Dall’economia lineare a quella circolare, l’Unione europea inverte la rotta

Un numero di Ecoscienza dedicato all’economia circolare, un cambiamento epocale ineludibile. Il redazionale di apertura e l’indice degli articoli pubblicati.

Il modello di economia lineare, che dalle materie prime realizza prodotti che una volta consumati producono rifiuti, non è più sostenibile – oggi usiamo una volta e mezzo le risorse che il pianeta è in grado di rigenerare – e si è rivelato una della principali cause di inquinamento ambientale.

Invertire la rotta è possibile e, soprattutto, ineludibile. Le risorse limitate, la crescita demografica, la richiesta crescente di materie prime, spesso importate da paesi politicamente instabili, impongono il passaggio all’economia circolare. Con le nuove norme approvate lo scorso aprile dal Parlamento europeo, che gli stati membri dovranno recepire entro due anni, la Ue investe questa direzione. Ogni anno, nell’Unione si generano complessivamente 2,5 miliardi di tonnellate di rifiuti (circa 5 tonnellate pro capite), il 10% dei quali è costituito da rifiuti urbani. E dai rifiuti urbani prendono l’avvio le direttive per il cambiamento che Strasburgo ha approvato a larga maggioranza.

Per raggiungere l’ambizioso traguardo di ridurre, da un lato, la richiesta di risorse e, dall’altro, l’immissione di gas serra e la generazione di rifiuti, occorre “chiudere il cerchio”: con un quadro legislativo univoco e condiviso, il vecchio continente, povero di materie prime ma ricco di competenze e tecnologie, intende sostituire al modello “usa e getta” il principio “riusiamo/ripariamo”, in grado di tradurre i costi della transizione in vantaggi ambientali ed economici immediati e futuri.

Le innovazioni produttive richieste dall’ecodesign estendono il ciclo di vita dei prodotti, richiedono nuove competenze e aumentano la competitività delle imprese; il riuso e il riciclo consentono di convertire in materia prima di un prodotto lo scarto di un altro; l’ottimizzazione nell’uso delle risorse riduce i costi e le emissioni di CO2: grandi sfide e altrettanto grandi opportunità di innovazione e crescita. Vai al redazionale su Ecoscienza >

Il nuovo pacchetto Ue sull´economia circolare
Rita Michelon

Obiettivi e nuovi scenari per un´Europa competitiva
Simona Bonafè

Le nuove direttive, punto di partenza per il domani
Piernicola Pedicini

Come misurare lo sviluppo e l´economia circolare?
A cura di Elisa Bonazzi

Lubiana, case history della Capitale verde europea 2016
Zala Strojin Bozic

Il mondo industriale e le nuove norme ecodesign
Marco Ravazzolo

Rifiuti da imballaggio, il riciclo oggi e domani
A cura di Conai

Emilia-Romagna, la svolta green è già in atto
Paola Gazzolo

Le tecnologie digitali contro la plastica
Alberto Bellini

Vai a Ecoscienza 3/2018 

2 commenti su “Dall’economia lineare a quella circolare, l’Unione europea inverte la rotta”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.