La situazione in Toscana nel 2017

In Toscana, nel 2017, permangono alcune criticità per gli inquinanti Particolato PM10, Biossido di Azoto e Ozono.

Per quanto riguarda il PM10, il limite di 35 superamenti della media giornaliera di 50 µg/m3, come avvenuto nel 2016, è stato rispettato in tutte le stazioni con le due eccezioni delle stazioni di fondo PT-Montale, che ha registrato 36 superamenti, e LU-Capannori che ne ha registrati 55.

Il valore limite relativo all’indicatore della media annuale del biossido di azoto è stato superato in 3 stazioni di traffico urbano della Rete Regionale attive con serie valida: 2 collocate nel comune di Firenze (FI-Gramsci e FI-Mosse) e 1 nel comune di Siena (SI-Bracci).

Le elaborazioni dei dati rilevati dalle stazioni di rete regionale nel 2017 confermano la situazione critica per l’ozono: il valore obiettivo per la protezione della popolazione non è infatti stato rispettato nell’80% delle stazioni, mentre la soglia di informazione è stata superata in 4 stazioni, per un totale regionale di 9 ore. La situazione si è confermata critica in particolare per le zone interne toscane, ma i superamenti si sono verificati in tutte le zone della regione.

Leggi l’articolo completo sul sito di ARPAT.

Un commento su “La situazione in Toscana nel 2017”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.