile del rapporto annuale curato dall’Istituto. Leggi il resto > Continua a leggere Legge sul consumo di suolo, ecco i punti di forza e le criticità

Oltre 90 specie aliene individuate in quattro porti dell’Adriatico. A Bari Infoday sul progetto Balmas

pesce coniglio striato

Monitorare le acque di zavorra delle navi per limitare i rischi provenienti dalle specie aliene: è l’obiettivo del progetto europeo Balmas (Ballast Water Management System for Adriatic Sea Protection), che si conclude a settembre e sul quale Ispra ha promosso un momento d’incontro a Bari. Presentato il quaderno “Nuove specie in Adriatico: cosa fare, come riconoscerle”, un volume ricco di immagini e descrizioni delle specie ittiche aliene. Leggi tutto

 

Clima in Italia: nel 2015 nuovo record della temperatura media annuale

indicatori-clima

Con valori di poco superiori al 2014, lo scorso anno si è attestato come il più caldo in assoluto nella storia del Paese. A determinare il picco sono state soprattutto le temperature di luglio e degli ultimi due mesi dell’anno, segnati da un clima particolarmente mite e secco rispetto alle medie invernali. Nuovi record di temperatura si sono registrati nelle regioni settentrionali e sulle stazioni in quota dell’arco alpino. Diminuite pressoché ovunque le precipitazioni nel 2015. Unica eccezione la Sicilia, dove gli eventi estremi sono stati particolarmente violenti. In tutto il territorio nazionale la poca pioggia ha portato con sé periodi di siccità specialmente negli ultimi mesi dell’anno. L’undicesima edizione del rapporto Ispra “Gli indicatori del clima in Italia” fotografa l’andamento del clima in Italia nel 2015 e aggiorna le stime degli ultimi dieci anni. Leggi il resto