Earth Overshoot Day 2018: dal primo agosto sovrasfruttiamo il pianeta

Ieri, primo agosto, è stato l’Earth Overshoot Day, giorno dal quale l’uomo inizia a usare più risorse naturali di quanto il nostro pianeta possa rinnovare nel corso dell’anno. A calcolare la data della giornata è il Global Footprint Network, organizzazione internazionale di ricerca, secondo cui per soddisfare la domanda di risorse naturali occorrerebbero 1,7 Terre.


Ogni anno, la data dell’Earth Overshoot Day viene calcolata confrontando il consumo annuale di risorse naturali da parte dell’uomo (impronta ecologica) con la capacità di rigenerazione della Terra (biocapacità).

Considerando un range temporale che va dagli anni settanta ad oggi, tale data cade sempre prima nell’arco dell’anno. In altre parole, ogni anno che passa finiamo le risorse naturali a nostra disposizione sempre prima.

Nel mondo, però, non tutti i Paesi consumano la stessa quantità di risorse né tanto meno lo fanno con la stessa velocità. Per questo viene calcolato l’Overshoot Day dei singoli Paesi (Country Overshoot Day). Come si può vedere dalla mappa sottostante, per l’Italia l’Overshoot Day 2018 è stato il 24 maggio.

Per riportare lo sfruttamanto delle risorse entro dei limiti sostenibili per il pianeta il Global Footprint Network individua quattro settori sui quali poter agire: città, energia, cibo e popolazione.

La pianificazione urbana può svolgere un ruolo importante nel determinare la nostra necessità di usare l’auto: il trasporto personale, infatti, rappresenta il 14% dell’impronta di carbonio dell’umanità. Viene stimato che se dimezzassimo il tempo passato al volante e ipotizzassimo un terzo degli spostamenti con i mezzi pubblici e il resto a piedi o in bicicletta, si guadagnerebbero 12 giorni.

Decarbonizzare l’economia tagliando della metà le emissioni del settore energetico, dovute principalmente all’utilizzo dei combustibili fossili, permetterebbe di recuperare ben 93 giorni.

Se riducessimo il consumo globale di carne del 50% e sostituissimo queste calorie con una dieta vegetariana, sposteremmo l’Overshoot Day di 5 giorni. Inoltre, se in metà del mondo tagliassimo gli sprechi alimentari guadagneremmo altri 11 giorni.

Non da ultimo, occorrerebbe far rallentare l’aumento della popolazione mondiale. Se ogni famiglia al mondo avesse un figlio in meno l’Overshoot Day si sposterebbe di 30 giorni entro il 2050.

Per saperne di più www.footprintnetwork.org

3 commenti su “Earth Overshoot Day 2018: dal primo agosto sovrasfruttiamo il pianeta”

  1. Interessante. Però una notizia dal taglio essenzialmente divulgativo, senza informazioni scientifiche, come ci si aspetterebbe da una rassegna stampa dedicata a chi si occupa professionalmente di protezione ambientale. Quali sono i dati e i modelli su cui si basa il calcolo dell’Earth Overshoot Day ? Ho consultato (velocemente) il sito indicato ma a parte video e affermazioni generiche non ho trovato altro.

    1. Gentile lettore,
      la ringraziamo per la sua attenzione. Come riporta lei, l’articolo, di taglio divulgativo appunto, aveva lo scopo di dare un quadro generale dell’argomento, facendo emergere dei messaggi chiave e dando comunque la possibilità a chi volesse approfondire di andare direttamente alla fonte. Solo qualche precisazione: Ambienteinforma non è stato pensato come un servizio di rassegna stampa per operatori che si occupano di protezione ambientale, bensì è un notiziario (e per definizione una notizia non può avere il formato e la profondità di una trattazione scientifica) che raggiunge un pubblico molto ampio e differenziato, spesso che non si occupa affatto di ambiente. Proprio per questi motivi la redazione cerca sempre di mediare tra posizioni ed esigenze diverse. Ad ogni modo accogliamo favorevolmente la sua segnalazione che consideriamo essere un ottimo spunto per migliorare la nostra attività in base alle esigenze dei diversi pubblici. Un caro saluto dalla redazione

    2. Buongiorno Mauro,

      con riferimento al suo commento del 2 agosto le vorrei indicare di seguito alcuni dei link di approfondimento presenti nel sito della Global footprint network http://data.footprintnetwork.org/#/

      http://data.footprintnetwork.org/#/exploreData
      http://data.footprintnetwork.org/#/abouttheData
      https://www.footprintnetwork.org/our-work/
      https://www.footprintnetwork.org/resources/
      per poi arrivare nel dettaglio a parlare di Earth Overshootday https://www.footprintnetwork.org/our-work/earth-overshoot-day/

      In particolare dalle prime sezioni si possono cercare e scaricare informazioni sui principali dati e indici di misurazione della sostenibilità, nel loro significato individuale o più completo: dall’impronta ecologica, allo Human Development Index delle Nazioni Unite, al Pil e reddito procapite, popolazione, indicatore di biocapacità per persona, impronta di carbonio e così via.

      Fino a tracciare dai singoli indicatori anche relazioni con indici di performance economica e sociale del sistema paesee, proprio perche, nella dimensione più ampia ma imprenscindible dello sviluppo sostenibile, vanno considerati e integrati anche altri ambiti di definizione del sistema (non solo quello ambientale ma ad esempio anche sociale ed economico).

      Tutti i dati sono poi resi disponibili per paese, dando anche rilievo al trend dagli anni 60 circa. Con gli indici ufficiali, e globalmente rionosciuti, i dati elaborati dalla Global Footprint network consentono la confrontabilità e ufficialità delle misurazioni, anche per paese.

      Quindi riassumendo, dal sito generale del footprint network si possono raccogliere e interpretare i dati sul flusso metabolico complessivo del sistema socio-economico in relazione alla capacità di carico della natura.

      Dal sito di riferimento iniziale si può giungere a scaricare i dati disponibili per anno, paese, verificarne corrette definizioni e significati, domande comuni di approfondimento e relative risposte.

      Sono poi disponibili nella sezione Media i principali articoli della stampa internazionale sull’Earth overshootday del 2018
      https://www.overshootday.org/newsroom/media-highlights-2018/

      Cordialmente,
      Elisa Bonazzi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.